Google Stadia potrebbe predire gli input per superare la latenza

Entro due anni, secondo uno degli ingegneri, Stadia potrebbe avere una latenza inferiore al tradizionale gaming in locale

NEWS
A cura di Stefania Tahva Sperandio - 10 Ottobre 2019 - 15:42

Una delle grandi paure del gaming in remoto e in cloud risiede nella latenza. La risposta dei giochi ai nostri input sarà in tempo reale? E se non lo fosse, l’esperienza non ne uscirebbe compromessa? A rispondere a queste domande è Madj Bakar, vice presidente per l’ingegneria del progetto Stadia di Google, che si è detto non solo fiducioso, ma anche sicuro che nel giro di due anni la piattaforma avrà prestazioni anche più immediate del tradizionale gaming in locale.

google stadia

Interpellato da EDGE, Bakar ha spiegato che «in definitiva, pensiamo che nel giro di un anno o di due anni, avremo dei giochi che gireranno più velocemente e più prontamente in cloud rispetto a quanto fanno in locale, a prescindere da quanto sia potente l’hardware che state utilizzando in locale».

Bakar ha anche fatto riferimento al possibile utilizzo della latenza negativa, che potrebbe consentire a Stadia di predire gli input del gioco, oltre che di modificare il frame rate per ridurre il ritardo tra l’input e il momento in cui viene mostrato su schermo.

Scopriremo cosa avrà da offrire in concreto Google Stadia a novembre, quando l’ambiziosa piattaforma in cloud firmata dal gigante di Mountain View arriverà ufficialmente. Se volete saperne di più, vi rimandiamo alla nostra scheda dedicata.

Fonte: VGC




TAG: Google Stadia