Recensione 4 min

A Memoir Blue | Recensione – Cuore di mamma, cuore d’abisso

Piccola e leggera come una parabola, A Memoir Blue è un’avventura poetica fatta d’acqua, attese e non detto.

Quando pensiamo al mare il pensiero può travolgerci, perché quell’elemento non è fatto per entrare in una sola mente.

A Memoir Blue

Piattaforma:
PC, PS4, SWITCH, XONE
Genere:
avventura, avventura-grafica, puzzle-game
Data di uscita:
23 Marzo 2022
Sviluppatore:
Cloisters Interactive
Distributore:
Annapurna Interactive

E l’acqua, allo stesso modo, è sia indispensabile alla nostra esistenza quanto pericolosa quando è troppa, esattamente come può essere l’amore.

Forse questi pensieri hanno accompagnato Cloisters Interactive (pubblicati da Annapurna Interactive, questi ultimi responsabili di Journey su PC e iOS) mentre creavano A Memoir Blue, l’avventura silenziosa di questa recensione.

Solo una parola sarà leggibile… e tanto basta.

A Memoir Blue racconta la storia di una donna, anzi due: una giovane di nome Miriam e sua madre. La loro parabola è quella di una madre premurosa ma piena di difficoltà, originatesi dall’addormentarsi di una figlia inquieta.

Un racconto durante il cui corso non udirete né tantomeno leggerete pressoché nessuna parola. Pur se riconducibile alla contemporaneità di una grande città, il contesto di A Memoir Blue non mostra alcun alfabeto noto: l’unica parola effettivamente comprensibile è il nome della protagonista, che si può leggere all’inizio della storia.

Questo divano sarà il punto di partenza per l'avventura
A Memoir Blue_9

Si tratta di una scelta audace ma difficoltosa, forse adottata da Cloisters Interactive anche per il timore che la propria vicenda venga etichettata dai più cinici come troppo prevedibile o già narrata milioni di altre volte, non solo nella videoludica.

Il racconto di A Memoir Blue è però semplice e intenso, capace con pochi elementi e accenni di mettere in moto l’inferenza del giocatore-spettatore (vi stupirete come quanto possa dire anche solo lo strappare un’immagine da un lato piuttosto che da un altro).

Vedremo qualche accenno di labiale nel finale (del quale evitiamo accuratamente qualunque dettaglio), ma la nostra unica altra compagnia uditiva sarà la colonna sonora, forte di alcuni pezzi cantati. Da segnalare la presenza di una coppia di pesciolini lungo tutto il gioco, metafora semplice ma azzeccata per indicare la genitorialità.

 

A Memoir Blue, o il limite dell’interattività

Durante il suo sonno tormentato che costituisce i sei livelli di A Memoir Blue, la nostra Miriam ripercorrerà alcuni momenti salienti della propria esistenza, i quali l’hanno portata ad essere come l’abbiamo vista all’apertura del gioco.

Parliamo di una nuotatrice professionista e appassionata, con i mobili di casa ingombri di trofei e il collo gravato da un’insostenibile quantità di medaglie, spaventata dall’invadenza di una stampa d’assalto che come un guardone scruta la sua medaglia appena vinta e che pare quasi volerla divorare con una quantità abnorme di flash fotografici.

Nessuno scatena i pensieri e i ricordi come guardare fuori dal finestrino di un treno.
A Memoir Blue_8

E proprio questo suo “sommergerla” sarà il nostro primo compito interattivo come videogiocatori: subito interdettaci la possibilità di controllare direttamente Miriam, A Memoir Blue sceglie la via indiretta, filtrando il compito dell’utente attraverso un movimento e un tasto.

Con questi due mezzi dovremo compiere svariate azioni per risolvere le situazioni bloccanti e fare in modo che Miriam continui ad avanzare (o meglio, a nuotare) nell’oceano dei suoi ricordi.

L'integrazione tra poligoni e animazione tradizionale è il punto di forza grafico del gioco
A Memoir Blue_7

All’insistita semplicità dei comandi fa da contrasto la buona varietà delle azioni compibili, perfettamente distribuite tra canoniche (riparare un pontile, accendere luci) e originali (acquistare e vidimare un biglietto ferroviario).

Verso la fine il gioco ci darà qualche possibilità in più, senza però mai discostarsi dalla natura del “tap” e del “trascina” che fa trasparire ambizioni di approdare su smartphone e tablet.

Un’ambizione che, è bene dirlo, è un po’ oscurante nei confronti delle piattaforme esistenti: il solito impiego della levetta in luogo del mouse o delle dita presenta le solite rigidità e imprecisioni di posizionamento, che pure assolutamente non essenziali in una produzione come questa appaiono ormai come un retaggio del passato tristemente inevitabile.

Uno squisito punto d’incontro

Se c’è però qualcosa di A Memoir Blue che siamo sicuri metterà d’accordo tutti è il suo lato artistico ed estetico. Il gioco di Cloisters Interactive e Annapurna Interactive è infatti un delicato e vincente equilibrio tra il poligonale e il disegnato a mano, tutto costruito com’è prevedibile attorno all’elemento dell’acqua.

Il treno sull'oceano
A Memoir Blue_1

Dominato dalle diverse e rassicuranti tonalità dei blu oceanici, A Memoir Blue tratteggia paesaggi silenziosi e ovattati, capace di unire con naturalezza ambienti molto diversi tra loro (urbano, ferroviario, insulare, fino a un carosello che risalta nei suoi gialli e rossi), con qualche accenno di surrealtà che però dimostra di non essere inutile o lesivo all’atmosfera.

A completare il comparto intervengono le sequenze animate a mano: a queste ultime è affidato il racconto di poche ma importanti sequenze (fino a un culmine ben orchestrato) riguardanti i ricordi di infanzia e adolescenza di Miriam, il suo rapporto con la madre e la nascita della sua passione per il nuoto.

Le insegne sono simbolo di una vita quotidiana in un'anonima grande città.
A Memoir Blue_6

Ben lungi dal cercare un amalgama con i poligoni, le animazioni tradizionali sono costruite secondo un preciso contrasto: l’immagine computerizzata puntano al realismo, i disegni adottano linee tondeggianti e stilizzate, volte a risaltare la forma longilinea della nuotatrice professionista.

Di nuovo però, non possiamo esimerci dal riportare che, nonostante la sua ispirazione, A Memoir Blue soffra un po’ anche sotto il punto di vista grafico: la qualità delle animazioni a mano non è contestabile, ma il livello di dettaglio della Miriam poligonale e le scenografie restituiscono a volte un effetto un po’ troppo “plasticoso”.

Gli sviluppatori poi (probabilmente per inesperienza) non sono riusciti a mascherare adeguatamente i vari caricamenti intermedi, con il risultato che ogni tanto il gioco si blocca visibilmente per uno o due secondi durante il passaggio tra una sequenza e l’altra.

Il lavoro di mamma per una vita in due...
A Memoir Blue_2

A Memoir Blue: elogio della brevità

A Memoir Blue è attualmente disponibile per Steam, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch. Su tutte queste piattaforme è distribuito ad un prezzo assai competitivo, paragonabile a quello di un biglietto per il cinema. Un’idea che, mutatis mutandis, a molti ricorderà quanto fatto dagli sviluppatori di Erica, l’esclusiva PS4 pubblicata a sorpresa qualche anno fa.

Parliamo chiaro: il gioco in sé dura circa un’ora e mezza, nessun enigma è particolarmente cervellotico o difficile e forse il giocatore poco interessato alla trama se lo rigiocherà solo per finire i vari Obiettivi/Trofei e portarsi a casa un Platino facile facile; ma vi dobbiamo anche dire che sarebbe disonesto e soprattutto irrispettoso giudicare A Memoir Blue solo perché “dura poco” o peggio ancora fermarsi all’equazione “costa poco uguale dura poco”.

La coppia di pesci è una metafora semplice ma efficace della vicenda.
A Memoir Blue_3

Se lo facessimo dimostreremmo di non aver capito che A Memoir Blue è prima di tutto lo sbocco di un’emozione, della necessità di mettere in narrazione una vicenda raccolta e intima, il risultato di un viaggio interiore dagli evidenti sapori autobiografici.

Una realizzazione e un percorso psicologici che avevano un bisogno praticamente fisico di essere raccontati, e che poco gli importa se il teatro è vuoto o gremito. Nella sua semplicità, A Memoir Blue sembra nascondere il sogno di far vivere ai suoi giocatori il gusto di una serata diversa, fatta del gioco proiettato nel salotto di casa alla presenza di amici e parenti; oppure, più semplicemente, di una serata raccolta madre-figlia.

Alla fine il messaggio di A Memoir Blue è ovvio, ma è anche uno di quelli che non ci dobbiamo mai stancare di ripetere: una cornice si può sempre riempire, una coppa può solo rimanere vuota.

Versione recensita: PlayStation 4

Se volete cimentarvi in un’altra avventura narrativa, Life is Strange True Colors vi aspetta!

7,1

A Memoir Blue

Piattaforme: pc, ps4, switch, xone
Non chiamatelo walking simulator: A Memoir Blue è prima di tutto il racconto poetico di una madre e di una figlia, che non hanno potuto contare solo l’una sull’altra pur di sopravvivere. Una storia che volendo abbiamo sentito milioni di volte, ma che in questo caso trova piena dignità e distinzione dalla massa nei suoi toni e caratteri autobiografici e sinceri. In questo senso tanto la sua durata quanto il prezzo contenuto assumono i tratti dell’ulteriore incoraggiamento a immergervi in questa avventura breve ma intensa, con la non comune capacità di farvi passare sopra ai suoi difetti. Se poi vorrete come al solito cercare il pelo nell’uovo, fate pure; ma quando l’avrete trovato non fate il solito errore di buttare l’uovo e mangiarvi il pelo.

Pro

  • Una storia delicata raccontata con poco
  • Artisticamente ispirato e diverso dal solito
  • Una bella colonna sonora

Contro

  • I soliti limiti da gamepad
  • Qualche inciampo tecnico
  • L’audacia narrativa e la sua durata ristretta non piaceranno a tutti
7,1