Recensione 7 min

Final Fantasy VII

C’era una volta una Signora console che spopolava sul mercato dell’intrattenimento videoludico (insieme alla rivale di sempre Sega e il suo MegaDrive) che si chiamava SuperNes di proprietà della Nintendo. Fra i tanti capolavori che primeggiavano ai primi posti nelle classifiche dei titoli più amati dai suoi utenti, spiccava una saga di Rpg nata sul precedente 8 Bit Nes e cresciuta sulla nuova macchinetta: il suo nome era Final Fantasy della Square.

Piattaforma:
PSX
Genere:
gioco-di-ruolo
Data di uscita:
Sviluppatore:
Square Enix,Square Enix
Distributore:
Square Enix

Tutto andava per il meglio, ma un giorno il mercato delle console iniziò a cambiare, e l’utenza cominciò a desiderare qualcosa di più vicino ai nuovi cabinati da sala giochi. Fu così che la Sony decise di lanciarsi sul mercato dei videogames creando la Psx, una console a 32 Bit che faceva, fra le altre cose, del supporto Cd un suo cavallo di battaglia (nonostante questo fatto non costituisse una novità in quanto sia la Neo Geo col suo Neo Geo Cd, sia Sega con MegaCd avevano già strizzato l’occhio a tale supporto).

Il più bello dei Final Fantasy
La storia di FFVII è secondo me le più affascinante e completa della saga di Final Fantasy. Tratta di un mondo ormai in rovina, senza materia prima, in cui l’unica risorsa rimasta per la sopravvivenza della popolazione è la verde energia Mako, una sorta di energia vitale del Pianeta, che una grande Compagnia Energetica, la Shinra Inc., assorbe in modo spropositato incurante dei danni ambientali che può causare tale azione. La Mako, conosciuta anche come Materia, non è altro che una concentrazione di energia da cui la magia trae origine, e che in mano ad esperti Ancients può diventare un arma potentissima. Dietro la sua onorabile facciata di società per l’estrazione e la lavorazione di materiali fossili da cui ricavare combustibile, la Shinra nasconde dunque la volontà attiva di un diablico piano segreto. Ma la fine della Mako non è l’unico problema degli abitanti del mondo di Final Fantasy VII: una forza molto più potente, legata ad un passato remoto, vuole portare la distruzione sulla terra, attraverso una meteorite, per poterla poi dominare. Un guerriero deviato, reso folle dal dolore e dalla volontà di diventare più e più potente. Il suo nome è Sephirot! Sephirot è una creatura all’apparenza umana, nato dall’esperimento di un folle scienziato che mischiò in laboratorio i geni di un bimbo comune con quelli di un “mostro” di nome Jenova, un Antico Essere che con la sua razza popolava il mondo prima dell’arrivo degli uomini, creando un individuo potentissimo. Da Sephirot, lo scienziato pensò di “ricavare” un clone, un fratello di nome Zack, ma quest’ultimo esperimento non ebbe il successo sperato e il nuovo essere risultò non-perfetto e venne quindi abbandonato nella vicina città di Nibheleim, dove crebbe allevato come un figlio da una famiglia del luogo, col nome di Cloud. Sephirot intanto, divenne adulto e capo dei soldati della Shinra. Un giorno, ritornato nella villa dove era stato modificato geneticamente, trovò nella biblioteca della residenza i documenti che lo studioso aveva conservato come appunti per i suoi esperimenti… Leggendo quei fogli, l’uomo scoprì di essere figlio di un mostro! Sephirot era incredulo, pian piano il dolore, la rabbia lo resero folle, fino al punto di spingerlo a distruggere ed incendiare la città di Nibheleim, la città natale di Cloud, e a dirigersi nei monti della città, per andare nella centrale mako dove giaceva imprigionata “sua madre”… Un gruppo di Eco-terroristi chiamati AVALANCHE, intanto, lotta contro la supremazia della Shinra cercando di impedirgli il proseguo della terribile devastazione ambientale causata dai suoi reattori Mako della capitale Midgar, e cercando di informare e convincere la gente sulla veridicità di quello che il gruppo armato di ribelli racconta attraverso volantini e azioni di lotta (le Tv sono in mano alla Corporation e dunque i giornalisti tendono a nascondere la verità all’opinione pubblica). Un giorno, quasi dal nulla, appare un ex-soldato di prima classe della Shinra, un mercenario di nome Cloud, che non ricorda nulla del proprio passato, il quale viene convinto da una giovane “guerigliera” di nome Tifa, sua vecchia amica d’infanzia, ad unirsi al gruppo AVALANCHE nella guerra contro la Multinazionale, con la promessa di un compenso in denaro… Ha inizio così la storia di FF VII, che vi trascinerà in un mondo crudele e affascinante, nel corso di un epica avventura ricca di sorprese e colpi di scena, dalla trama articolata e complessa, degna dei migliori kolossal cinematografici americani.

I personaggi

Cloud Strife

Età: 21 anni Luogo di nascita: Nibelheim
Sesso: Maschile
Professione: Soldato mercenario
Data di nascita: 19 Agosto
Arma: Spadone
Cloud è il giovane protagonista di Final Fantasy 7. E’ molto riservato, un po’ come Squall di Final Fantasy VIII. E’ un mercenario assunto dai tipi di Avalache.

Tifa Lockheart

Età: 20 anni Luogo di nascita: Nibelheim
Sesso: Femminile
Professione: Barista
Arma: Pugni
Vivace e ottimista, Tifa lavora in un bar a Midgar, il suo bar: Tifa’s Seventh Heaven. E’ una fra i primi a unirsi all’Avalanche. E’ stata compagna di giochi di Cloud da piccola, a Nibelheim. Lasciò la sua città natale dopo l’amico, in seguito alla morte dei suoi genitori. Durante il gioco si capiscono molto bene i suoi sentimenti verso compagno d’infanzia ritrovato. Combatte con i pugni e le sue Limit sono micidiali.

Aeris Gainsborough

Età: 22 anni Luogo di nascita: Sconosciuta
Sesso:Femminile Professione: Fioraia
Data di nascita: 7 Febbraio Arma: Bastone
Altezza: 167 cm Gruppo sanguigno: 0
Aeris, bella giovane e molto misteriosa, compare per la prima volta nell’introduzione di Final Fantasy 7. Cloud la conoscerà come fioraia nelle strade di Midgar. E’ una delle figure più importanti di tutto il videogioco che muore alla fine del primo disco per mano di Sephirot. possiede la White materia. E’ molto forte nell’usare le magie e le sue limit (in genere sono curative) sono molto potenti e utili per la squadra.

Barret Wallace

Età: 35 anni Data di Nascita:15 Dicembre
Altezza: 197 cm Luogo di nascita:Corel Village
Gruppo sanguigno: 0 Professione: Leader dell’Avalanche
Sesso: Maschile Arma: Mitra
Barret è il leader dell’Avalanche, che combatte contro Shinra che sfrutta l’energia Mako del pianeta. Ha una figlia di nome Marlene. Sua moglie invece, morì in un incidente diversi anni addietro. Ha degli attacchi fisici molto forti, compresa la sua ultima Limit: catastrophe.

Red XIII

Età: 48 anni Sesso: Maschile
Altezza: Sconosciuta Data di nascita: Sconosciuta
Gruppo sanguigno: Sconosciuto Luogo di nascita: Cosmo Canyon
L’intelligenza di RedXIII supera quella umana.Ha una coda infuocata (nell’immagine non si vede!) ed è di colore arancione. Non è certo che questo sia il suo vero nome e resta sempre un enigma. All’inizio del gioco si trova nel quartier generale della Shinra, dove viene utilizzato come cavia per i loro perversi esperimenti. E’ un buon combattente, portato però più alle magie.

Cid Highwind

Età: 32 anni Data di nascita: 22 febbraio
Altezza: 178 cm Luogo di nascita: Sconosciuta
Gruppo sanguigno: B Professione: Pilota, inventore
Sesso: Maschile Arma: Tridente
Cid è un inventore e un abile pilota. Andare nello spazio è sempre stato il suo sogno. Avrebbe potuto realizzarlo se non avesse bloccato il razzo per salvare un membro dell’equipaggio. E’ il costruttore del Tiny Bronco, l’aereo con cui puoi “navigare”, e non volare, perché è stato danneggiato. Cid non eccelle particolarmente in nessun campo, è mediocre un po’ in tutto.

Cait Saith

Età: Sconosciuta
Data di nascita: Sconosciuta
Altezza: 100 cm Luogo di nascita: Sconosciuto
Gruppo sanguigno: Sconosciuto Professione: “Giocattolo”
Sesso: Maschile Arma: Megafono
Cait Saith incontra per la prima volta il gruppo al Gold Saucer. Ha l’aspetto di un enorme Mog con un megafono in mano. E’ un indovino e si unisce alla compagnia per vedere se le sue predizioni sono vere. La sua limit, “Dice”, è molto bizzarra perché usa dei dadi con cui fa danno all’avversario in base al punteggio ottenuto dalla loro somma. L’altra, ancor più strana, è “Slot”: Cait Saith tenta la fortuna con le macchine d’azzardo, in questo caso con la Slot machine

Vincent Valentine

Età: 27 anni Data di nascita: 13 ottobre
Altezza: 184 cm Luogo di nascita: Sconosciuto
Gruppo sanguigno: A Professione: Vampiro
Sesso: Maschile Arma: Pistola
Vincent è un personaggio inquietante. Anche se sembra cattivo, in lui c’è del buono. E’ un altro esempio dei perversi esperimenti della Shinra anche se nel suo caso c’è molto di più che semplici esperimenti

Yuffie Kisaragi

Età: 16 anni Data di nascita: 20 novembre
Altezza: 160 cm Luogo di nascita: Wutai
Gruppo sanguigno: A Professione: Ladra di materia
Sesso: Femminile Arma: Boomerang
Questa ragazzina passa la maggior parte del tempo depredando i viaggiatori finché non incontra Cloud e il resto del gruppo e decide di unirsi a loro. E’ molto intelligente e per di più è anche un abile ninja. Anche se Yuffie non è molto potente, le sue limit sono ugualmente forti. Le sue armi ti permettono di attaccare da distanza ed è molto utile se potenziata con le Materia

Sephirot:

Età: 30 anni Data di nascita: Sconosciuta
Altezza: 180 cm Luogo di nascita: Sconosciuto
Gruppo sanguigno: Sconosciuto Professione: Ex generale dei Soldier
Sesso: Maschile Arma: Spada lunga (Masamune)
Sephirot è il cattivo di turno. E’ figlio di Jenova, un esperimento di Shinra, e cerca spiegazioni su di lei fino ad impazzire. Combatte con la Masamune, una spada fortissima e lunghissima. E’ stato comandante e insegnante di Cloud nei Soldier anche se alla fine il giovane deve sconfiggerlo.

Grafica & Audio
All’epoca della sua uscita su Psx la grafica di FFVII venne salutata con grande stupore e apprezzamento dai critici e dai fans per l’elevata cura del dettaglio e per il riuscito passaggio ad un engine grafico tridimensionale. Nel passaggio dal 2D al 3D (almeno dei personaggi) e all’uso delle texture al posto di pixel e soci, la Square riuscì nell’impresa di azzeccare ogni mossa, mantenendo per certi versi lo stile degli Rpg nipponici (personaggi con le teste grosse, semi- deformed, ambientazioni, etc), ma aggiornando nel contempo il tutto in modo deciso. Il chip della Psx venne letteralmete spremuto come un limone, con un buon utilizzo dei colori, degli effetti delle magie e delle luci. Guardate le Summon, ad esempio. Oggi fanno un pò sorridere, ma non credete anche voi che per chi veniva da quelle create (comunque ottimamente) sul SuperNes rappresentassero un motivo di stupore ed ammirazione? Le animazioni sono splendide per l’epoca, e per la prima volta in un Rpg, assistiamo ad una rivoluzione: la Square, infatti, riesce nell’intento di fondere perfettamente dei FMV con le sezioni più “calde” di gioco, grazie anche al supporto Cd della console Sony (e ciò causò la rottura con la Nintendo che si vide negare il titolo per problemi di realizzazione sul suo supporto a cartucce del N64). Il tutto per un gioco dalla qualità assoluta. Idem per il comparto audio. Nobou Uematsu, con la colonna sonora di Final Fantasy VII, segnò una svolta importante nella saga, realizzando un autentico capolavoro. La musica, sempre a tema con le fasi salienti e non del gioco, pur utilizzando pochissimi campionamenti, riusciva e riesce tutt’ora, ad essere coinvolgente, con le sue litanie che costituiscono quasi una sorta di legame virtuale con tutti i capitoli della serie.

Tutto. Dalla trama profonda e articolata alla grafica, passando per le musiche e la longevità.

I combattimenti casuali e nulla più.

9.5

Perchè, vi starete chiedendo, la recensione di un gioco vecchio di quasi cinque anni? Perchè la recensione di un gioco di cui si conosce oramai praticamente tutto? Beh, forse perchè molti giovani videogiocatori, affacciatisi da poco nel mondo delle console, magari acquistando una PS2, sono curiosi ed ansiosi di scoprire questo capolavoro della Square di cui magari hanno sentito parlare parecchio nei forum e sulle riviste (FF VII è considerato, al pari del VI, il miglior capitolo della serie e termine di paragone per ogni saga di Rpg), forse perchè FFVII ha segnato un importantissima svolta nel modo di concepire e fare gli Rpg (da allora nulla è più stato come prima), forse perchè da pochi giorni Kitase ha annunciato al mondo intero di voler progettare un sequel ufficiale, o forse ancora perchè la realizzazione di una patch per la versione Pc in italiano da parte di un gruppo di giovani appassionati del nostro Paese risveglierà il desiderio di rigiocarlo in molti vecchi fans, fatto stà che non potevamo non riproporvi uno dei giochi più belli di tutti i tempi. Final Fantasy VII non è un Rpg, E’l’Rpg, il gioco di ruolo della svolta, dal vecchio al nuovo, un capolavoro assoluto, da scoprire e riscoprire.

NB: i voti tengono conto della potenzialità hardware della Playstation e del periodo in cui il gioco è uscito.