Recensioni degli utenti 2 min

Rogue Explorer

Nelle viscere dell'abisso

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

In un panorama videoludico dove mix tra metroidvania e roguelike spopolano sempre di più, ZOO Corporation prova a dire la sua proponendo un mix di entrambi nel suo Rogue Explorer.

Ci troveremo ad esplorare aree di gioco la cui mappa sarà rivelata man mano che proseguiremo, in pieno stile metroidvania, e, come ogni roguelike che si rispetti, ogni errore ci costerà caro in quanto ogni morte ci catapulterà di nuovo all’inizio del livello.
Questo mix, per quanto potenzialmente valido sulla carta, porta con sé molti problemi, soprattutto per la sensazione palpabile che gli sviluppatori sembrano aver lasciato fuori dall’equazione proprio gli elementi caratteristici dei generi ai quali si ispira.

 

Rogue Explorer tenta di mixare metroidvania e roguelike.

 

La storia di fondo è così semplice da risultare totalmente assente: non ci sono infatti spiegazioni o qualsivoglia spiraglio di narrazione che possa fornire un contesto del perché il nostro protagonista si trova nel villaggio (l’hub del gioco) e perché affronta i vari livelli.
Sappiamo solamente che ad attenderci ci sono una decina di stage di gioco, relativamente diversi gli uni dagli altri, con il classico boss di fine livello ed un grinding potenzialmente infinito per migliorare il nostro equipaggiamento.
Neanche il finale di gioco riesce a dare un senso di “completamento” a quest’improbabile avventura.

 

I livelli si susseguono senza una logica apparente.

 

Una volta superata la mancanza di una trama quello che ci rimane però è un prodotto tutto sommato valido, pur con la presenza di diverse lacune.
Come ogni esponente dei roguelike, anche Rogue Explorer ha il suo fulcro principale nell’accumulare materiali e oro ripetendo più e più volte gli stage al fine di potenziare e creare nuovo equipaggiamento utile a rendere la nostra avventura meno frustrante, specie nei livelli più avanzati.
I potenziamenti disponibili sono presenti in ogni dungeon per ogni volta che saliremo di livello e spaziano da HP maggiorati al doppio salto: altri saranno invece acquistabili dall’hub di gioco e ci permetteranno di potenziare le nostre armi ed armature nonché crearne di completamente nuove grazie a varie “ricette” ottenute con il completamento dei livelli.

 

E' possibile potenziare e migliorare il proprio equipaggiamento.

 

I combattimenti a lungo andare risultano noiosi e ripetitivi in quanto a nostra disposizione avremo solamente due tipi da attacchi, uno manuale con l’arma primaria ed un attacco automatico con l’arma secondaria che si attiva spontaneamente nelle vicinanze di un nemico.
I nemici seguono tutti lo stesso pattern d’attacco monotematico limitandosi a caricare ed attaccare, e lo stesso vale anche per i boss.
Di conseguenza tutto il gameplay si potrà riassumere in un monotono susseguirsi di schivate, salti ed attacchi fino alla fine del livello. E tutto questo viene reso più fastidioso da un leggero input lag dei controlli.

 

I pattern degli attacchi nemici è sempre lo stesso.

 

C’è una sensazione costante di mancanza, come se dovesse arrivare qualcosa nel gioco per portargli il salto di qualità e renderlo più “godibile”: permane dunque la sensazione spiacevole che gli sviluppatori abbiano fatto solo il minimo indispensabile senza osare più del dovuto, lasciando i giocatori con l’amaro in bocca anche dopo un bel numero di ore spese nel gioco.

Tirando le somme, Rogue Explorer non può essere considerato un mix fallimentare d’idee: pur nel suo essere estremamente basilare e sebbene non possa offrire elementi di originalità, resta comunque un prodotto interessante e divertente da giocare nelle (poche) ore che offre al giocatore.

 

VOTO: 5,5

Rogue Explorer prende tutti gli elementi iconici dei generi metroidvania e roguelike e li amalgama, senza però trovare una propria identità. Consigliato per passare qualche ora di divertimento.

Pro

  • Ottimo stile retrò
  • Comparto audio di tutto rispetto

Contro

  • I controlli lasciano a desiderare
  • Stanca facilmente