News 2 min

Anthem: inizialmente si valutò di renderlo free-to-play

Si trattò solo di una valutazione all'inizio dello sviluppo, hanno rivelato EA e BioWare

Anthem poteva essere un videogioco free-to-play. A rivelarlo e confermarlo sono state Electronic Arts BioWare, che all’inizio dei processi di sviluppo per il titolo, vagliando tutte le possibili ipotesi, avevano preso in analisi anche quella del modello di distribuzione gratuito per il gioco.

In seconda analisi, tuttavia, l’ipotesi venne invece scartata, poiché sarebbe stato necessario comunque monetizzare il gioco e andare in profitto – il che significa produrre molti contenuti extra a pagamento. Una scelta che non si legava, secondo gli autori, al mercato dei titoli AAA.

anthem

A fare chiarezza sull’argomento è stato Jonathan Warner, director del progetto, nel corso di un’intervista:

Se scegli un modello free-to-play, devi in ogni caso avere un giro d’affari in profitto, altrimenti non sarebbe possibile continuare ad offrire servizi in tempo reale fantastici ai nostri giocatori. Quindi cosa devi commerciare, se lasci andare via il gioco gratuitamente? I soldi che devi fare per andare in profitto sono parecchi. Così si finisce in quel territorio in cui si è meno generosi con i giocatori.

Credo che, nell’universo dei giochi AAA, le persone si sentano più a loro agio all’idea di dover pagare un prezzo di entrata iniziale e poi poter godere di un modello generoso nei confronti del giocatore e con oggetti estetici opzionali che puoi comunque comprare con la moneta in-game.

La scelta, insomma, era tra far pagare un “biglietto di ingresso” che garantisse poi l’accesso anche a tutti i servizi successivi, o lasciare invece “entrare” gli utenti gratis nel mondo di gioco, chiedendo poi loro di pagare via via per i diversi extra. BioWare, come sappiamo, ha deciso per la prima.

Vi ricordiamo che in questo ore è disponibile la demo aperta di Anthem. Per tutte le nostre impressioni, non perdete l’articolo dedicato.

Anthem è atteso per la release definitiva su PC, PS4 e Xbox One il prossimo 22 febbraio. Lo farete vostro?

Fonte: GameRant