VIDEO ANALISI 4 min

Cyberpunk 2077 su PS5, Xbox Series X e Xbox Series S: come gira?

Vi mostriamo da vicinissimo, fianco a fianco, come si comporta Cyberpunk 2077 su PS5, Xbox Series X e Xbox Series S.

Da qualche giorno CD Projekt RED ha reso disponibile Cyberpunk 2077 anche su PlayStation 5Xbox Series XXbox Series S, con una versione non più in retrocompatibilità, ma pensata specificamente per i nuovi hardware.

Vi avevamo raccontato nel nostro articolo dedicato che questa release si affianca alla patch 1.5 disponibile anche su PC, PS4, Xbox One e Google Stadia, che ha modificato alcuni aspetti e bilanciamenti del gioco.

Ci siamo presi un po’ di tempo per metterlo alla prova e abbiamo deciso di proporvi un video confronto che vi permette di vedere in prima persona come si comporta il titolo ruolistico free roam della compagnia polacca, così da poter apprezzare le diverse versioni next-gen una accanto all’altra.

Come gira su PS5, Xbox Series X e Xbox Series S

 

Solo su PS5Xbox Series X, il gioco presenta due diverse modalità grafiche: potete scegliere se dare priorità alle performance, in favore di un frame rate che punta ai 60 fps, o se attivare il ray-tracing. In questo secondo caso, però, non si tratta di un ray-tracing simile a quello della versione PC, che conta su diverse opzioni: non ci sono riflessi specifici e l’RTX lavora unicamente sulle ombre della scena di gioco. Per avere questo beneficio grafico, il frame rate si blocca a 30 fps.

Potete vedere la modalità ray-tracing, da vicino, in azione sia su PS5 che su Xbox Series X nel capitolo finale del video in embed qui sopra.

In performance e ray-tracing, il frame rate risulta in effetti abbastanza stabile, complice anche la risoluzione dinamica di 4K (il gioco renderizza in realtà a una risoluzione più bassa) che si adatta per favorire la fluidità.

Di contro, su Xbox Series S il gioco gira a un massimo di 1440p, è bloccato a 30 fps e non presenta opzioni grafiche per il ray-tracing. CD Projekt ha dichiarato che proverà a portarlo a 60 fps anche su questa macchina, ma al momento sembra difficile immaginare che possa riuscirci.

La guida in notturna restituisce una buona resa

Inutile dire che non ci sentiamo di raccomandare di giocare a 30 fps per avere degli effetti di ray-tracing sulle ombre: molto meglio puntare sui 60 fps della modalità performance (anche se ha dei cali nelle aree più affollate, ma nessun singhiozzo significativo), soprattutto se giocate su un pannello non esageratamente grande.

Rimane, nei nostri test, ancora un fenomeno di pop-in di tanto in tanto quando si procede ad alta velocità, su tutte e tre le piattaforme. È molto ridotto rispetto a PS4, dove risultava difficoltoso addirittura giocare: non ci sono pop-in di veicoli o di ostacoli, ma di texture che vanno ad arricchire lo scenario. Niente di particolarmente clamoroso e niente che infici la fruibilità del titolo.

Ci sono ancora anche alcune cose più “sporche” rispetto all’immagine del gioco su PC: se giocate in performance, ad esempio, ci saranno di tanto in tanto ombre un po’ granulose che renderanno l’immagine meno pulita di quanto non sia di solito. Anche qui, però, parliamo di spaccare il capello in due – perché il gioco è perfettamente fruibile, dal punto di vista tecnico, su tutte e tre le piattaforme. Una cosa a cui PS4 standard e Xbox One non si avvicinavano, perché fino alla fine è rimasto giocabile, ma niente affatto godibile sulle vecchie console base.

Uno scorcio dalla modalità ray-tracing, non disponibile su Series S

Tempi di caricamento

Per quanto riguarda i tempi di caricamento, come era lecito aspettarsi il gioco è particolarmente veloce su tutte e tre le piattaforme, complice l’SSD che montano.

Serviranno solo pochi secondi ad avviare il gioco o caricare un salvataggio, quindi non sarete più costretti a vedere e rivedere la schermata di caricamento come accadeva invece sulle vecchie console.

Folla, traffico e Polizia

Con l’aggiornamento 1.5 CD Projekt ha promesso di aver migliorato il traffico e la folla che presenziano a Night City e, durante le nostre scorrazzate, abbiamo in effetti avuto questa sensazione. Ci è dispiaciuto non trovare l’impostazione per la quantità di folla che è invece presente su PC: su PS5 e Xbox Series X non è una cosa che si possa impostare a piacimento, ma è data unicamente dagli sviluppatori.

La polizia non si teletrasporta più alle vostre spalle in caso di crimine

Ci sono più veicoli e ci sono più pedoni, soprattutto nelle aree centrali o nelle piazze di Night City. Abbiamo osservato numeri molto simili sia su PS5 che su Xbox Series X che su Xbox Series S; la città non dà ancora pienamente l’effetto della megalopoli che dovrebbe essere, ma non ci è capitato di affrontare un percorso incrociando due auto in croce – come succedeva invece nella controparte PS4.

È stato migliorato il comportamento degli NPC e dei veicoli nelle situazioni di panico, ora sicuramente più credibili. Se scatenate una sparatoria, è vero che alcuni pedoni potrebbero rispondere al fuoco ed è vero che molti scapperanno come un’ondata, anziché inginocchiarsi per nascondersi in qualche angolino senza senso lì accanto.

È vero anche che gli automobilisti schizzano via a tutta velocità quando c’è un pericolo, al costo di investirvi, e che possono schiantarsi rimanendo svenuti al volante: un aspetto che sicuramente rende più credibile il traffico di Night City, rispetto a come lo avevamo visto fino a oggi – soprattutto su console.

In città ci sono più NPC e più veicoli

Per quanto riguarda la polizia, finalmente non si trasporterà più subito dietro di voi per attaccarvi in caso commettiate un crimine, prendendosi un po’ di tempo per arrivare sul luogo del misfatto. Un miglioramento gradito che rende più credibile il comportamento delle forze dell’ordine, che oltretutto arriveranno prima con un drone e poi con gli agenti veri e propri per ingaggiare lo scontro.

In conclusione

Probabilmente, su console Cyberpunk 2077 sarebbe dovuto uscire solo nel 2022. Questa versione del gioco, che per ovvi motivi ancora non può pareggiare le opzioni e la resa di quella vista su PC fin dal suo day-one, si allontana in modo deciso dai problemi di performance e dall’immagine granulosa che avevano reso molto difficile, se non impossibile, godersi il gioco su PS4 o Xbox One.

La nostra raccomandazione, al di là dei puri numeri che contano quanto contano, è di avvicinare Cyberpunk 2077 su PC o, in alternativa, proprio su PS5 o Xbox Series X, per vivere al massimo delle possibilità e della fluidità Night City. Il gioco si comporta bene anche su Xbox Series S, anche se la mancanza dei 60 fps è un peccato soprattutto per le fasi di free roam alla guida dei vostri veicoli.

Nel complesso, è ancora percepibile che il gioco sia particolarmente pesante da gestire e da far girare, ma la sua resa sulle nuove console vi toglie di dosso la preoccupazione del frame rate inconsistente e dei pop-in tragici che abbiamo visto fino alla patch precedente su PS4, permettendovi finalmente di concentrarvi solo e soltanto sul viaggio di V.

Se volete scoprire di più su Night City, date un’occhiata anche al libro che vi porta a svelare ogni dettaglio sui suoi quartieri.