News 1 min

Until Dawn, caricamenti fulminei in vista di PS5? Non proprio

Un altro caso dopo The Last of Us Remastered?

Negli ultimi giorni, abbiamo visto crescere il trend dei giochi PS4 aggiornati per supportare tempi di caricamento notevolmente ridotti rispetto alle uscite originali.

Questo è stato connesso ad una sorta di preparazione al supporto per PS5, una console che batterà molto sulla velocità di fruizione dei contenuti grazie al suo nuovo SSD.

Mentre abbiamo visto dei miglioramenti verificati su The Last of Us Remastered, che ha abbassato fino al 70% i tempi di attesa per rientrare in partita, per altri titoli si è soltanto creato un clima di suggestioni dovute probabilmente alla voglia di next-gen dei giocatori e una scarsa informazione sulle performance di alcuni dei prodotti coinvolti.

Come sottolinea Push Square, l’ultimo ad essere incluso nella cerchia degli aggiornati ma senza alcun merito è Until Dawn.

L’esclusiva PS4 realizzata da Supermassive Games è tornata sulla bocca degli appassionati perché una patch ne avrebbe abbassato sensibilmente i tempi di caricamento.

Tuttavia, è stato confermato che l’ultima patch per l’horror teen dello studio olandese è stata lanciata nel 2015, e che dunque non è stato implementato alcun intervento per migliorarne le prestazioni.

I miglioramenti avvistati in rete non sono altro che dettati dall’uso della Boost Mode su PS4 Pro, che tra gli altri benefici accorcia anche i tempi di caricamento.

Altre produzioni current-gen, comunque, sembrano essere state effettivamente aggiornate per lasciare tracce di PS5 nel loro codice, anche se non sappiamo a cosa tutto questo porterà alla fine.

Se volete prepararvi a prenotare PS5 per quando tornerà disponibile, tenete d’occhio la pagina dedicata su Amazon.