Recensione 5 min

Roller Champions | Recensione – Bersaglio centrato?

Roller Champions è l'ultimo tentativo di Ubisoft di imporsi nel mercato free-to-play: riuscirà a fare centro? Scopriamolo nella nostra recensione.

Lo sviluppo di Roller Champions si è dimostrato certamente più travagliato del previsto: annunciata da Ubisoft nell’ormai lontano 2019 come un nuovo titolo sportivo gratuito, l’attesa produzione free-to-play si è fatta attendere molto a lungo, venendo lanciato ufficialmente su PlayStation, Xbox e PC soltanto il 25 maggio 2022. Si sono infatti resi necessari molteplici rinvii, che gli sviluppatori non ci hanno nascosto essere stati causati dalla volontà di perfezionare il titolo il più possibile, tenendo in piena considerazione anche i feedback dei fan.

Roller Champions

Piattaforma:
PC, PS4, PS5, XONE, XSX
Genere:
sportivo
Data di uscita:
25 Maggio 2022
Sviluppatore:
Ubisoft Montreal
Distributore:
Ubisoft

Dopo la closed beta che abbiamo avuto modo di provare lo scorso anno, che aveva già dato l’impressione di un titolo comunque ormai prossimo all’uscita, è calato un misterioso e assordante silenzio spezzato soltanto poche settimane fa dal publisher, quando ha annunciato ufficialmente a sorpresa come Roller Champions fosse finalmente pronto al debutto, svelando la data di lancio e ribadendo di aver ascoltato costantemente i feedback della community per migliorare l’esperienza di gioco.

Abbiamo avuto l’occasione di provarlo in una speciale anteprima early access pochi giorni prima del lancio definitivo: dopo aver approfondito ulteriormente le meccaniche in occasione della release pubblica, siamo pronti a parlarvi più nel dettaglio del nuovo esperimento di Ubisoft per provare a imporsi in un mercato difficile e altamente competitivo come quello dei free-to-play.

Si scende in pista

In Roller Champions dovranno affrontarsi due squadre composte da 3 giocatori in un evento sportivo su velocissimi pattini: i team dovranno mantenere saldamente il controllo della palla, pattinando attraverso molteplici checkpoint e completando almeno 1 giro sul campo, per poi lanciare la sfera su un bersaglio per fare punti.

La prima squadra che arriverà a raggiungere almeno 5 punti, o che avrà comunque un punteggio superiore rispetto agli avversari non appena il tempo sarà scaduto, vincerà poi la partita. I corridori potranno anche scegliere di correre dei rischi per poter accumulare una maggiore quantità di goal segnati, portando a termini più giri prima di lanciare la palla: un tiro lanciato dopo due giri equivale a tre punti, mentre lanciando la sfera dopo tre giri si potrà chiudere automaticamente la partita grazie al tiro da cinque punti.

Ovviamente, gli avversari non rimarranno certo a guardare e dovranno usare tutta la loro coordinazione — e violenza —  per strappare la palla dalle mani del team avversario, a suon di calci e pugni o, più semplicemente, intercettando la sfera tra un passaggio e un lancio.

 

Si tratta indubbiamente di un gioco che fin dalle prime battute dà l’impressione di voler emulare titoli come Rocket League (di cui potete acquistare diversi prodotti a tema su Amazon), pur offrendo la sua personale interpretazione al genere sportivo free-to-play: si tratta indubbiamente di un crossover originale e il suo più grande pregio è che si tratta di un gioco facile da apprendere, ma con meccaniche che richiederanno tempo per essere apprese alla perfezione.

Pur essendo infatti apparentemente un titolo semplice, se non si apprenderà adeguatamente con l’esperienza come sfruttare le rampe e la mobilità dei pattini a proprio vantaggio, comprendendo anche quando è il momento di passare la palla o di intervenire in tackle su un avversario, apparirà estremamente evidente come possa diventare difficile riuscire a vincere le partite.

La coordinazione di squadra è certamente di vitale importanza, motivo per il quale Roller Champions offre sicuramente il meglio di sé in compagnia dei propri amici o di un team affiatato in grado di darsi indicazioni sui diversi ruoli da svolgere in partita.

Nonostante i tanti aspetti competitivi, resta comunque un titolo indicato per quei giocatori alla ricerca di partite veloci: i match possono infatti durare un massimo di 7 minuti, più un eventuale tempo supplementare e tenendo in considerazione i tempi di ricerca di una partita.

Dopo aver completato un breve tutorial, gli utenti potranno lanciarsi subito in partite rapide e, dopo aver accumulato abbastanza esperienza, partecipare alle partite classificate: dopo aver portato a termine 10 partite di piazzamento, Roller Champions ci assegnerà una tier adeguata al nostro livello di gioco, proprio come già accade in diversi titoli pensati per gli e-sport.

Il gameplay è accessibile e impegnativo allo stesso tempo.

Purtroppo dobbiamo sottolineare che il matchmaking ci ha creato più di qualche grattacapo: se nelle ultime ore i server sembrano riuscire a funzionare stabilmente, almeno per la maggior parte del tempo, abbiamo riscontrato notevoli problemi di stabilità durante il day-one del gioco, in cui accedere a una partita era diventata un’impresa quasi impossibile senza che il gioco crashasse misteriosamente, rispendendoci alla schermata principale del nostro dispositivo.

Un errore evidentemente dovuto alla scarsa stabilità dei server che, sfortunatamente, avevamo già riscontrato durante la fase early access e che ci aveva lanciato un forte campanello d’allarme: bisognerà dunque analizzare nel corso del tempo come procederà il supporto a lungo termine di Roller Champions, augurandoci che quello del lancio sia stato solo uno spiacevole incidente di percorso, seppur riteniamo necessario ammettere che non sia stato un biglietto da visita molto rassicurante per i nuovi utenti.

Campioni appariscenti

Trattandosi di un titolo free-to-play è importante menzionare adeguatamente anche come funzionano le microtransazioni di Roller Champions, che riteniamo fondamentale chiarire fin da subito essere puramente cosmetiche.

Ubisoft ha sottolineato infatti in più occasioni di aver puntato fortemente sulla personalizzazione dei nostri campioni, ma pur tenendo conto di questo desiderio abbiamo riscontrato che le opzioni cosmetiche disponibili per un utente free-to-play sono estremamente limitate, con il risultato che la maggior parte dei giocatori risulteranno avere lo stesso aspetto.

Per poter dunque ottenere gli equipaggiamenti migliori, sarà necessario acquistare gli appositi «wheel», ovvero i crediti del gioco, da spendere nel negozio oggetti per gli accessori disponibili a tempo limitato.

Ubisoft ha già chiarito che ogni stagione saranno introdotte sempre nuove personalizzazioni e che nessuna di quelle acquistabili attualmente tornerà nei futuri aggiornamenti: è evidente che si tratta di un metodo per incentivare gli utenti più interessati a sbloccare subito un eventuale elemento cosmetico.

Gli utenti potranno poi sfidare la sorte sbloccando le Lootball, ovvero le Lootbox vere e proprie di Roller Champions che consentiranno di sbloccare gratuitamente una personalizzazione casuale senza dover spendere nemmeno un centesimo.

La maggior parte delle personalizzazioni è disponibile solo a pagamento.

Non poteva inoltre mancare anche in Roller Champions una versione personalizzata del Battle Pass, in questa occasione intitolato Roller Pass: gli utenti potranno dunque sbloccare nuovi contenuti con il proseguire delle partite e accumulando sempre più fan, ma potranno anche scegliere di utilizzare le microtransazioni per sbloccare una variante Premium con molti più contenuti esclusivi e, se lo desidereranno, sbloccare più in fretta i livelli del pass e ottenere fin da subito le ricompense.

La quantità di fan a vostra disposizione aumenterà dopo ogni vostra partita vinta o persa e in base alle missioni giornaliere completate: oltre a poter avanzare il vostro progresso nel Roller Pass servirà anche come un vero e proprio indicatore dell’esperienza in Roller Champions e che vi permetterà di accedere più facilmente a determinati campi da gioco.

In base ai fan sbloccati si potrà infatti giocare automaticamente in una di tre arene di varia grandezza e spettacolarità, contribuendo all’idea che gli utenti stiano diventando dei veri e propri campioni affermati. Tuttavia, a livello di gameplay le differenze tra i vari scenari sono praticamente inesistenti e, anche in questo caso, solo puramente estetiche.

Se siete amanti del rischio, potete vincere anche con un solo tiro da 5 punti.

Cogliamo l’occasione per sottolineare come il più grande pregio del titolo, ovvero la possibilità di avviare una partita rapidamente e senza pensieri, possa però rivelarsi a lungo andare anche il suo più grande difetto: allo stato attuale riteniamo infatti che il titolo non riesca ad offrire molti incentivi per spingere gli utenti a giocare il più a lungo possibile.

La sensazione è che si sia infatti già visto tutto ciò che il gioco ha da offrire, a causa non solo di un gameplay che, pur essendo impegnativo, avrebbe meritato un maggiore approfondimento, ma anche di una scarsissima quantità e varietà di contenuti disponibili. Naturalmente è ancora presto per esprimere giudizi definitivi scolpiti nella pietra, ma considerando che Ubisoft è attualmente reduce dal flop di Hyper Scape gli sviluppatori saranno pienamente consapevoli del grande sforzo necessario per fare sì che lo sportivo free-to-play possa conquistare non solo i giocatori più competitivi, ma anche e soprattutto il grande pubblico.

Versione recensita: Xbox Series S

6,5

Roller Champions

Piattaforme: pc, ps4, ps5, xone, xsx
Roller Champions è un titolo gradevole da giocare, soprattutto in virtù del fatto che resta comunque un free-to-play, ma con diverse mancanze che non riescono a farlo distinguere adeguatamente dalla concorrenza, nonostante i tanti sforzi di Ubisoft per realizzare un'esperienza unica. La scarsa quantità di contenuti disponibili e, soprattutto, i numerosi problemi riscontrati con i server al lancio restituiscono l'idea di un prodotto che, nonostante i molteplici rinvii, sembra essere stato lanciato forse troppo in fretta. Se troverete un gruppo affiatato di amici con cui giocare in partite 3vs3 si tratta comunque di un prodotto divertente adatto per match rapidi, ma restano molti dubbi sulla sua longevità a lungo termine. Solo i futuri aggiornamenti sapranno dirci se questo titolo potrà essere davvero qualcosa di più o se resterà un'occasione mancata.

Pro

  • Idea di gioco semplice e originale
  • Le partite sono rapide e supportano cross play e cross progression
  • Le tracce musicali sono azzeccate
  • La coordinazione tra compagni è importante

Contro

  • I server hanno fin troppi problemi
  • Le squadre nei match classificati a volte sono incomplete
  • La varietà di contenuti è quasi inesistente
  • Pochissime personalizzazioni gratuite disponibili
6,5