Sword Art Online Alicization Lycoris provato in anteprima

Un tradizionale RPG per Sword Art Online.

Provato
A cura di Matteo Bussani - 29 Gennaio 2020 - 10:02

Bandai Namco, con la sua nutrita schiera di titoli, non si è certo fermata a mostrarci le novità del fiammante Captain Tsubasa Rise of the New Champions o cosa aspettarsi dal nuovo titolo dedicato a Saitama, One Punch Man: A Hero Nobody Knows. Nell’evento milanese di presentazione dell’intera line up della casa giapponese abbiamo avuto l’occasione di mettere le mani anche sul nuovo Sword Art Online Alicization Lycoris. Il titolo si presenta come un classico RPG fedele alla tradizione che accompagna la serie sul fronte videoludico. Il genere è difatti importato senza troppe variazioni dall’anime da cui prende ispirazione, dato che proprio ciò attorno a cui ruotano le avventure dei protagonisti, Kirito e Asuna, è un videogioco in realtà virtuale che originariamente ha intrappolato i protagonisti all’interno di un letale mondo digitale.

La storia è andata avanti e il ricordo della prima versione di Sword Art Online non accenna a lasciare in pace il giovane che si trova alle prese con una serie di avventure legate a questo binomio tra reale e digitale. Alicization, nuova serie dell’anime, arriva così anche nel videogioco, nella prima trasposizione narrativa diretta per Sword Art Online. I titoli passati, difatti, avevano preso strade uniche e originali con intrecci che prendevano protagonisti e idee dall’ambientazione nota, ma che si sviluppavano per sentieri paralleli. In parte questa tradizione verrà rispettata anche in Alicization Lycoris che vedrà la presenza oltre che della storia principale anche un secondo arco narrativo totalmente inedito, che aumenterà il monte ore del gioco.

Sword Art Online Alicization Lycoris provato in anteprima

Virando sul gameplay, che abbiamo avuto modo di provare, il gioco lascia da parte quanto sperimentato con Fatal Bullet, e torna alle origini. Data la natura particolarmente votata al fantasy dell’ambientazione, troveremo armi bianche e magia, che vanno combinate con un sistema di combattimento particolarmente dinamico. Definirlo action sarebbe eccessivo, ma sicuramente i movimenti e il tempismo con cui scegliere se attaccare, schivare o parare richiamano questo feeling. Rimane però centrale, dimostrando la sua vera natura JRPG, il forte legame del gioco alle abilità e al timer che ne definisce il ritmo di utilizzo. Ce ne sono di diverse tipologie e sono connesse alla solita croce di tasti.

La magia in Sword Art Online Alicization Lycoris è caratterizzata da diversi tipi di elementi e da due livelli di potenza, una volta caricata può essere utilizzata dal giocatore nel momento in cui lo crede più opportuno, offrendo un aspetto strategico in più. Il party è solitamente composto da 3 giocatori, ognuno dei quali ha abilità che possono essere attivate dal nostro, senza dover cambiare personaggio controllato. Si possono comunque prendere le parti di un altro membro del party in qualsiasi momento dello scontro, lasciando al giocatore la totale abilità su come affrontare i combattimenti. Ogni scontro non è né banale, né breve perché i nemici hanno molta vita (anche quelli più comuni) che può essere ridotta più velocemente soltanto agendo secondo quanto suggerito dai compagni di squadra con dei dialoghi che appaiono a schermo. Agendo di conseguenza si va a esaurire una barra dedicata alla fatica che lascia l’avversario estremamente debole contro i colpi inferti.

Sword Art Online Alicization Lycoris provato in anteprima

Come tradizione degli RPG, le vicende si svolgono in grandi mappe completamente aperte all’esplorazione, ricche di nemici, ma all’apparenza non particolarmente ispirate. Il sistema di navigazione con una serie di frecce sul suolo che indicano la strada non è ancora nella sua forma più smagliante e al di fuori dei tracciati principali non dà molte indicazioni. Speriamo venga sistemato, perché la verticalità di alcune zone e la presenza di ostacoli non sempre aiutano ad avere un’idea ben chiara di dove si sia e di come si possa raggiungere un’altra zona.

Non avendo potuto approfondire molto altro, oltre a quello che è il sistema di combattimento e un minimo l’esplorazione, possiamo semplicemente confermare che Sword Art Online Alicization Lycoris recupera e ricalca gran parte degli stilemi tipici del genere riproponendo in una forma consolidata ma non innovativa quello che altri giochi prima di lui hanno portato in dote. Anche tecnicamente si è di fronte a un titolo che non ambisce a fare nient’altro che offrire un po’ di colore e una modellazione poligonale dignitosa al mondo di gioco di SOA.

Sword Art Online Alicization Lycoris provato in anteprima

+ Non si allontana molto dalle garanzie del genere
+ Promette di essere fedele all'originale

Sword Art Online Alicization Lycoris apre per la serie un futuro su binari classici, presentandosi sempre di più come una raccolta di meccaniche tradizionali del genere dei JRPG, per quanto comunque efficaci. Dal canto suo non vuole reinventare un genere, e ciò si vede, ma la prospettiva di mettere in campo una storia fedele all’originale a cui se ne aggiunge un’altra completamente inedita lascia ben sperare sulla quantità di contenuti della versione definitiva, in arrivo il 20 maggio su PC, PS4 e Xbox One.




TAG: sword art online, sword art online alicization lycoris

OffertaBestseller No. 1