Dopo Netflix, anche Youtube intende limitare la qualità dello streaming in Europa

Si vogliono evitare blocchi alla navigazione

NEWS
A cura di Antonello Buzzi - 20 Marzo 2020 - 10:13

Vi abbiamo già riferito nella giornata di ieri che, a causa della pandemia di Coronavirus COVID-19, le compagnie di telecomunicazione europee hanno registrato un consumo di banda molto più elevato del solito dato che più persone sono a casa e, di conseguenza, sono portate ad usufruire di contenuti multimediali online.

Per evitare di congestionare i servizi di rete in un momento così delicato, il commissario europeo Thierry Breton ha chiesto ai maggiori fornitori di servizi di streaming di limitare la visione dei contenuti a bassa definizione. Tra questi, Breton ha parlato anche a Sundar Pichai, CEO di Alphabet, e Susan Wojciki, CEO di YouTube.

youtube coronavirus

L’appello è già stato recepito dal gigante Netflix ed oggi anche YouTube ha confermato, in un comunicato ufficiale, che <<tutti i contenuti indirizzati ai territori europei saranno temporaneamente visualizzati in bassa risoluzione di default>>.

Sicuramente questo non sarà accolto di buon grado dai più attenti alla qualità visiva, ma si tratta di un piccolo sacrificio da compiere per garantire la fruibilità dei servizi online a tutti.

Ovviamente, si chiede anche un utilizzo responsabile del consumo di dati, senza eccessi da parte delle famiglie o dei singoli. Il ridimensionamento dei servizi dovrebbe durare solo 30 giorni.

Fonte: Reuters




TAG: coronavirus, europa, netflix, youtube