ASUS ROG ZEPHYRUS GX501-GI Recensione

Recensione
A cura di Paolo Russo - 12 Dicembre 2018 - 10:20

Anche se il trend di miniaturizzazione sta facendo miracoli con i notebook è ancora raro trovarsi di fronte a un portatile da gaming in grado di eguagliare le prestazioni di un pc fisso, ma ASUS punta proprio a questo con il suo ROG Zephyrus GX501. All’ interno di uno chassis estremamente sottile, insospettabile per un prodotto da gaming con queste ambizioni, troviamo infatti una GTX 1080 Max-Q, le cui prestazioni si aggirano intorno a quelle di una 1070Ti desktop. L’ hardware proposto dovrebbe essere l’ideale per il display 1080p @144Hz. La base fornita ci consentirebbe di giocare a qualsiasi titolo sul mercato senza alcun problema, ma soprattutto abbracciando o al limite sfiorando il massimo refresh rate possibile.
Scopriamo meglio questo Zephyrus nella recensione completa.

Zephyrus Recensione

Come già visto nella precedente versione, la tastiera è collocata nella parte inferiore della base

Come si presenta?

Con il suo spessore di 17.9mm, questo portatile è tra i più sottili in assoluto a incorporare una 1080 combinata con un Core i7 di ottava generazione. Una scelta a nostro avviso molto ambiziosa, quella di realizzare lo chassis così sottile. Il suo look lo distingue da tutti gli altri notebook da gaming di fascia alta. All’ apertura troviamo infatti un rialzo della parte inferiore dedicato al ricircolo dell’aria, chiamato “Active Aerodynamic System”. Ulteriore modifica rispetto al design tradizionale dei laptop è la tastiera retroilluminata che occupa solo la metà della base e lascia spazio al trackpad (che funge anche da tastierino numerico digitale), situato lateralmente alla stessa. Il prodotto di ASUS è realizzato quasi interamente in metallo, fatta eccezione per i bordi del display e per il pannello inferiore per accedere alla componentistica, ed è così garantita una gran robustezza, nonostante lo spessore molto contenuto. Il peso di 2,2KG rende questo pc un prodotto facilmente trasportabile. Non manca il logo di ROG (Republic Of Gamers), situato sul coperchio e retroilluminato in rosso. Lo stesso logo è inoltre presente sulla parte superiore della base, tra i forellini dedicati all’ aerazione del processore e della GPU. La tastiera è a nostro avviso abbastanza scomoda, a meno che non si usufruisca del poggiamano fornito in dotazione da ASUS. Un punto a favore di questo Zephyrus GX501-GI è il display da 15.6” 1080p IPS a 144Hz che garantisce una fedeltà riproduttiva eccezionale, offrendo una visibilità ottima anche sotto la luce diretta del sole. Sulla parte superiore dello schermo trova spazio anche la webcam HD 720p. Ai fianchi della tastiera sono stati posti i due altoparlanti stereo dalla qualità migliorabile, a causa di un volume troppo basso e della carenza di medi e bassi.

E ora osserviamo le specifiche tecniche del laptop.

Specifiche tecniche

Anche al livello di porte la casa taiwanese non si è risparmiata. Troviamo infatti tutto il necessario per l’uso di tutti i giorni.

Zephyrus Recensione I/O laterale 1

1xAC Power,1X HDMI,2XUSB3.0, Jack 3.5mm combo.


Zephyrus Recensione I/O Laterale 2

1XUSB 3.1 GEN2 Thunderbolt,2XUSB3.0, Kensington Lock


Zephyrus Recensione profilo frontale

Davanti troviamo solo il logo di ASUS posto sulla sinistra.

  • Intel Core i7 8750H @2.2GHz con turboboost a 4.1 (6 cores con Hyperthreading)
  • 16GB Ram DDR4 @2400MHz
  • nVidia GeForce GTX 1080 with Max-Q Design.
  • 512GB PCI-Express SSD
  • Display 15.6” IPS FHD 1920×1080 @144Hz
  • Wifi 802.11 AC
  • Bluetooth 4.1

L’hardware non è tutto…

La GTX 1080, combinata all’ i7 8th-gen e ai 16GB di RAM dovrebbe garantire un’esperienza di gioco eccellente, ma ci siamo ritrovati diverse volte, nonostante l’apertura inferiore (AAS), in condizioni di thermal throttling, pertanto le prestazioni della CPU sono calate e di conseguenza anche i frames al secondo. Un altro aspetto che ci ha lasciato abbastanza dubbiosi è la retroilluminazione della tastiera, da attivare manualmente tramite il software Aura Core, non ottimizzato al meglio. Il tasto ROG posto sopra il trackpad dà accesso al Gaming Center, un software dedicato a monitorare le temperature del processore e della scheda video, oltre a offrire la possibilità di creare dei profili di avvio per i vari giochi.

Vediamo nel dettaglio come si comporta questo Zephyrus con qualche benchmark di riferimento.

Zephyrus Recensione Benchmark 1

Benchmark con Unigine Superposition (1080p Extreme Settings)


Zephyrus Recensione Benchmark Cinebench

Benchmark con Cinebench R14 (CPU)

Le prestazioni nei benchmark del notebook di ASUS sono risultate eccellenti, strizzando l’occhio a un fisso di fascia alta. In Cinebench R15 la CPU ha raggiunto un punteggio di 1120, che eguaglia (e in qualche caso supera) quello ottenuto da processori desktop come l’i7 6700. Abbiamo testato il pc con alcuni tra i titoli più pesanti sul mercato, ottenendo risultati altalenanti a causa delle elevate temperature accennate poco fa. Overkill’s The Walking Dead è uno di questi, spingendo il processore fino a 98 gradi con settaggi massimi in 1080p. The Witcher 3: Wild Hunt e GTA V sono risultati più stabili con framerates tra i 70 e i 90fps a dettagli massimi. Per quanto riguarda i titoli eSports questo portatile è più che adeguato, grazie al pannello 144Hz che consente al videogiocatore di notare tutti i movimenti con una precisione al millimetro. Abbiamo provato uno tra i classici competitivi come CS:GO e siamo rimasti molto soddisfatti. Un’ altra nota dolente dello Zephyrus GX501 è la batteria da soli 50Wh: quando il portatile è in full load si riesce a sfiorare l’ora di utilizzo. In condizioni di uso più blando si raggiungono anche le due ore piene. Il pc è inoltre abbastanza rumoroso quando si trova a pieno carico ma ciò è comprensibile, considerando l’hardware presente al suo interno.

Prezzo: 2500 euro

+ Display Ottimo
+ Design
+ Qualità costruttiva
+ Molto potente...
- audio sottotono
- batteria risicata
- prezzo
- ... ma non gestito al meglio

6.8

A malincuore lo Zephirus GX501-GI, nonostante sia di fatto il portabandiera del gaming nel formato super slim, non riesce ad essere del tutto convincente sotto diversi aspetti. Su tutti, la scarsa ottimizzazione software si ripercuote sulla gestione delle temperature, una resa dell’audio non all’altezza. D’altra parte non possiamo che elogiare il design del prodotto, la qualità dei materiali realizzativi e la potenza bruta “sotto il cofano”, che a fronte di qualche aggiornamento al posto giusto potrebbe davvero dare l’appettibilità giusta a questo, comunque, incredibile notebook.




TAG: asus, tech, zephyrus