Il futuro del gaming è lo streaming? Non per tutti

NEWS
A cura di Stefania Tahva Sperandio - 10 Ottobre 2018 - 13:42

Dopo l’annuncio di Project Stream da parte di Google e di Project xCloud da parte di Microsoft, la direzione sembra tracciata: il futuro del gaming è nello streaming.

La pensa diversamente, però, l’analista di NPD Mat Piscatella, secondo il quale prima di poter prendere questa direzione dobbiamo assicurarci che l’infrastruttura della banda larga possa sostenerla, ovunque, anche e non solo in USA.

project xcloud streaming

Le parole di Piscatella sui giochi in streaming

Secondo l’esperto, che ha affidato il suo pensiero al profilo Twitter:

I contenuti video, e la musica funzionano alla grande come media che passano prima di tutto dallo streaming, ma le sfide del gaming porteranno sempre a una soddisfazione inferiore, fino a quando non ci saranno le condizioni ideali per le connessioni Internet. Le quali, al momento, in USA non ci sono.

Piscatella aggiunge che, dal suo punto di vista, giocare in streaming dovrebbe essere un plus, non lo standard:

Lo streaming è uno splendido modo secondario di vivere un contenut, un bonus. Consente alle persone di vivere i loro contenuti ovunque, li rende accessibili anche a chi non potrebbe giocarci in altro modo. I contenuti però non saranno meno costosi e le esperienze non saranno migliori. Le console e i pC potranno diventare degli hub, ma non spariranno.

L’analista punta anche il dito contro chi si dice convinto che i giochi gireranno al 100% in streaming, in futuro:

Potrei pensare che qualcuno di coloro che dicono che il futuro del gaming sarà al 100% in streaming stanno cercando di reclamare quella percentuale di diritti che al momento devono pagare su contenuti venduti nei negozi digitali. Credo siano concentrati su questo, piuttosto che sull’offrire un’esperienza migliore ai consumatori.

Le parole di Piscatella ci dicono, quindi, che l’interesse per i videogiochi in streaming potrebbe essere dettato anche dalla volontà di risparmiare la percentuale normalmente versata agli store digitali.

playstation now streaming

Vedremo ora come si muoveranno Google, Microsoft e anche Sony, con il suo servizio in streaming PlayStation Now già disponibile da qualche tempo. Voi come vedete il gaming in streaming? Pensate di avere una banda larga che lo supporti a dovere?

Fonte: Twitter




TAG: Project Stream, Project xCloud