Manchester United fa causa a Football Manager

SEGA si appella alla "libertà di espressione" ma il club inglese valuta come illegale anche l'incentivo ad usare mod e patch

News
A cura di Paolo Sirio - 25 Maggio 2020 - 15:27

Il Manchester United ha fatto causa a SEGA per una presunta violazione di copyright nella serie Football Manager, come riporta il sito online di The Guardian.

La disputa legale non ha basi particolarmente solide, almeno all’apparenza, dal momento che il club di Premier League accusa il publisher di aver usato una versione semplificata del suo logo – non lo stemma ufficiale visto che Football Manager non ne detiene la licenza – oltre che il nome.

Sia il nome che questa versione semplificata del logo vengono utilizzati «estensivamente nel gioco», affermano i legati della società inglese.

Come abbiamo appreso recentemente, lo sviluppatore Sports Interactive è molto attento sulla questione delle licenze, al punto che i suoi giochi possono essere acquistati soltanto per periodi relativamente brevi dopo l’uscita originale.

football manager 2020

Osservazione cui SEGA ha risposto che un trattamento simile era stato riservato sia da Football Manager che dal suo predecessore Championship Manager per anni «senza che ci fossero lamentele» dal club.

Usare il nome reale invece viene considerato «un legittimo riferimento alla squadra di calcio Manchester United in un contesto calcistico», qualcosa che secondo il publisher non richiederebbe un pagamento di royalty.

Per evitare di incappare in situazioni simili, altri titoli di calcio come PES evitano di usare, oltre al logo, persino il nome della squadra di cui non detiene i diritti – nel caso specifico, la Premier League è una “proprietà” quasi integrale di Electronic Arts per FIFA. Un problema sul quale ci siamo soffermati all’inizio della stagione sportiva.

football manager 2020

Un punto importante su cui hanno battuto i legali dell’editore è che questo comportamento «impedisce una competizione legittima nel campo dei videogiochi» e che in definitiva porrebbe «limitazioni sul diritto alla libertà di espressione».

In aggiunta, dal Manchester United fanno sapere di includere nel loro ragionamento anche mod e patch realizzate dai fan, «incoraggiate» da SEGA e Sports Interactive (anche) promuovendone i frutti sui propri canali ufficiali e sfruttando le possibilità garantite da tali strumenti per incrementare le vendite del franchise.

La disputa legale è ancora in corso e rimangono da valutare le possibilità, per una parte così come per l’altra, di uscirne vincitori; il risultato di questa causa potrebbe avere un impatto notevole sul prosieguo della serie di Football Manager e di titoli che, per carenze di budget o esclusività sui diritti di talune squadre, si trovano in condizioni simili.

Fonte: The Guardian | Via VG247.com




TAG: football manager, football manager 2020, manchester united, sega, sports interactive