Recensione 3 min

Soul Axiom Rebooted – Recensione

Soul Axiom Rebooted dimostra che le buone intenzioni non bastano

Soul Axiom è un incrocio tra puzzle-game e avventura, uscito nel 2016, frutto del lavoro di Wales Interactive, già autori di Master Reboot. Sfortunatamente, Soul Axiom non ricevette la stessa accoglienza del suo predecessore spirituale, come testimonia la media di Metacritic, che posiziona il titolo leggermente al di sotto della sufficienza.

Soul Axiom Rebooted

Piattaforma:
PC, SWITCH
Genere:
puzzle-game
Data di uscita:
27 Febbraio 2020
Sviluppatore:
Wales Interactive
Distributore:

Gli sviluppatori hanno voluto ascoltare il feedback della stampa e del pubblico ed hanno così cercato di dare una seconda vita alla loro creatura con Soul Axiom Rebooted, versione riveduta e corretta per Nintendo Switch e su PC. Intrigati dalle premesse narrative e dalla peculiare ambientazione, ci siamo fiondati sul gioco, chiedendoci se gli sviluppatori fossero stati capaci di salvarlo.

Benvenuti a Elysia

Soul Axiom Rebooted presenta la stessa storia della versione originale, ambientata nel misterioso mondo di Elysia. Non vogliamo svelarvi altri dettagli, perché fin dalle prime battute possiamo capire come sia stata una scelta consapevole degli sviluppatori – quella di optare per una narrativa non lineare, che non vuole essere compresa fin da subito e che richiede tempo e indizi per essere elaborata.

Questa scelta paga soltanto a metà: se, da una parte, l’intrigante ambientazione spinge a voler sapere di più sulla storia del mondo di gioco, sul misterioso protagonista e su quanto sta succedendo, l’esecuzione è tutt’altro che ottima. L’impressione è che gli sviluppatori abbiano voluto fare il passo più lungo della gamba, puntando su una narrativa complessa che finisce per essere poco coesa, confusionaria e che non riesce a reggere le aspettative che si creano nel corso dell’avventura.

Sia chiaro, è evidente che le intenzioni siano buone e che gli sviluppatori avrebbero una storia interessante da raccontare: il problema, lo sottolineiamo di nuovo, sta nella messa in pratica di queste idee che, sulla carta, avrebbero potuto essere sviluppate notevolmente meglio.

Per quanto riguarda invece l’aspetto tecnico, si notano i passi in avanti fatti rispetto alla release originale; i modelli delle ambientazioni e dei personaggi appaiono migliorati e, sebbene sia chiaro che si tratta di un titolo a basso budget, adesso l’avventura è decisamente più godibile dal punto di vista estetico.

La direzione artistica, però, rimane il vero punto forte di Soul Axiom Rebooted: nel corso dell’avventura veniamo calati in una serie di contesti fantascientifici che ricordano da vicino quanto visto al cinema con Tron. E non è certamente la varietà a mancare: ogni livello si distingue dal precedente per un tema nettamente differente e unico, elemento che tiene viva la curiosità di scoprire quali sorprese si celano nel resto dell’avventura.

Poteri  e rompicapo

Anche dal punto di vista del gameplay, Soul Axiom Rebooted ripropone fedelmente quanto visto nella release originale, sebbene sia qui che si sono concentrati i miglioramenti operati dagli sviluppatori. Sono presenti infatti numerose migliorie rivolte soprattutto alla quality of life del titolo, come un marcatore per gli obiettivi, un nuovo sistema di checkpoint e così via. La sostanza, però, rimane la stessa.

Il nostro misterioso protagonista è dotato di numerosi poteri, che gli permettono di interagire con le ambientazioni che andremo a scoprire nel corso dell’avventura. Ad esempio, è in grado di far materializzare e smaterializzare alcune piattaforme, opportunamente riconoscibili e distinguibili dalle altre. Nel corso dell’avventura ne vengono poi aggiunti di ulteriori, tutti volti alla risoluzioni degli enigmi ambientali che il gioco ci pone davanti.

Soul Axiom Rebooted è, infatti, essenzialmente un puzzle game, con degli elementi adventure a fare da contorno ai numerosi rompicapo che compongono la storia di gioco. Ed è proprio qui che Soul Axiom Rebooted trova il suo difetto più grande: gli enigmi. Sia chiaro, alcuni di quelli presenti sono buoni e vi faranno ragionare, o vi faranno anche divertire per la loro ingegnosità. Per la maggior parte del tempo, però, gli enigmi sono fin troppo blandi e banali, e si alternano momenti privi di sfida a momenti in cui, invece, l’unica sfida viene dal non riuscire a capire esattamente cosa il gioco voglia che facciamo.

Quando in un puzzle game gli enigmi non sono di buona fattura, è difficile riuscire a risollevare le sorti del titolo. Se a questo aggiungiamo la storia non proprio convincente, capirete perché già alla sua prima release Soul Axiom venne bocciato dalla critica. È un peccato, perché il gioco nasconde delle buone idee – e perché il team ha messo davvero molta passione nel titolo, come dimostrato dalla loro voglia di rimettersi in gioco, accogliendo il feedback negativo con questa versione Rebooted. Purtroppo, le buone idee e le buone intenzioni talvolta non bastano.

+ Miglioramenti rispetto alla release originale…
+ Intrigante…
– … ma non bastano a salvare il gioco
– … ma non riesce a soddisfare le aspettative

6.0

Ci dispiace dover “premiare” Soul Axiom Rebooted solamente con una sufficienza, perché il gioco presenta delle buone idee e il team di Wales Interactive ha dimostrato una buona volontà rimettendosi in gioco dopo le critiche ricevute per la release originale. Purtroppo, tutto ciò non basta a salvare il titolo, che cade vittima della sua stessa ambizione, con una storia che non riesce a mantenere ciò che promette e con dei puzzle blandi che si dimenticano fin troppo presto. Peccato.