Un uomo è stato arrestato in Giappone per aver venduto giochi Pokémon contraffatti

L'uomo è stato costretto a pagare ben 300mila yen.

A cura di Marcello Paolillo - 1 Luglio 2019 - 21:59

I Pokémon sono una cosa seria, specie in Giappone, così come la contraffazione è e sarà sempre un problema da non sottovalutare.

Un uomo sui trent’anni è stato infatti arrestato dalla polizia della prefettura di Niigata a causa di una violazione della legge sulla prevenzione della concorrenza sleale (nota come Unfair Competition Prevention Law).

Questi era riuscito a guadagnare 10.000 yen modificando due giochi Pokémon per console 3DS, i quali lo hanno ben presto messo nei guai.

Il trentenne è stato ora condannato a pagare ben 300mila yen di multa. Insomma, una punizione piuttosto esemplare per un crimine che non è di certo passato inosservato alle forze dell’ordine.

Si tratta in ogni caso della prima volta che una persona è stata arrestata per aver modificato un software di videogiochi in Giappone.

Che ne pensate?

Fonte: GN




TAG: pokémon