Recensioni degli utenti 2 min

Samurai Warriors 5

Pronti ad unificare il Giappone?

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Annunciato durante il Nintendo Direct del 17 febbraio dell’anno corrente, Samurai Warrios 5, sviluppato da Omega Force e pubblicato da Koei Tecmo, è bene o male il classico Musou a cui siamo ormai abituati da un ventennio. Esso ripercorre la ben nota ed affascinante epoca storica del Sengoku, in Giappone. Come sarà noto ai più, essa è l’epoca “per eccellenza” del paese del Sol Levante in cui si assistono alle gesta “unificatrici” di eroi come Oda Nobunaga ed altri ben famosi samurai di quel periodo. L’ultima fatica del franchise “Warriors” è considerato però come una sorta di reboot ed effettivamente presenta alcune novità per il genere, seppure senza rivoluzionare nulla.

Il titolo, come preannunciato, ci mette nei panni del leggendario re demone Nobunaga e del suo fedele vassallo Akechi Mitsuhide e farà impersonare all’interno della modalità storia esclusivamente loro due. Questo permette al giocatore di avere una narrativa meno frammentata rispetto ai capitoli passati e dunque in questo senso si può tranquillamente affermare come sia stato fatto un passo in avanti rispetto ai precedenti.

Lo stile grafico adottato, purtroppo, smorza l'epicità delle battaglie

Altra novità, in termini questa volta più tecnici e meramente ludici, si ha grazie alla cosiddetta “Ultimate Skill“, ovvero un’abilità affiancata alle già rodate Musou e Rage, che permette di attivare potenziamenti temporanei del giocatore o attivarne attacchi particolari. Questa è un aggiunta molto apprezzata, in quanto varia un minimo il combat system che per quanto frenetico rimane classico e praticamente invariato rispetto ai predecessori e non fa quindi un reale salto di qualità come invece fece la variante “zeldiana” di casa Nintendo, quell’Hyrule Warriors che è sempre opera dei ragazzi di Omega Force, proponendo il continuo button smashing sul controller senza (o quasi) pausa.

Da un punto di vista grafico ci si trova dinanzi ad un cel shading che rende il tutto troppo cartoonesco e quindi abbassa il livello di epicità di scontri. Altra nota dolente, almeno per il pubblico italiano, è l’assenza dei sottotitoli tradotti. La loro assenza, unitamente alla presenza di diversi dialoghi (voluti per dare anche più enfasi alla narrativa) durante gli scontri rendono sostanzialmente molto complicato seguire la parte narrativa presente sul campo di battaglia e fa limitare esclusivamente a prestare attenzioni ai comandi militari degli alleati.

VOTO: 7

Piattaforme: pc, ps4, switch, xone
In definitiva, Samurai Warriors 5 è sì un buon punto di partenza per un rinnovamento futuro della saga, più che gradito, ma mostra allo stesso tempo il fianco a diverse critiche: oltre a quelle intrinseche del genere, anche altre più specifiche, come la scelta dello stile grafico poco azzeccato, che può andar bene per prodotti con budget inferiori per coprire determinate magagne visive o per prodotti caratterizzati da una vena ironica (come i noti Borderlands), ma non per un prodotto che dovrebbe fare dell'epicità la spina dorsale del comparto narrativo. Ad ogni modo, sperando che il gemello "Dynasty" possa giovare di un inizio di rinnovamento simile, anzi, anche maggiore, mi sento di premiare il titolo.

Pro

  • Narrativa meno frammentaria
  • Epoca Sengoku sempre affascinante
  • Miglioramenti al CS e maggior fluidità tecnica

Contro

  • Assenza della localizzazione italiana
  • Uno stile grafico più maturo avrebbe sicuramente favorito l'immersione