Recensione 5 min

War of the Monsters

Quand’ero ragazzino passavo interi pomeriggi a guardare la TV, in quel periodo la programmazione televisiva era ben diversa da quella attuale, non esistevano i Pokemon, Hamtaro o One Piece ma girando i canali potevamo trovare facilmente serie tipo Mazinga, Goldrake o Devilman, vi ricordate? Oltre ai cartoni di questo tipo potevamo godere dei telefilm giapponesi ispirati a Godzilla, Ultraman e Megaloman sempre con lo stesso tema e gli stessi combattimenti contro gli alieni invasori; ancora oggi sogno che qualche rete televisiva li trasmetta ancora per poter tornare di nuovo ragazzino.
Il peso di queste produzioni cinematografiche è giunto fino all’occidente influenzandone il mercato sin dagli anni 50′ con i primi film americani ispirati ad enormi mostri con l’unico pallino di demolire ogni cosa per seminare panico e distruzione.
Oggi la Sony of America ci propone un titolo completamente diverso dalle altre produzioni disponibili sugli scaffali dei negozi e che rievoca i devastanti passi delle gigantesche creature di quei vecchi film: War of the monsters (WotM). Nel corso degli anni abbiamo potuto giocare a diversi titoli che potrebbero essere affiancati a questo prodotto Sony, sto parlando del vecchio Rampage, King of the Monsters della SNK o il più recente Godzilla disponibile per GC.
Lo storyboard di questa esclusiva Playstation 2 è quantomeno semplice ma indubbiamente interessante; intorno agli anni 50′ la terra venne invasa dagli alieni che si dimostrarono subito ostili seminando morte e distruzone, gli scienziati dell’epoca trovarono il modo di fermarli definitivamente piazzando dei potenti campi di energia nei punti nevralgici del pianeta. Nel giro di qualche ora tutti i dischi volanti precipitarovo riversando nelle profondità della terra e nelle fogne delle città uno strano liquido verde che presto avrebbe generato delle enormi creature con il solo scopo di annientare l’umanità intera…

Piattaforma:
PS2
Genere:
picchiaduro
Data di uscita:
Sviluppatore:
Icog Inc. Entertainment
Distributore:
Sony CEE

Mamma guarda, un mostro!!!
Il misterioso liquido alieno ha generato mostruose creature nate da mutazioni genetiche e incattivite da un irrefrenabile istinto distruttivo. La Sony ha ben deciso di rifarsi ai personaggi dei vecchi film che hanno contribuito a farci conoscere anche questo aspetto delle produzioni cinematografiche di quei periodi.
In WotM avrete a disposizione 11 mostri selezionabili da un tabellone tipo drive-in che vi farà capire subito lo spirito del gioco. Ogni creatura ha le sue caratteristiche fisiche e diverse tecniche di attacco e difesa; se vi piace Godzilla non esiterete a scegliere Togera che ricorda il mitico lucertolone verde, se amate Mazinga potrete scelgiere Ultra V o magari vi orienterete sul King Kong della situazione scegliendo Congar. Avrete a disposizione Preytor, un’enorme mantide religiosa nata da un esperimento mal riuscito e Kineticlops, un’ex guardia di una centrale elettrica che colpita da un fulmine e caduta in una pozza di liquido alieno ed è mutata in un gigantesco occhio capace di assorbire l’elettricità per poi scagliarla sul nemico… insomma ce n’è per tutti i gusti e vi assicuro che passerete diverse ore davanti allo schermo prima di individuare il personaggio che più vi soddisfa.

Giocabilità
La giocabilità non è del tutto immediata, avrete bisogno di fare un minimo di pratica prima di iniziare a padroneggiare a dovere la vostra creatura. Solamente alla terza o alla quarta partita inizierete a divertirvi davvero e ad apprezzare appieno anche questo aspetto del gioco. Scoprirete che sarà possibile afferrare carri armati, automobili e qualsiasi altro oggetto presente sul fondale, compreso il vostro avversario.
Potrete saltare con X (o volare…), sferrare un attacco medio con il quadrato, un attacco forte con il triangolo, potrete pararvi con R2 o lockare il nemico tenendo premuti R1+L1 e infine avrete a disposizione il classico “attacco finale”. Potrete combinare (come al solito) i due tipi di attacchi per dar vita a devastanti combo che avranno conseguenze piuttosto serie sulla salute dell’avversario. I comandi disponibili sono parecchi e costituiscono uno dei punti chiave per la varietà d’azione che questo gioco ci propone.
Nelle arene troverete diversi items indispensabili alla sopravvivenza che potrete raggiungere arrampicandovi sulle strutture, distruggendo determinati edifici o anche più semplicemente girovagando per le strade.
Il livello di sfida è molto alto grazie alla difficoltà (a mio avviso un po troppo elevata) e all’intelligenza artificiale dei personaggi, esempio: quando avrete la meglio sull’avversario, dopo averlo malmenato per bene, questo inizierà a fuggire per trovare dei globi energetici… vi assicuro che sarà difficile inseguirlo per evitare che si riprenda completamente.
WotM è un titolo sicuramente giocabile e divertente che darà sfogo al mostro che c’è in oguno di voi.

Grafica
WotM si presenta con un engine grafico di tutto rispetto che sicuramente sfrutta le potenzialità hardware del monolite nero. Tutto si muove con una fluidità quasi disarmante mantenendo costanti i 60fps che piacciono tanto a noi giocatori evitando così quei fastidiosi rallentamenti che di solito ci tormentano nelle situazioni più caotiche; pensate che nelle arene di gioco sono presenti una moltitudine di oggetti in movimento come macchine, persone che fuggono per non parlare degli elicotteri e dei carri armati che non esiteranno a bersagliarvi ogni volta che ve li troverete davanti. Potrete distruggere ogni cosa a colpi di laser, di coda o semplicemente se verrete catapultati dal vostro nemico contro un grattacielo o ad una qualsiasi altra struttura che vi circonda. Potrete ammirare i palazzi che si sbriciolano sotto il vostro peso o le insegne luminose che cessano di funzionare per il passaggio devastante delle creature. Degni di nota sono anche gli effetti luce e le esplosioni causate dal lancio di automobili, missili e incendi vari.
Il gioco ha un buon numero di poligoni ma non eccelle nelle textures (che spesso risultano un po piatte) e nei colori che non sono particolarmente accesi per quel che riguarda i fondali. Comunque il risultato finale è eccellente e, dal punto di vista grafico, WotM soddisferà anche i più esigenti. Ottimo lavoro!!!

Sonoro
Le bellissime colonne sonore accompagneranno il gioco regalandovi le emozioni dei vecchi films dell’epoca. Se proverete a chiudere gli occhi durante la partita potreste davvero credere di stare davanti allo schermo di un vecchio drive in a vedere un film di alieni e mostroni che distruggono tutto e non solo, anche gli effetti sonori non sono da meno e riproducono alla perfezione gli schricchiolii degli edifici, le esplosioni e tutto quello che riguarda l’ambiente circostante.
Verrete totalmente coinvolti dal “grido” di battaglia dei mostri e dai grugniti che questi ultimi emettono durante la lotta. Probabilmente il comparto sonoro costituisce l’aspetto migliore del gioco.

Longevità
La longevità si mantiene ad alti livelli grazie ai numerosi bonus ed ai segreti che avrete modo di sbloccare durante il corso del gioco.
Ogni mostro ha quattro “costumi” diversi che potrete comprare grazie ai Tokens accumulati durante le partite, inoltre potrete sbloccare anche nuove ambientazioni pronte ad essere devastate e non solo… accumulando molti, ma molti punti avrete una gradita sorpresa che scoprirete da soli con il passare del tempo.
Degna di nota è anche la modalità multigiocatore in split vertical screen, che pur non essendo il massimo (si perde quache dettaglio e lo schermo risulta piccolo) contribuisce ugualmente ad aumentare la voglia di conoscere meglio il gioco. Ho avuto modo di finire WotM con tutti i personaggi e devo ammettere di non essermi mai annoiato, anzi, se verrete catturati dalla particolare atmosfera che il gioco riesce a ricreare, non riuscirete a staccarvi dallo schermo per ore… sempre che non vi arrendiate a causa della difficoltà. Anche da questo punto di vista WotM si rivela un prodotto valido che rispetta i canoni del mercato attuale.

– Ottima grafica;
– L’atmosfera che si respira è evocativa;
– Sonoro di quei film anni 50′;
– Molto divertente;

– Accostamenti di colori discutibili;
– Un po troppo difficile;

7.3

Concludendo posso promuovere WotM grazie principalmente al tipo di atmosfera che spesso e volentieri è il fattore che manca di più nei giochi distruttivi come questo. Penso che l’obiettivo che si era preposta la Sony sia stato abbondantemente raggiunto, ve ne accorgerete non appena accenderete la vostra Playstation2 e premerete il tasto start del vostro pad.
Negli ultimi anni avevo iniziato a sentire la mancanza di titoli come questo e speravo che una delle software house più importanti del momento sfornasse un gioco che avrebbe potuto soddisfare un amante di mostroni e robottoni come me… grazie alla Sony questo è avvenuto e finalmente posso tornare a provare le stesse emozioni che qualche anno fa provavo giocando al mitico King of The Monster.