Aonuma su un possibile protagonista femminile e sulle critiche a Zelda che piange

A cura di Stefania Tahva Sperandio - 19 Gennaio 2017 - 0:00

Durante l’evento dedicato a Nintendo Switch dello scorso venerdì, Nintendo ha mostrato un nuovo trailer dedicato a The Legend of Zelda: Breath of the Wild, gioco in arrivo su Wii U e al lancio di Switch il prossimo 3 marzo. I colleghi britannici del sito Eurogamer.net hanno avuto modo di intervistare il producer Eiji Aonuma e, tra le domande, gliene hanno posto anche una relativa a delle polemiche nate dopo il trailer. Secondo qualcuno, infatti, mostrare una Principessa Zelda in lacrime la etichetterebbe come personaggio debole, mentre altri hanno gradito la sua caratterizzazione emotiva e intensa. In merito, prima che qualcuno inizi a scagliarsi contro il video pensando ad una rappresentazione di un personaggio femminile indifeso che ha bisogno di Link per mettersi in salvo (vi ricordate della polemica relativa al tema della damigella in pericolo nei giochi Nintendo? Ecco, immaginatevelo tutto quanto daccapo, ndr), Aonuma ha detto che la scena non va presa troppo fuori dal suo contesto.“Per quanto riguarda la rappresentazione della Principessa Zelda nel trailer, ovviamente ognuno ha una sua idea di cosa ci si dovrebbe aspettare dai comportamenti di un personaggio femminile. Quello che volevo sottolineare è che la scena in cui piange nel trailer è solo una di quelle del gioco. All’interno del trailer forma un punto particolarmente drammatico, ma non bisognerebbe prenderla troppo fuori dal suo contesto” ha chiarito Aonuma.“La Principessa Zelda, così come appare nel gioco, è molto complessa e ricca di sfaccettature, non è che passi tutto il suo tempo a piangere! [ride] Vorrei chiedere ai fan di non leggere troppo tra le righe di quella singola scena del trailer, ma piuttosto di giocare il gioco per apprezzare Zelda in tutti i suoi aspetti.” I colleghi hanno poi chiesto al producer se, in futuro, ci sarà la possibilità di avere un personaggio femminile giocabile, magari la stessa Principessa, dal momento che alcuni fan in Rete si erano detti entusiasti di fronte a questa eventualità.“Mi sembra di ricordare che tre anni fa, quando mostrammo il primo trailer all’E3, dissi qualcosa insieme a ‘non ho mai detto che Link debba necessariamente essere maschio’. La cosa invece venne presa completamente fuori contesto e si tramutò in un rumor che prese praticamente vita propria. Link è stato sempre rappresentato come personaggio maschile, come protagonista dei giochi” ha precisato subito Aonuma.“Dopo che accadde questa cosa, abbiamo discusso con il team sulla possibilità di avere una protagonista femminile. Ho parlato con Mr Miyamoto della cosa, lo ha fatto l’intero team, ma alla fine non se n’è fatto nulla” ha raccontato. “Su Wii U ovviamente c’è già Hyrule Warriors, dove la Principessa Zelda è un personaggio giocabile e c’è un certo assortimento di personaggi femminili. Parlo di un gioco che è già disponibile. Guardando al futuro, in merito alla possibilità di avere una protagonista femminile, io direi che sì, è una possibilità.”Come considerate le dichiarazioni di Aonuma? Vi piacerebbe un episodio di The Legend of Zelda in cui magari vestire i panni sia di Link che della Principessa?




TAG: the legend of zelda breath of the wild