News 1 min

Assassin’s Creed Valhalla, licenziato il creative director

Salta un'altra testa nella rivoluzione societaria di Ubisoft

Il creative director Ashraf Ismail, che aveva già lasciato volontariamente il suo incarico su Assassin’s Creed Valhalla, è stato licenziato da Ubisoft.

La notizia arriva da una memo interna condivisa con lo staff di Ubisoft e ottenuta da Kotaku, che ne ha pubblicato alcuni passaggi.

Nella nota, si legge che «a seguito di un’indagine condotta da un’azienda esterna, è stato determinato che l’impiego di Ashraf con Ubisoft doveva essere terminato».

«Non possiamo fornire altri dettagli riguardo a questa indagine confidenziale», chiude secco il messaggio, che non scende dunque nei particolari della vicenda.

Ismail aveva lasciato il proprio ruolo dopo che una streamer aveva rivelato di aver avuto un rapporto con lui senza sapere che fosse sposato, rivelazione in seguito alla quale altre donne si erano fatte avanti con accuse simili.

Da allora, il creative director aveva lasciato l’incarico per non costituire un motivo di imbarazzo per il team di sviluppo di Assassin’s Creed Valhalla e aveva cancellato i suoi profili sui social.

Era in Ubisoft fin dal 2009 e il suo incarico più importante era stato quello di game director su Assassin’s Creed Origins del 2017.

Si tratta solo dell’ultimo scossone subito da Ubisoft in questi mesi, dopo la rivoluzione apportata al team editoriale per una brutta storia di molestie e abusi d’ufficio.

Siete ancora in tempo per preordinare la vostra copia di Assassin’s Creed Valhalla per PS4 su Amazon