Da DiRT Rally 2.0 a Metal Gear Solid | La settimana in SpazioWeekly

Nel riepilogo degli articoli più in vista della settimana anche Yoshi's Crafted World e Final Fantasy IX

Il 2019 è partito forte e gli argomenti non mancano mai: nel nuovo numero di SpazioWeekly, dove passiamo in rassegna gli articoli più in vista della settimana, scopriamo recensioni e approfondimenti, che coinvolgono tanti nomi interessanti – da DiRT Rally 2.0Metal Gear Solid, passando per Final Fantasy IXYoshi’s Crafted World.

DiRT Rally 2.0 – anche detto “fare le cose per bene”

Il nostro Matteo Bussani si è messo comodo nel suo abitacolo virtuale per raccontarvi tutto di DiRT Rally 2.0, la nuova maniacale simulazione di rally firmata da Codemasters. Una decina d’anni dopo l’esordio del franchise, questo episodio di DiRT sa come fare per puntare tutto, quasi maniacalmente, sulla simulazione pura.

DiRT Rally 2.0

Il risultato è un gioco che non vi prende per mano – più probabile, anzi, che vi prenda a schiaffi, perché i grandi tempi dovete guadagnarveli con la pazienza e l’applicazione – forte di un modello di guida estremamente sofisticato e per questo soddisfacente, che si rivolge ovviamente a un pubblico che ama il genere. Se le corse per voi sono arcade, insomma, tenete conto dell’approccio totalmente diverso di DiRT Rally 2.0.

Il verdetto di Matteo è chiaro: ci troviamo di fronte alla miglior rappresentazione videoludica del rally attualmente sul mercato, anche se la carriera non ha niente di eccezionale da offrire. La qualità vale assolutamente il prezzo del biglietto.

DiRT_Rally_2.0_Fiesta_RX_2

La censura nei videogiochi, a partire da Catherine

È invece a firma Adriano Di Medio un succoso speciale pubblicato nei giorni scorsi, nel quale affrontiamo un tema tornato alla ribalta e parecchio delicato. Come segnalato da alcuni sviluppatori, soprattutto nipponici, Sony starebbe infatti ponendo dei canoni per censurare dei contenuti all’interno dei videogiochi che arrivano su PlayStation in Occidente.

Anche Catherine: Full Body, in tutta la piccantezza delle (dis)avventure del protagonista, è finito nel calderone dei tagliuzzamenti di Sony? Il nostro Adriano ha provato a indagare…

Catherine Congiura

Steins;Gate Elite e la maestria di una grande visual novel

Il nostro Gianluca Arena si è invece immerso a piene mani in Steins;Gate Elite, sul quale non ha girato troppo attorno: ci troviamo di fronte a una delle migliori visual novel dell’ultimo decennio, che mette insieme tematiche complesse e un cast di personaggio che vorreste custodire gelosamente nel cuore. La sua versione Elite si arricchisce di intermezzi animati che rendono più completa e più gradevole l’esperienza, andando a costituire un insieme che merita sicuramente di essere giocato.

Come sempre accade nelle riedizioni, però, la discriminante è una e una soltanto: se avete già giocato l’originale, sappiate che i motivi per ricomprare lo stesso gioco non sono poi così tanti, tolte queste sequenze filmate, anche in virtù di un prezzo non proprio contenuto. Per tutti gli altri, potete godervi la rigiocabilità e una storia magnetica e meritevole di tutto il vostro tempo.

Nel mondo di cartone di Yoshi’s Crafted World

Il buon Matteo Bussani si è dedicato al mondo coloratissimo di Yoshi’s Crafted World: il nostro caporedattore ha infatti avuto modo di trascorrere le prime ore in compagni dell’adorabile Yoshi, scoprendo quelle che sono le novità e le peculiarità del nuovo episodio della serie platform a scorrimento.

La direzione artistica, come prevedibile, riesce a incuriosire e far innamorare l’occhio proprio come accadeva con il precedente Yoshi’s Woolly World. Il gioco, come i precedenti, è estremamente facile (in linea con il target a cui si rivolge), il level design è intelligente e accattivante, anche nella nuova meccaniche di fronte/rovescio per tutti i diversi livelli.

yoshi's crafted world

Il primo boccone di Yoshi’s Crafted World ci ha insomma restituito un buon sapore e torneremo nel mondo di cartone di Nintendo quanto prima per i verdetti definitivi – non senza avervi prima ricordato che potete provare anche voi il primo livello del gioco grazie alla demo scaricabile su eShop di Nintendo Switch.

Benarrivato su Switch, Final Fantasy IX

È stato Adriano Di Medio a seguire Gidan, Garnet, Steiner, Vivi e tutti i loro compagni nello sbarco di Final Fantasy IX su Nintendo Switch. Il collega ha preso in analisi questo porting per il grande classico firmato Square Enix, uscito originariamente nel 2000 e che in questo periodo vive una nuova giovinezza grazie alle nuove release.

Quello che è emerso dalla nostra analisi è che Final Fantasy IX mantiene incontaminata la sua bellezza, forte di grandi atmosfere, una splendida direzione artistica, indimenticabili personaggi e una OST spaziale, anche su Nintendo Switch. Poterci giocare in portatile, per chi non lo ha già fatto su PSP/PS Vita, è assolutamente un must – soprattutto se amate vagare per il mondo per allenare i vostri personaggi.

final fantasy ix

Peccato, invece, che alcune magagne tecniche viste negli altri porting siano rimaste invariate, oltre al fatto che questa versione non aggiunge niente a quelle viste su PS4 e PC. Se possedete quelle, insomma, sappiate che ci troviamo di fronte a esattamente il medesimo prodotto.

Metal Gear Solid – vent’anni dopo

È invece a firma Stefania Sperandio (inaspettato, ndr) lo speciale che ha celebrato i vent’anni anche in Europa di Metal Gear Solid, che dalle nostre parti vide la luce proprio a febbraio 1999. A vent’anni di distanza, il nostro speciale ricorda le grandi peculiarità dell’opera magna di Hideo Kojima – dal suo modo unico di raccontare la violenza ai suoi personaggi, dalle sue meccaniche stealth alle sue boss fight, dal gioco che si rivolgeva direttamente al giocatore, consapevole della sua presenza al di là dello schermo, al sommarsi di talenti che si nascondevano nello staff che realizzò l’avventura di Solid Snake a Shadow Moses.

metal gear solid dock

In attesa di un nuovo remake in FOX Engine che per ora suona più come un miraggio che altro, potete concedervi un po’ di sana nostalgia, dal 1999 al 2019, dando un’occhiata al nostro speciale.

Gli argomenti non mancano mai, in un 2019 che continua a fornire tanti spunti di riflessione: in evidenza, questa settimana, quelle dedicate al ventennale di Metal Gear Solid e alla censura nei videogiochi, ma per chi ama le novità all’ultimo grido gli articoli abbondano allo stesso modo. Ecco così la disamina sul ritorno di Final Fantasy IX, quella sull’esordio di DiRT Rally 2.0, accompagnate dalla nostra prova sul campo con Yoshi’s Crafted World.

SpazioGames vi augura come di consueto buon weekend!