Football Manager e il caso dei giocatori fantasma

Reale o immaginario, basta che segni

IL DETTAGLIO
A cura di Francesco Ursino - 18 Ottobre 2019 - 11:07

Pochi giorni fa è stata annunciata la data di uscita di Football Manager 2020, che quest’anno si farà attendere più del solito, forse per accompagnare l’arrivo di Google Stadia, il servizio di streaming che ospiterà il gioco e che sarà reso disponibile lo stesso giorno, ovvero il 19 novembre.

E allora, preso già dalla irrefrenabile voglia di scegliere una squadra improbabile e farla salire agli onori delle cronache, in questa puntata de Il Dettaglio ho pensato di indagare un aspetto del tutto peculiare del manageriale Sports Interactive, dovuto soprattutto al suo processo di sviluppo.

Football Manager e il caso dei giocatori fantasma

Un modo come un altro per fare gli esperti di calcio

Football Manager include migliaia di migliaia di nomi, statistiche, parametri – insomma, tutto quello che serve a identificare giocatori e allenatori di squadre di (quasi) tutto il mondo. Per raccogliere tutti questi dati, i soli membri interni di Sports Interactive non bastano. E qui entra in gioco quello che non faticherei a definire l’opera di crowdsourcing videoludica più puntuale, precisa e metodica che si sia mai vista. Questo bell’articolo di Ultimo Uomo indaga sulla rete di scout che ogni anno, nei mesi precedenti al gioco, si impegnano quasi esclusivamente a titolo gratuito per fornire i dati necessari alla costruzione del database.

Chiunque può farne parte, come spiega Matteo Zanini, responsabile per l’area di San Marino:

L’iscrizione degli scout è libera e ogni anno si contano centinaia di candidati. Nel gruppo ci sono tifosi, semplici appassionati, giornalisti, agenti, allenatori delle giovanili, segretari di club.

Anche perché, considerata la popolarità del gioco, essere su Football Manager è un po’ un attestato, un certificato che ti dice che ce l’hai fatta. E se a farsi vanto della propria squadra su Twitter si mettono anche i super campioni come Griezmann, vuol dire che la trasformazione del gioco Sports Interactive da semplice titolo a fenomeno di costume è definitivamente ultimata.

Con tutti i rischi del caso.

Football Manager e il caso dei giocatori fantasma

Giocatori fantastici e dove non trovarli

Sì, perché la forza di Football Manager, questa mastodontica rete di collaborazione mondiale di professionisti e amatori, in alcune occasioni può trasformarsi nella sua debolezza. Come negli ormai leggendari casi di cui voglio parlare oggi, ovvero quelli dei giocatori completamente inventati.

Non sto parlando dei regen, i calciatori creati dal gioco ex novo, ma proprio di atleti inseriti nel database ufficiale che in realtà non esistono. Uno dei casi più clamorosi, e tutto italiano, risale a Football Manager 2009. Secondo il gioco Sports Interactive, infatti, nella Cisco Roma di quell’anno militava un certo Mascio, italo-brasiliano tutto tecnica che in pochi anni poteva diventare la nuova stella del calcio mondiale. Solo che Mascio non esisteva. E questo lo posso testimoniare in prima persona, visto che in quegli anni la Cisco Roma affrontò più volte il Catanzaro, di cui il sottoscritto è tifoso, e anche andando allo stadio non ho mai avuto il piacere di incrociare questo fenomeno parastatale.

La stessa cosa capitava anche con tali Cascio, Ricciolino, Silent e Rondinella: tutti calciatori fortissimi, ma introvabili nella realtà. La leggenda vuole che la Cisco Roma venne contattata un po’ da tutta Europa per avere informazioni su Mascio. Non so se questo sia vero ma, considerata la sempre maggiore attendibilità di Football Manager nel mondo del calcio, non sarei pronto a giurare il contrario.

Ma come è stato possibile ciò? È stato possibile perché un meccanismo dell’ingranaggio di ricerca si è inceppato. Ancora una volta, la leggenda vuole che tale F.S. di Taranto, osservatore del gioco, abbia manipolato la rosa della Cisco per vendicarsi del celebre Panoz, head researcher e nome che tutti gli appassionati italiani del gioco conoscono. La sua colpa? Non aver accettato i dati di ricerca che lo stesso F.S. aveva mandato qualche anno prima.

Football Manager e il caso dei giocatori fantasma

Che la storia sia vera o no, ricordo chiaramente quanto fosse dannatamente forte Ricciolino… almeno prima che lui e gli altri fenomeni inventati venissero cancellati con una patch.

Sports interactive trollona

Quello di Mascio e compagnia non è certo il primo caso di giocatori inventati in Football Manager. Come dimenticare Tó Madeira, fenomeno clamoroso e risalente addirittura a Championship Manager 01/02? Questa volta, il mistero è un po’ meno misterioso: si trattava, infatti, di un atleta completamente inventato da Antònio Lopez, addetto allo scouting del Gouveia, che creò il giocatore dando sfogo alle sue fantasie di bambino.

Sports Interactive dimostra di essere piuttosto attenta a questi particolari. Se si va a spulciare il trailer di Football Manager 2019, infatti, e si arriva a 2:04, non si rimarrà sorpresi dal nome del giocatore ingaggiato dal Bayer Leverkusen:

Football Manager e il caso dei giocatori fantasma

Questa commistione tra vero, presumibilmente vero e verosimiglianza è il motore che spinge ancora Football Manager. Se non l’avete ancora fatto, suggerisco di guardare il documentario An Alternative Reality: The Football Manager Documentary, liberamente disponibile su Youtube, che parla diffusamente della rete di scout del gioco.

Football Manager è un gioco, ma prima di tutto un incredibile veicolo di creazione e diffusione di storie. La storia di quando ho vinto il campionato ucraino, la storia di quando sono salito dalla Promozione alla Serie A con la squadra del paesino qui vicino, la storia di quel giocatore sconosciuto che inizia a segnare valanghe di gol. E visto che noi tutti, chi più chi meno, siamo affamati di storie, ecco che l’arrivo della nuova iterazione rappresenta già un motivo di giubilo. Certo, ci sarebbe da parlare dei difetti della serie – perché ce ne sono – ma questo è un discorso che verrà fatto nelle sedi opportune. Qui mi interessava indugiare solo sui fantastici giocatori inventati che si sono succeduti nel corso degli anni.

Voi avete mai legato le vostre fortune da allenatori a Ricciolino, Tó Madeira e tutti gli altri?




TAG: football manager 2020, il dettaglio