Dragon Ball FighterZ, l’influenza del producer di Tekken Katsuhiro Harada

A cura di Paolo Sirio - 10 Ottobre 2017 - 0:00

Quando si parla di picchiaduro, in casa Bandai Namco e forse oltre non si può non chiedere un parere a Katsuhiro Harada, storico producer della serie Tekken.È così che il producer di Dragon Ball FighterZ Tomoko Hiroki, parlando del gioco ai microfoni di Game Informer, ha raccontato dell’influenza di Harada e dei consigli ricevuti durante lo sviluppo presso Arc System Works.“Harada-san è, per me, il padre dei picchiaduro. Tra le varie cose che mi ha insegnato, ciò che mi ha davvero impressionato è il modo in cui tiene l’occhio sugli utenti mentre giocano un suo titolo e mantiene il suo canale di comunicazione con i videogiocatori”, ha spiegato Hiroki, rispondendo in maniera affermativa, con una risata, quando gli hanno fatto notare che da Harada ha preso anche la mania per gli occhiali da sole.“Ho ricevuto qualche consiglio qui e lì da lui sulla qualità. Harada-san ha offerto suggerimenti in quanto creatore di Tekken, e c’è stato tanto di quello che ha suggerito in relazione ai picchiaduro che ha avuto un forte impatto su di me”.Non c’è niente di male dall’imparare dai migliori sul campo, anzi, specie quando questi dimostrano di avere dopo tutti questi anni ancora un appeal fenomenale sul pubblico. Tekken 7 ha infatti già venduto 2 milioni di copie da giugno a settembre. Se volete saperne di più sugli ultimi tie-in, vi invitiamo a leggere questa nostra interessante retrospettiva sui capitoli più recenti della saga videoludica di Dragon Ball.Fonte: Game Informer




TAG: dragon ball fighterz