Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Forza Horizon 4, le stagioni irrompono nell'open world

I Playground dipingono Vivaldi

Provato
A cura di del
Ci aspettavamo il Giappone come nuovo setting per la serie Forza Horizon. Playground Games ha invece deciso di ambientare il suo titolo di punta nel bel mezzo delle colline inglesi. Una scelta inaspettata, che all'annuncio ha lasciato qualcuno con più di un dubbio dato che nel momento in cui ci si approccia a un nuovo capitolo di Horizon, la grande sorpresa, la novità più attesa, risiede proprio nell’ambientazione scelta. Le peculiari caratteristiche di alcune regioni del mondo possono difatti stravolgere fin dalle fondamenta un titolo che fa della navigazione on-the-road il suo fulcro, con risultati e trovate che a seconda della scelta possono essere davvero interessanti. Di base le colline inglesi non sono particolarmente stravaganti, ma non temete perchè anche stavolta i ragazzi del team di sviluppo dell’arcade racing più di successo degli ultimi anni, sono stati in grado di trovare la chiave di volta per darci un ulteriore motivo per tornare sulle quattro ruote, ma soprattutto per trasformare un’apparentemente anonima location in un posto tutto da scoprire.



La rivoluzione si chiama Dynamic Season e servirà per trasformare il ciclo del meteo e del giorno/notte in un ciclo addirittura stagionale. Le gare si svolgono durante l’alternarsi delle stagioni e ciò non va ad influenzare di volta in volta solo l’aspetto estetico della mappa ma sarà pervasivo di ogni singola caratteristica del gameplay. Il freddo dell'inverno rende gli specchi d’acqua attraversabili, l’autunno riempie di foglie morte l’asfalto, la primavera è un tripudio di rivoluzioni meteorologiche e l’estate diventa il perfetto scenario per una perfetta giornata di sole o un improvviso acquazzone.Va da sè che alcune modifiche cambiano l’approccio alla mappa, mentre altre plasmano il driving system rendendo più o meno sdrucciolevoli le superfici.
Nella demo messa a disposizione nello Showcase Xbox, che ha anticipato la fiera, abbiamo potuto mettere alla prova tutte le quattro diverse sezioni in una sequenza di gameplay mista appositamente studiata per l'occasione. La demo girava sui devkit di Xbox One X, e ha messo in mostra un dettaglio tecnico che beneficia di assets per la prima volta in Forza Horizon davvero ottimizzati per la nuova console. Oltre a un’incredibile mole poligonale dei veicoli e a un’eccellente resa degli ambienti, a tratti al limite della caduta mascellare, ciò che più ci ha colpito è stata la nuova resa degli effetti ambientali. Pioggia, neve, effetti di luce sia sulle superfici sia a livello di filtraggio dei colori, cambiano drasticamente l’impatto visivo dell’immagine a schermo, rendendo subito chiaro l’essere nel bel mezzo di una partita effettuata in una determinata stagione. Anche l’HDR contribuisce a marcare contrasti e differenze cromatiche a schermo: l’immagine guadagna indubbiamente in profondità ambendo a un fotorealismo saturato che tanto piace all’attuale generazione di giocatori.

Forza Horizon 4, le stagioni irrompono nell'open world

Il lavoro svolto in questo senso non lascia spazio a dubbi, anzi rafforza le attese nei confronti del gioco. Per non sottolineare il fatto che tutta l’esperienza guadagnata nella creazione di un mondo di gioco così incredibile è già stata messa al servizio di Microsoft per la genesi di un nuovo gioco open-world di cui però non sappiamo ancora nulla, e ciò non può far altro che farci gioire ulteriormente.
Tornando sulle quattro ruote di Forza Horizon 4, le novità non si esauriscono qui. Pur non conoscendo ancora molto del gioco, è stato svelato durante la conferenza Xbox che la mappa sarà popolata non più dai drivatar dei giocatori, ma dai giocatori stessi. La testimonianza di un’infrastruttura online sempre più forte e condivisa a disposizione di Microsoft è un altro tassello messo a disposizione dei team che va ad arricchire l’offerta e le potenzialità delle esclusive. 

Non abbiamo potuto provare questa funzionalità all’opera nella demo in questione, per cui non sappiamo in che modo influenzerà l’esperienza di gioco, ma speriamo di avere la possibilità di scoprirlo nel breve periodo, magari in occasione della Gamescom, per avere un quadro sempre più completo del gioco.

A livello di driving system, Forza Horizon 4 ripropone tutto ciò che di buono la serie ha sviluppato nel corso degli anni. La facilità nella guida e l’appagamento che ne deriva sono incredibili, e dimostrano che nel 2018 si può ancora creare una guida arcade accattivante senza ricorrere ad escamotage e trucchetti che spesso e volentieri snaturano l’esperienza al volante. La precisione con cui il sistema si adatta al peso dei veicoli e al fondo stradale sono solo la punta dell’iceberg di un’esperienza automobilistica che ancora una volta è pronta ad alzare l’asticella dei racing game.
  • [+] Sistema dinamico delle stagioni
    [+] Driving system dannatamente appagante
    [+] Graficamente sbalorditivo

Se siete amanti dei giochi di guida non potete non guardare a Forza Horizon come a un punto di riferimento che anche con questo quarto capitolo si preannuncia irrinunciabile, nonostante i legittimi dubbi di un’ambientazione, quella inglese, che non brilla per originalità. La gestione dinamica delle stagioni evolve ancora una struttura imponente, che dal 2 ottobre raggiungerà gli scaffali dei negozi fisici e digitali e che sempre nello stesso giorno entrerà a far parte del catalogo in continua crescita del Game Pass di Xbox.

0 COMMENTI