Splatoon 2 Octo Expansion – La recensione

By |5 mesi fa|Categories: RECENSIONE|Tags: |
Splatoon 2 non finisce mai: a un anno dalla sua release, l’esclusiva Nintendo Switch accoglia la Octo Expansion che, per 19,99€, vuole proporre ai giocatori tanti nuovi contenuti che li terranno ancora impegnati per un po’. Quanto impegnati? Un po’ a sorpresa, la risposta è molto molto impegnati.

Storie da Octoling

Octo Expansion aggiunge all’esperienza offerta dal gioco 80 livelli da vivere in singolo giocatore. Se, quindi, cercavate qualcosa da vivere on the go, senza una connessione Internet attiva, questa espansione potrebbe fare al caso vostro.
Per la prima volta nei panni di un Octoling, che potrete personalizzare nel sesso e in alcuni dettagli dell’aspetto fisico, vi ritroverete a vivere una surreale avventura in metropolitana, in cui ad ogni fermata selezionabile delle diverse linee corrisponde una sfida.
Si tratta di una struttura di gioco gradevole, che offre al giocatore tutta la libertà di scegliere con quale livello procedere, senza costringerlo in una sequenza prefissata di stage.
A questa si affianca un comparto narrativo brillante per la sua leggerezza e la sua assurdità, che con i suoi personaggi improbabili vi strapperà sicuramente più di un sorriso. Una volta appreso che dovrete completare tutte le sfide per tornare in superficie, a piazza Coloropoli, la selezione del livello vi porterà ad un vero e proprio tornello della metropolitana, che richiederà il pagamento di crediti in-game per accedere alla sfida. I crediti consentono di ottenere un biglietto con un numero variabile di vite (in alcuni casi una, a volte tre, a volte cinque, a seconda del livello) e, una volta esaurite, sarà necessario acquistare un nuovo biglietto. Niente paura, perché per guadagnare monete dovrete semplicemente completare i livelli, senza quindi nessuna minaccia di possibili microtransazioni.
Vogliamo menzionare anche l’ottima colonna sonora, davvero gradevolissima e capace di accompagnarvi a dovere nelle assurde atmosfere ricche di personalità di questa espansione.

Sì, ma in soldoni cosa si fa?

Il grandissimo pregio di Octo Expansion è senza ombra di dubbio la sua straordinaria varietà. Gli ottanta livelli vi terranno impegnati anche per più di sei ore e propongono sfide tra le più svariate: si va dal dover eliminare i nemici senza essere uccisi a ricreare delle forme su un cubo di casse ammassate, fino a far rotolare una enorme palla 8 fino al traguardo, a colpire dei palloncini prima che volino via e a schivare tutti i colpi che ci saranno sparati contro per trenta secondi. C’è davvero solo l’imbarazzo della scelta e difficilmente troverete due sfide dal concetto simile una vicina all’altra.
Il level design è azzeccato nella stragrande maggioranza dei casi, con scelte intelligenti e una straordinaria capacità di Nintendo di prendere quelle meccaniche che sembravano tagliate ad arte per il multiplayer e renderle il cuore pulsante di una nuova avventura tutta in singolo da affiancare alla normale campagna.
Sono inoltre presenti anche alcune boss fight che metteranno alla prova le vostre capacità lungo il percorso, che una volta completato vi consentirà di utilizzare il vostro Octling anche all’infuori della campagna.

Sull’altalena tra divertimento e frustrazione

Come accennavamo, le sfide sono tantissime e varie, ma c’è un dettaglio che vogliamo approfondire: sono, in molti casi, estremamente impegnative. Scordatevi il livello di sfida della normale campagna o la possibilità, anche per i giocatori appena arrivati, di provare a dire la loro che avete vissuto nei match amichevoli: le sfide di Octo Expansion rispondono con un calcio in bocca a chi non padroneggia le meccaniche del gioco e ricacciano chi non ha abbastanza pazienza da concedersi a numerosi trial and error.
E se da un lato riuscire a completare le sfide più ardue vi riempirà di soddisfazione, dall’altro bisogna tener conto del fatto che molti giocatori potrebbero sentirsi semplicemente (e molto) frustrati a dover provare e riprovare una sfida, andando a pagare nuovamente il biglietto dopo aver esaurito le vite per ripartire dal checkpoint. Si tratta di un dettaglio che vogliamo sottolineare perché Splatoon 2 ha sempre puntato sull’accessibilità e conta su un pubblico abbastanza vario, che va dai più accaniti guerrieri dell’inchiostro ai giovanissimi e ai meno esperti. Considerando il fatto che Nintendo, in sede di promozione, non ha messo in evidenza questa netta impennata del livello di sfida rispetto al gioco base, tenetene conto se non siete avvezzi alle espansioni impegnative o se volevate regalare la Octo Expansion a qualcun non propriamente agile con il controller (o paziente).
C’è da aggiungere anche un altro dettaglio: Nintendo è perfettamente consapevole di aver livellato verso l’alto l’espansione (e probabilmente anche che in alcuni casi si sfora il difficile per entrare semplicemente nell’istigazione al lancio del controller). A dimostrarlo c’è il fatto che, dopo aver pagato per due volte il biglietto per tentare una sfida, avrete la possibilità di completarla in automatico, spendendo lo stesso prezzo che sarebbe previsto per un terzo tentativo. In questo modo si evita che un giocatore che non riesce a completare una specifica sfida rimanga bloccato, ma è anche vero il livello di difficoltà maggiorato rimane comunque un elemento da tenere in ferma considerazione. A meno che, certo, non vogliate spendere 19,99€ per finire per saltare la maggior parte dei livelli.

– Level design spesso brillante
– Ottima longevità
– Scrittura spassosissima
– Livello di sfida tra lo stimolante…


– … e il terribilmente frustrante
– Sarebbe stato meglio evidenziare le difficoltà in sede di promozione del DLC


7.5

Octo Expansion è un’espansione sicuramente ben fatta: forte di una più che rispettabile longevità, vi trascinerà nei suoi 80 livelli e in una nuova campagna dal piglio unico. Vi darà del filo da torcere e la sfida per qualcuno potrebbe diventare spesso frustrante, motivo per cui sarebbe stato opportuno “avvisare” prima i giocatori meno accaniti, che potrebbero rischiare di sentirsi scoraggiati. Per tutti gli altri, parliamo di un add-on che vi terrà in ottima compagnia e che sa come dare nuova luce alle già ottime meccaniche della serie.