Speciali 5 min

Yu-Gi-Oh! Master Duel | Il gioco Yu-Gi-Oh! definitivo

Konami presenta un titolo altamente ambizioso per festeggiare i vent'anni di Yu-Gi-Oh! nel mondo.

Il gioco di carte collezionabili di Yu-Gi-Oh! è uno dei più longevi e fortunati della storia recente. Tutto nacque in Giappone nel 1999, con il manga di Kazuki Takahashi; nel corso degli anni, la serie ha conosciuto un’immensa popolarità in tutto il globo, grazie soprattutto al lancio del primo anime tratto dal manga. Nonostante i successivi spin-off animati non abbiano raccolto lo stesso successo in termini di visibilità (almeno dalle nostre parti), il gioco di carte è riuscito a costruire una solida fan base sparsa in tutto il mondo, che ogni anno acquisisce nuovi adepti.

Ovviamente, non potevano mancare gli adattamenti videoludici: l’ultimo, il più che discreto Dawn of the Battle Royale!, lo abbiamo recensito un mese fa su queste stesse pagine. In occasione del ventesimo anniversario della serie (per quanto riguarda il lancio mondiale, almeno), Konami ha però voluto fare le cose in grande, presentando un titolo che ha l’ambizione di essere l’adattamento videoludico definitivo del TCG di Yu-Gi-Oh!.

In Master Duel conosceremo la storia che si cela dietro le carte del gioco.

Stiamo parlando di Yu-Gi-Oh! Master Duel, titolo free-to-play in arrivo su tutte le piattaforme attualmente in circolazione (PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X|S, Nintendo Switch, PC, mobile). Abbiamo potuto assistere ad una presentazione del gioco in anteprima, e siamo pronti a raccontarvi le nostre impressioni e le nostre considerazioni su quello che abbiamo potuto vedere.

Un approccio inedito alla saga

Fin dalla prima presentazione di Yu-Gi-Oh! Master Duel, era chiaro che il focus di questo titolo sarebbe stato il multigiocatore competitivo, con lo scopo di realizzare l’adattamento definitivo del gioco di carte che ormai conosciamo da anni. Per il single player, ci saremmo aspettati un tutorial o poco più, giusto per fornire le basi di gioco a chi magari è completamente digiuno della serie (a questo proposito, daremo per scontato che conosciate le regole del gioco di carte, dato che sarebbe impossibile riepilogarle in questo spazio).

Konami, invece, ci ha stupiti presentandoci una modalità per giocatore singolo che non solo è molto più corposa di quanto ci saremmo aspettati, ma è anche un qualcosa di inedito per la saga. Ma andiamo con ordine.

Nel gioco troveremo diverse campagne, nel corso delle quali potremo imparare le regole di base del gioco; proseguendo nella storia, inoltre, potremo anche familiarizzare con dinamiche più avanzate, come le strategie di gioco di alcuni mazzi specifici. Ad esempio, nel corso della presentazione abbiamo visto un tutorial relativo al mazzo Monarca, una tipologia di deck molto in voga una decina di anni fa.

La presenza di un allenamento graduale, dunque, permetterà anche ai neofiti di gareggiare efficacemente nel competitivo. L’aspetto più interessante, però, è un altro. Anziché basarsi sulle storie e sui duelli visti nelle saghe animate (come successo in quasi tutti gli adattamenti videoludici visti sinora), Master Duel si propone di esplorare la storia che sta dietro alle carte del gioco.

Nel gioco saranno presenti oltre 10.000 carte al lancio.

Si tratta di un aspetto su cui Konami ha voluto insistere nel corso della presentazione; non sappiamo ancora come questo si tradurrà concretamente a livello narrativo, ma la scelta ci ha comunque colpiti per la sua originalità nel contesto della serie, visto che finora mai era stato toccato l’argomento. Sappiamo comunque che vedremo la storia che sta dietro ad alcuni deck, e che ci saranno diverse campagne da sbloccare continuando a giocare.

Un altro elemento di stacco rispetto al passato sta nella presentazione. Pur non trattandosi della build finale, abbiamo potuto apprezzare il salto qualitativo che Duel Master intende compiere, a livello grafico, rispetto ai suoi predecessori. Konami sembra aver finalmente riposto molta più cura nel comparto estetico, dalle animazioni delle carte ad elementi accessori come gli sfondi o i tappetini da duello. L’obiettivo rimane sempre lo stesso: offrire la trasposizione definitiva del gioco di carte per il mondo videoludico.

 

L’adattamento definitivo per gli amanti del competitivo?

La campagna per giocatore singolo, oltre a fare da banco di prova per il nostro deck, ci permetterà anche di acquisire diverse ricompense che ci serviranno a personalizzare il nostro deck ed i nostri accessori in vista delle partite multigiocatore. Durante la presentazione, Konami ha voluto parlare soltanto dei duelli tra amici, senza accennare ancora alla struttura delle partite casuali e classificate, che sicuramente saranno uno dei perni dell’esperienza.

Giocando con amici, sarà possibile creare delle lobby dove potranno unirsi molti giocatori; si potranno tenere più duelli nella stessa lobby, e sarà possibile anche fare da spettatori ai duelli. A proposito dei duelli, in questa modalità essi saranno interamente personalizzabili per quanto riguarda le regole, in modo da poter giocare nel modo che preferiamo con i nostri amici.

Il lavoro svolto, anche in questo caso, sembra andare nella direzione giusta. Ovviamente, però, rimane ancora molto da scoprire del gioco, soprattutto per quanto riguarda il competitivo vero e proprio. Possiamo però fare alcune considerazioni in base alle informazioni che Konami ha divulgato in questi mesi e durante la presentazione.

Attraverso degli specifici tutorial, potremo imparare le strategie specifiche di alcuni dei deck più celebri.

Innanzitutto, il gioco al lancio vanterà la bellezza di oltre 10mila carte presenti. Nel corso del tempo, ovviamente, verrà aggiornato per aggiungere nuove carte e per rimanere alla pari con il gioco di carte vero e proprio. La speranza è che il supporto post-lancio possa essere corposo e, soprattutto, duraturo, come sta avvenendo con Duel Links su mobile.

L’ultimo gioco “principale”, Legacy of the Duelist: Link Evolution, ha ricevuto aggiornamenti soltanto per un anno dopo il lancio, rimanendo ben presto indietro rispetto al gioco di carte. Speriamo che questo, invece, possa rappresentare un punto di svolta per la serie.

A far ben sperare c’è il fatto che il gioco verrà lanciato su molte piattaforme: Konami sembra voler coinvolgere davvero tutti i potenziali giocatori, e a testimonianza di questo fin dal lancio saranno possibili sia il cross-play (cioè potrete sfidare giocatori di altre piattaforme), sia la cross-progression (vale a dire che potrete continuare a giocare con il vostro account su qualsiasi piattaforma).

Se il gioco verrà aggiornato costantemente e tenuto vivo tramite eventi a cadenza regolare, potremmo trovarci davvero di fronte all’esperienza videoludica definitiva di Yu-Gi-Oh! TCG. I tornei organizzati su Duel Links sono un buono spunto da cui partire, in questo senso, per mantenere la community del gioco sempre attiva ed interessata.

Ovviamente, al momento queste considerazioni rimangono speranze provvisorie, basate su quello che abbiamo visto e sulle ambizioni di cui Konami ci ha parlato per Master Duel. Rimane però ancora molto da vedere, sia per quanto riguarda il supporto post-lancio, come abbiamo detto, sia per quanto riguarda le microtransazioni, che sicuramente saranno presenti nel gioco.

Anche in questo caso, Duel Links rimane un ottimo esempio: le microtransazioni sono presenti ma non sono invasive, e soprattutto è possibile costruirsi un buon deck senza dover sborsare denaro. Se Konami riuscisse a trovare un equilibrio simile anche per Master Duel allora saremo di fronte ad un’esperienza da poter raccomandare davvero a tutti, dai veterani ai neofiti.

Yu-Gi-Oh! Master Duel ha, in definitiva, tutte le carte in regola per realizzare la sua ambizione di diventare l’adattamento videoludico definitivo del popolare gioco di carte. Quello che abbiamo potuto vedere va sicuramente nella direzione giusta, dall’interessante ed inedita campagna per giocatore singolo al ricco multigiocatore con amici. Rimane ancora molto da vedere, ma per gli appassionati (e anche per i neofiti) si tratta di un’uscita da tenere d’occhio, visto anche che il titolo sarà disponibile gratuitamente.

Se siete appassionati di Yu-Gi-Oh! TCG vi consigliamo di dare un’occhiata a questo cofanetto da collezione.