News 2 min

GTA 6, dopo il leak i giocatori stanno ricostruendo la mappa di Vice City

Dopo il clamoroso furto di dati di GTA 6, i giocatori stanno sfruttando il leak su Google Maps e affini.

La notizia degli ultimi giorni è stata quella della diffusione di tantissime informazioni, soprattutto video, riguardo l’attesissimo GTA 6.

Dopo il successo senza precedenti di Grand Theft Auto V, che trovate sempre su Amazon, Rockstar sta comprensibilmente attendendo prima di iniziare la promozione del prossimo capitolo.

Il successo di GTA 5 è infatti così grande che non c’è fretta di mostrare il prossimo episodio del franchise, anche se Rockstar Games ha assicurato, dopo il leak, che lo sviluppo procede comunque regolarmente.

Anche se c’è chi rimane convinto che verrà rinviato in ogni caso, proprio per via del clamoroso furto di dati.

I leak di GTA 6 contenevano molte informazioni importanti e, con la conferma di Rockstar Games, abbiamo anche scoperto che erano veritiere.

Per questo motivo i mapper della community stanno già ricostruendo la mappa di Vice City che dovrebbe apparire nel videogioco, come riporta Kotaku.

La stessa community che, all’epoca, aveva ricostruito quasi alla perfezione la mappa di GTA 5 prima dell’uscita, ora sta cercando di scoprire come sarà quella di Grand Theft Auto VI.

Utilizzando formule matematiche, MS Paint, Google Earth e il lavoro di squadra, il team ha già costruito una porzione considerevole della mappa.

Il tutto sulla base dei tantissimi video trapelati da Rockstar Games, che tra screenshot, coordinate ed elementi di gioco di ogni tipo hanno fornito ai mapper le informazioni necessarie per cominciare a lavorare.

Come potete vedere nelle pagine ufficiali della community (che si sta spostando su Discord per evitare di essere rintracciata da Rockstar) la mappa di GTA 6 sta davvero prendendo forma.

Un lavoro davvero considerevole quello della community che, se non altro, dimostra quanto ci sia voglia di giocare a GTA 6.

Nelle ore successive al leak, tra l’altro, Take-Two ha purtroppo subito un altro attacco hacker generalizzato.

L’hacker responsabile del grande furto di dati sembra essere già nel mirino dell’FBI, talmente importante è stata l’appropriazione in questione.