GeForce Now cambia sistema dopo l’uscita di diversi publisher

Un approccio decisamente migliore rispetto al passato

NEWS
A cura di Antonello Buzzi - 3 Giugno 2020 - 11:03

NVIDIA ha annunciato che GeForce NOW, il suo servizio di cloud gaming uscito dalla fase beta lo scorso febbraio, userà ora un sistema “opt-in” e non più quello “opt-out” dopo che diversi publisher, anche importanti come Warner Bros, Xbox Game Studios e Klei Entertainment, Activision Blizzard, 2K Games, Bethesda e Codemasters, hanno deciso di rimuovere i loro giochi dalla piattaforma.

In un post pubblicato sul blog ufficiale, Phil Eisler, Generale Manager di GeForce NOW, ha affermato che ora non solo le compagnie dovranno richiedere l’integrazione dei loro giochi all’interno del catalogo, ma sono stati rimossi tutti i prodotti già presenti che non si sono adeguati entro il 31 maggio.

geforce now

Eisler ha inoltre spiegato che la presenza nel servizio non richiede alcun costo aggiuntivo per gli sviluppatori che aderiscono.

GeForce Now è un’estensione dell’ecosistema PC. Non ci sono costi per gli sviluppatori – i giochi girano senza dover occuparsi di difficili porting – aiutandoli a raggiungere milioni di giocatori che non possiedono una configurazione all’altezza.

Hinterland Studio, che aveva precedentemente chiesto la rimozione di The Long Dark, ha deciso di tornare dopo questa il cambio di rotta di NVIDIA, congratulandosi con la stessa per aver abbracciato l’approccio opt-in.

Eisler ha infine dichiarato che già oltre 2.000 prodotti sono presenti nel catalogo e la compagnia aggiornerà costantemente l’elenco dei giochi supportati sul sito ufficiale.

Fonte: Gamespot




TAG: geforce now, nvidia