News 2 min

8 marzo, i videogiochi celebrano la Festa della Donna

Gli auguri e le iniziative del gaming

Oggi 8 marzo i videogiochi si riuniscono per celebrare la Festa della Donna, una data importante per un’industria che, lentamente ma inesorabilmente, si apre alle donne ed esalta ogni diversità.

La Festa della Donna è un’occasione non tanto per festeggiare, quanto per sottolineare le difficoltà che ancora oggi le donne affrontano in tutti gli ambiti, da quelli sociali al lavoro.

Ne abbiamo parlato in apertura di una nostra live su Twitch oggi, con il sottoscritto e Marcello, ma se volete approfondire vi rimandiamo anche a questo utile post su Facebook che illustra perché questa giornata non può restare soltanto memoria ma dovrebbe essere insegnamento.

https://twitter.com/StefaniaC11/status/1368891624026234883

Le iniziative a tema dell’industria dei videogiochi sono molteplici, a cominciare dal team di Xbox Italia che ha inviato alla nostra Stefania Sperandio questo splendido kit.

Microsoft ha segnalato anche su scala globale i suoi programmi per celebrare la Festa della Donna, che includono molti degli studi interni come Ninja Theory e delle sue proprietà intellettuali, come Minecraft e Gears.

PlayStation Italia ha colto la palla al balzo per fare i suoi auguri a tema Returnal, prossima esclusiva PS5 che avrà come protagonista una donna, Selene.

https://twitter.com/PlayStationIT/status/1368864169613737987

Anche gli altri team di PlayStation Studios, come Guerrilla Games e London Studio, si sono uniti alla celebrazione con post (molto interessanti, specie quello sugli stereotipi legati al sesso, della casa di Blood & Truth) sull’argomento.

Bethesda Italia ha rimarcato come «ogni giorno» sia grata alle donne che fanno parte della sua famiglia e comunità in tutto il mondo.

Insomma, tantissime le iniziative dal mondo del gaming che hanno sottolineato l’importanza della ricorrenza come occasione per imparare.

A tal proposito, vi segnaliamo pure noi un articolo della nostra Stefania dell’8 marzo 2020, in cui potevamo alcune delle problematiche più dirimenti connesse alla questione di genere.

Se siete alla ricerca di un gran gioco con protagonista femminile, con The Last of Us Part II andate assolutamente sul sicuro