Speciali 8 min

Genshin Impact guarda al futuro: dalla saga di Liyue ai nuovi personaggi dell’aggiornamento

Abbiamo analizzato le novità introdotte nella nuova patch di Genshin Impact.

Dal suo arrivo a fine settembre, Genshin Impact ha senza dubbio conquistato il cuore di molti giocatori. Tanti infatti si sono persi all’interno del vasto mondo del gioco, che, nonostante sia un free-to-play, ha dimostrato una qualità inaspettata per un prodotto di questa tipologia. Non è un caso infatti che i 100 milioni di dollari spesi per la realizzazione del titolo siano stati ripagati in meno di due settimane dal lancio. Il merito di questo successo va agli sviluppatori con sede a Shangai di MiHoYo, che sono riusciti a creare un gioco ambizioso e ben confezionato, in grado di rivaleggiare con molti esponenti dello stesso genere che sono però a pagamento. La cura riposta nella creazione del mondo, nel combat system, nella grafica e in molti altri aspetti è palpabile dopo poche ore di gioco e chiunque può divertirsi per decine di ore senza sentire la necessità di spendere dei soldi reali.

Tutto questo, però, prima o poi ha una fine: Genshin Impact non è pensato per essere un’avventura completa, anzi, il suo lato RPG ci mostra che la storia principale è solo agli inizi e molto lontana da un’eventuale conclusione. Il business adottato da MiHoYo prevede di tenere incollati i giocatori per lungo tempo cercando di fidelizzarli e purtroppo questo si traduce con un sistema da gacha game che vede costretti gli utenti a farmare per molte ore pur di ottenere la valuta necessaria con cui sperare di ottenere il personaggio o l’arma desiderati.

Se all’inizio si viene ricoperti di Primogen e Wish con cui provare a “sbustare” gli eroi, avanzando nel gioco le cose cambiano, soprattutto nel provvisorio endgame. Una volta finite tutte le quest ed esplorata gran parte della mappa, resta ben poco da fare se non le commissioni giornaliere e le sfide dei vari domini per ottenere materiali per il potenziamento.

MiHoYo, però, sa bene che un prodotto del genere ha bisogno di ricevere costantemente nuova linfa vitale, pena la perdita d’interesse dei giocatori e di conseguenza dei possibili guadagni. Così, a circa un mese e mezzo dall’uscita su PlayStation 4, PC e mobile, è arrivata la prima patch importante per Genshin Impact, che punta a rivitalizzare il titolo.

Il destino di Liyue

L’aggiunta più importante di questa prima patch è sicuramente il terzo atto del primo capitolo della storia principale. Questa nuova quest conclude le avventure del nostro “Traveler” nelle lande di Liyue, terra ispirata a una Cina antica pregna di mitologia. Finalmente sarà dunque soddisfatta la curiosità di chi aspettava di incontrare il personaggio di Ningguang nel Palazzo di Giada, per ottenere risposte alle troppe domande lasciate in sospeso.

La quest, della durata di quasi due ore, non soltanto conclude degnamente questa parte dell’avventura, ma al momento è senza dubbio la migliore presente in Genshin Impact. La prima metà dell’avventura ci permetterà di fare la conoscenza con due personaggi importanti (tra l’altro giocabili, se avete avuto la fortuna di trovarli nei Wish), ossia la già citata Ningguang e Keqing, entrambi appartenenti ai Liyue Qixing, l’organizzazione che governa le terre di Liyue. Grazie a questi incontri saranno rivelati nuovi importanti dettagli sulla lore del gioco e sul passato delle sette divinità che governano i sette regni presenti nel mondo di Teyvat.

Dopo questa partenza più lenta e ricca d’informazioni si passerà a una seconda metà della quest molto più improntata all’azione. Senza fare spoiler, possiamo dirvi che in questa seconda parte è presente la boss fight attualmente più spettacolare del gioco, per quanto di boss fight ben fatte ce ne siano diverse all’interno del titolo, come ad esempio quella con Stormterror o quella con Andrius, il lupo di ghiaccio. Questo nuovo combattimento è diviso in tre parti, ognuna con un cambio radicale di abilità del nemico e con un crescendo di spettacolarità nell’azione. La difficoltà è anche ben bilanciata: con un team affiatato non si avranno grossi problemi, ma il boss fa notevoli danni e non va sottovalutato. La buona notizia è che, come per Stormterror, anche questa sarà rigiocabile una volta a settimana per ottenere esperienza e materiali rari.

Liyue

L’avventura del nostro personaggio nelle terre di Liyue si risolve poi in maniera degna, con un altro scontro epico, anche se non ai livelli di quello citato. In conclusione tutti i misteri saranno svelati, anche con qualche colpo di scena inaspettato, lasciando poi spazio a un dialogo che preannuncia la prossima destinazione, ossia la terra di Inazuma, ispirata al Giappone feudale.

Le novità principali

Sono diverse le novità introdotte in questa nuova versione di Genshin Impact. Oltre alla conclusione del primo capitolo della storia principale, al momento è stata inserita una nuova Story Quest dedicata a Childe Tartaglia, uno dei nuovi personaggi da cinque stelle introdotti con l’aggiornamento. In più sono state aggiunte anche diverse nuove World Quest, soprattutto nella regione di Liyue. I cambiamenti principali sono però legati al miglioramento della “quality of life” dei giocatori e sono stati apportati tenendo conto dei vari feedback pubblicati nel primo mese dal lancio.

La Original Resin, valuta indispensabile per poter affrontare i domini e riscattare i premi di alcuni boss, è stata aumentata da 120 a 160, e ora sulla mappa è possibile vedere il grado di completamento di ogni regione, legato a quest, forzieri e altri oggetti trovati. È stata aggiunta alle voci disponibili un’opzione chiamata Archivio, un database contenente tutti gli oggetti, i materiali, i libri e i tutorial presenti nel gioco. Qui potremo leggere curiosità e descrizioni dettagliate di ogni oggetto, ma la cosa più interessante è la possibilità di vedere quelli non ancora trovati così da farsi un’idea di cosa manchi nella propria collezione. Miglioramenti anche per l’inventario, che ora permette di vedere con una piccola icona a quale personaggi sono equipaggiate armi e artefatti. Sarà inoltre possibile lockare armi e artefatti preferiti, così da evitare di distruggerli inavvertitamente.

La novità più grossa è però legata all’introduzione di un sistema di reputazione delle due nazioni attualmente presenti. Dentro Monstadt e Liyue troveremo dei nuovi PNG che ci forniranno ogni dettaglio. Questo sistema si sbloccherà però soltanto una volta raggiunto l’Adventure Rank 25. Il sistema di ogni città è indipendente e verremo premiati per le quest fatte in una regione e anche per la percentuale di territorio esplorata. Grazie a questo sistema potremo anche capire quanto abbiamo effettivamente visto in ognuna delle due regioni, e quante quest, tra le Archon quest (la storia principale), le story quest (quelle con protagonisti i personaggi giocabili) e le world quest (quelle più generiche), ci mancano da fare. Ma non è finita qui, perché potremo anche intraprendere due nuove attività: le taglie e le commissioni. La prima ci permetterà di andare a caccia di mostri leggermente più potenti del normale e con caratteristiche uniche, come ad esempio un’immunità a un elemento specifico e una debolezza maggiore a un altro. Le commissioni invece ci permetteranno di svolgere dei semplici compiti per i cittadini, come ad esempio portare una determinata quantità di oggetti a uno di essi.

Svolgendo tutti questi compiti guadagneremo punti reputazione che ci garantiranno dei premi molto utili a ogni livello guadagnato (in totale ce ne sono 8). Proprio questi premi ci consentiranno di ottenere degli oggetti che miglioreranno alcune meccaniche di base del gioco. Uno dei premi ci darà per esempio una ricetta per costruire un gadget utile a individuare Anemoculus e Geoculus nella mappa, un altro ci consentirà di costruirci un punto di teletrasporto portatile, un altro invece ci permetterà di mangiare del cibo al volo per recuperare salute velocemente, senza aprire l’inventario per consumare del cibo spezzando così l’azione.

Zhongli

Il problema principale però è che tutte queste aggiunte non sono affatto immediate e vanno sudate. Molti di questi utili oggetti dovranno essere ottenuti con il grinding selvaggio di punti reputazione, cosa molto lenta da fare dato che ogni settimana potremo occuparci di soltanto 3 taglie e 3 commissioni al massimo. I punti ottenuti da queste attività, inoltre, non sono molti, e l’unico altro modo per ottenere punti reputazione è completare tutte le quest e l’esplorazione di ogni regione, cosa che comunque vi porterà al massimo a 4 livelli sugli 8 totali. Inoltre i nuovi giocatori dovranno arrivare all’Adventure Rank 25 prima di poter accedere al sistema di reputazione, dovendo quindi spendere come minimo una ventina d’ore senza poter nemmeno pensare di ottenere queste agevolazioni al sistema di gioco. Alcuni oggetti, come quelli per individuare gli Anemoculus e i Geoculus, collezionabili utili per far salire di grado le statue degli dei, sono anche scomodi da usare; per esempio, sono trattati come dei consumabili, e una volta attivati faranno la scansione soltanto di una piccola area della mappa, quindi la loro utilità verrà meno quando ci mancheranno poche unità da trovare.

Altra problematica è l’aumento delle Original Resin di soli 40 punti, in pratica un aumento abbastanza inutile, che permetterà di fare al massimo uno o due domini o boss in più rispetto a prima. L’Original Resin si ricarica di un’unità ogni otto minuti ed è obbligatoria da utilizzare per qualsiasi “dungeon” o scontro che ci può fornire oggetti per potenziare i nostri personaggi. Arrivati all’endgame, e senza voler spendere un soldo, i tempi di farming si allungano a dismisura proprio per questi limiti dovuti in gran parte alle Original Resin, rendendo difficile e soprattutto lungo e tedioso il processo di potenziamento dei personaggi., in particolare se si vuole far salire di livello un nuovo personaggio oltre a quelli del proprio quartetto di base. Le aggiunte di MiHoYo con questa patch dunque non agevolano più di tanto la vita dei giocatori già arrivati all’endgame, velocizzando irrisoriamente il processo di farming sia di Primogen, per poter comprare i desideri e ottenere nuovi personaggi e armi, sia di oggetti, utili per portare al massimo livello armi, talenti e personaggi.

Childe e Diona: chi sono i nuovi personaggi di Genshin Impact

Anche se la nuova patch porta in totale quattro nuovi personaggi, per il momento sono disponibili tramite i Wish soltanto Childe e Diona. Il nuovo Banner speciale è dedicato proprio al personaggio da 5 stelle dall’improbabile nome italiano, ossia Childe Tartaglia, appartenente ai loschi Fatui. Nello stesso banner sono aumentate le possibilità per ottenere anche Ningguang e Beidou, personaggi già presenti in passato, e l’altra new entry a quattro stelle, Diona. A inizio dicembre verrà introdotto il nuovo banner dedicato a Zhongli, uno dei personaggi più importanti nelle vicende vissute a Liyue e anch’esso da cinque stelle, e la nuova quattro stelle di elemento fuoco Xinyan.

Childe Tartaglia

Il gioco permette di provare i quattro personaggi dell’attuale Banner in una speciale arena, dove abbiamo potuto testare le abilità di Childe e Diona. Entrambi sono arcieri, ma Childe è un personaggio unico e parecchio interessante all’interno del gioco. Di elemento Acqua, Tartaglia, come tutti gli arcieri, ha la possibilità di sparare frecce imbevute del suo elemento, ma la sua abilità speciale gli permette di cambiare stile di combattimento diventando un combattente corpo a corpo. Questa versione crea armi fatte d’acqua che cambiano a seconda dei colpi, passando ad esempio da due lame a una lancia, il che lo rende molto spettacolare da usare. Inoltre il personaggio è dotato di due diversi Elemental Burst a seconda dell’arma utilizzata in quel momento. La sua abilità più pericolosa è quella passiva chiamata Riptide, che si attiva colpendo gli avversari con attacchi imbevuti dell’elemento acqua. Una volta marchiati con quest’abilità ogni danno da loro ricevuto da attacchi ad area di elemento acqua salirà esponenzialmente. Childe si conferma come un personaggio DPS letale, in grado di diventare, al momento, uno dei più efficaci del gioco.

Diona

Diona è invece un’arciera di elemento ghiaccio più basata sulla difesa e sul supporto. La sua abilità speciale chiamata Icy Paw lancia delle speciali frecce di ghiaccio a forma di zampa di gatto, da due a cinque, creando poi uno scudo su Diona che si potenzia per ogni colpo andato a segno. Lo scudo rimane anche se si cambia personaggio e assorbe i danni in base alla salute massima dell’arciera. Il suo Elemental Burst invece crea un’area circolare all’interno della quale i nemici subiscono danni continui da ghiaccio, mentre i personaggi utilizzati vengono curati. Diona è dunque un buon personaggio di supporto in grado sia di creare scudi che di curare, ideale per un team a cui manca una solida difesa.

Tra le altre novità in arrivo, dal 16 novembre inizierà un nuovo evento speciale chiamato Unreconciled Stars, che durerà per 2 settimane e permetterà di ottenere anche il personaggio da quattro stelle Fischl. L’evento sarà simile a quello di ottobre, Elemental Crucible (in cooperativa con altri giocatori si dovranno affrontare orde di nemici per poi ottenere dei premi speciali) e si concluderà il 30 novembre.

Questa nuova patch ha dunque portato diversi contenuti interessanti che allungano la linfa vitale di Genshin Impact e ravvivano l’interesse con nuovi personaggi e oggetti utili, il problema della lentezza della progressione dell’endgame però rimane, nonostante i cambiamenti, e, una volta esauriti tutti i nuovi contenuti inseriti, si tornerà alla situazione vista prima della nuova patch. Non resta che sperare in ulteriori miglioramenti con l’arrivo del nuovo aggiornamento.

Se volete giocare via mobile al meglio a Genshin Impact potete acquistare l’Asus Rog Phone 3 su Amazon.