Le lacrime del director di God of War di fronte alle recensioni che hanno premiato il gioco

A cura di Stefania Tahva Sperandio - 20 Aprile 2018 - 0:00

Creare videogiochi non è un lavoro facile. Lo sa sicuramente bene un veterano come Cory Barlog, director di God of War, che si è lasciato andare alle emozioni in un video in cui ha letto davanti al suo pubblico gli esiti delle recensioni della sua nuova opera. Dopo cinque anni di lavoro sul nuovo viaggio di Kratos, la sua unica reazione possibile è stata quella di commuoversi per le lodi della critica.Il suo video è diventato anche un messaggio per suo figlio Helo, che evidentemente sta vivendo un momento difficile, e al quale papà Cory vuole dire semplicemente che non c’è niente di male nel piangere, anche per un uomo.

Cory Barlog, il successo di God of War e un messaggio a suo figlio

«Ho pensato molto prima di caricare questo video, poi ho pensato a quello che sta passando mio figlio Helo in questo momento» ha spiegato il director di God of War. «Non vuole che stiamo con lui quando è triste, preferisce andarsene in un’altra stanza e ci urla contro se proviamo ad entrare. Per noi è stato importante fargli sapere che va bene essere tristi, va bene piangere. Non c’è niente che debba nascondere. Ho pensato che sarebbe stato un buon esempio svelargli che anche papà può piangere, davanti a tutto il mondo, o almeno davanti alle 50 persone che hanno visto questo video! Questo è per te, Helo. Papà ti ama» è il messaggio che Barlog ha dedicato a suo figlio, nel pieno clima del rapporto padre-figlio che caratterizza God of War.Se siete delle persone empatiche, leggere la gioia negli occhi del commosso Barlog probabilmente vi contagerà. «Sto cercando di rimanere il più impassibile possibile, perché sono davvero nervoso all’idea» ammette il director all’inizio del video, quando si prepara a vedere le recensioni dedicate al gioco. «Parliamo dell’esito di tanto tanto tanto tempo. Cinque anni di lavoro se ne sono andati per questo gioco, questo momento significa tantissimo.»Poi, il momento dell’emozione, anche considerando che il gioco ha una media pazzesca di 95/100 su Metacritic, il che lo rende la miglior esclusiva PS4 di sempre. Per capirci, l’eccellente e premiatissimo The Legend of Zelda: Breath of the Wild, già divenuto un mostro sacro di questa generazione di console, ha una media di 97/100, superiore solo di due punti a quella del gioco di Sony Santa Monica. Cory Barlog«So che i voti delle recensioni non dovrebbero importare, ma, caz*o, sono così orgoglioso» è riuscito ad aggiungere Barlog, nell’emozione. «Non voglio dirvi stron*ate, ma mi stavo veramente cagando sotto. Immagino che non volevo credere che anche altri avrebbero visto il gioco come lo vedevo io, è meraviglioso. Immagino anche che questo significhi che non capisco un ca*zo! A volte, da un’idea pazza possono nascere delle cose speciali…» ha continuato il director.Nei giorni scorsi, anche James Barlog, padre di Cory e nonno di Helo, ha fatto le sue congratulazioni al figlio e a Sony Santa Monica per il grande successo di critica del gioco. Dopo le recensioni che hanno commosso Cory, oggi è il momento del day-one di God of War. Intanto, vi siete già visti la nostra video recensione?




TAG: god of war