News 2 min

Final Fantasy VII Rebirth annunciato con tanto di finestra di lancio

Final Fantasy VII Rebirth è la seconda parte del remake di Final Fantasy VII e arriva prima del previsto: tutti i dettagli dell'annuncio.

Finalmente qualcosa si è mosso: in occasione della celebrazione per i venticinque anni di Final Fantasy VII (qui il remake su Amazon in sconto), i fan da lungo tempo in attesa hanno potuto scoprire Final Fantasy VII: Rebirth, il secondo capitolo dell’opera-remake di FFVII e che riprende proprio il filo lasciato dal precedente Final Fantasy VII Remake.

Il gioco è stato presentato con il trailer che potete vedere di seguito ed è stato confermato che arriverà il prossimo inverno su PS5. La finestra di lancio è quindi già estremamente vicina. Non è tutto: è stato anche confermato che l’opera remake sarà composta da tre videogiochi in tutto. Questo significa che la prima parte era Remake, la seconda sarà Rebirth, la terza che concluderà il viaggio sarà un ulteriore gioco ancora da svelare.

Potete vedere di seguito il trailer.

Sul profilo Twitter ufficiale, il creative director Tetsuya Nomura ha inviato un messaggio ai fan, che vi traduciamo di seguito:

«Final Fantasy VII Rebirth sta venendo progettato in modo che le persone possano goderselo sia che conoscano l’originale, sia che non lo conoscano. Infatti, i nuovi giocatori potrebbero anche iniziare direttamente il loro viaggio da Rebirth. Cloud e i suoi amici si lanciano in un nuovo viaggio in questo gioco, e penso che le scene di cui saranno testimoni lasciando Midgar daranno ai giocatori un’esperienza tutta nuova.

Sono impaziente di farvi sapere il perché il primo gioco si chiamasse ‘Remake’ e questo si chiami ‘Rebirth’. Al momento opportuno, spero di rivelare come si chiamerà il terzo e dove questo viaggio ci porterà, infine.

Lo sviluppo di Final Fantasy VII Rebirth è andato avanti rapidamente da quando abbiamo adottato una nuova struttura per lo sviluppo. Un gioco di questa portata, dove tutto è interconnesso ancora prima della produzione, è davvero una rarità. A dire il vero, alcuni aspetti dello sviluppo sul terzo gioco sono già cominciati. Io stesso ho cominciato lo sviluppo e sto lavorando in direzione del completamento della serie.

Lavoreremo per consegnare il titolo ai giocatori con lo stesso entusiasmo di ora finché non arriveremo alla fine. Nel frattempo, vi raccomandiamo di godervi gli altri progetti per i venticinque anni di Final Fantasy VII, che espandono ulteriormente questo mondo».

Anche il director Naoki Hamaguchi ha condiviso un messaggio per i giocatori, sottolineando che questo progetto «è molto più che un nuovo capitolo nella serie. Stiamo sviluppando il tutto con la passione che serve per creare un gioco originale che possa offrire un grandioso gameplay e una grandiosa esperienza con il suo mondo di gioco».

Il dado, insomma, è tratto: Final Fantasy VII si trasforma in tre giochi remake e il prossimo, come sottolinea Yoshinori Kitase, «arriverà più o meno a tre anni dall’originale Remake uscito ad aprile 2020».

Da notare che gli autori sottolineano la presenza di forti collegamenti tra tutti i quattro titoli di Final Fantasy mostrati (immaginiamo, quindi, la saga Remake/RebirthCrisis CoreThe First Soldier ed Ever Crisis), quindi gli amanti della lore di Midgar e dintorni avranno di sicuro pane per i loro denti.