Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Sekiro: Shadows Die Twice, anteprima del nuovo titolo di From Software

Un nuovo, perverso e brutale action di From Software

Anteprima
A cura di del
Sekiro: Shadows Die Twice è stato senza dubbio uno dei progetti più chiacchierati degli ultimi mesi. Rivelato con un criptico teaser ai Game Awards dello scorso anno, l’attesissimo progetto di From Software si è finalmente mostrato concretamente sul palco della scoppiettante conferenza Microsoft dell’E3 2018 in un ampio trailer di gameplay. 


Come anche riportato in precedenza dai leak apparsi nelle ultime ore su 4chan, non si tratta del seguito di Bloodborne, né di un nuovo Tenchu ma di una nuova IP che sembra a tutti gli effetti avere molti punti di contatto a livello artistico e stilistico con Kuon, vecchio survival horror della casa giapponese.

Ambientato nel Giappone del 1400 e diretto da Hidetaka Miyazaki, Sekiro: Shadow die twice è un nuovo e perverso action con componenti RPG sviluppato da From Software e pubblicato da Activision (sì, proprio loro). Il protagonista sarà un giovane guerriero il cui compito sarà quello di salvare il suo maestro, un giovane principe, e ottenere la vendetta sulla sua nemesi. La maggior parte dell'avventura si svolgerà in un ambiente rurale, con mappe più aperte e una maggiore verticalità per quanto riguarda l’esplorazione.

Sekiro: Shadows Die Twice, anteprima del nuovo titolo di From Software

Reduce dall’esperienza maturata con Bloodborne, il team di From Software sembra voler optare nuovamente su un gameplay dai tratti dinamici e su un combat system frenetico e brutale, ma decisamente più scenografico nei pattern d’attacco e nella la resa dei particellari. Le immagini mostrate nel trailer ci offrono uno sguardo più approfondito su alcuni boss e sull’armamentario disponibile. Tornano le armi in duplice forma già viste in Bloodborne, alcune dall’assetto totalmente inedito (come l’insolito ventaglio di lame) ma con una novità sostanziale: come già visto nel teaser, il protagonista sarà dotato di un rampino che utilizzerà non solo per spostarsi da una zona sopraelevata ad un’altra, ma anche come protesi meccanica in grado di legarsi all’arma equipaggiata al braccio e di trasformarla letteralmente per permettere al protagonista di sfoderare tutta una serie di mosse d’attacco variabili. Inoltre, il rampino potrà essere utilizzato in combattimento per agganciare i nemici e passare ad alcuni rapidi contrattacchi. Poco chiara, invece, risulta l’introduzione dell’elemento stealth: le immagini mostrano chiaramente che sarà possibile eseguire delle uccisioni silenziose, ma non ci è dato ancora sapere quali saranno le modalità e se sarà possibile portarle a termine a nostra assoluta discrezione.

Infine, un grosso interrogativo resta quello riguardante la presunta linearità della componente narrativa. Certo è che se tale scelta venisse confermata, From Software avrebbe la possibilità non solo di allargare il proprio bacino d’utenza ma anche di provare a percorrere una strada totalmente nuova e sicuramente interessante in termini di veicolazione della storia. Nel frattempo, non ci resta che sperare di avere al più presto notizie più corpose al riguardo.

  • [+] Combat system ancor più frenetico e brutale
    [+] Il rampino amplia le potenzialità del gameplay

From Software torna a porgere la sua attenzione verso il folklore e la mitologia dell’antico Giappone, ma con una maturità e una consapevolezza ludica tutta nuova. Se sul versante ruolistico e narrativo resta ancora tutto da chiarire, sul lato prettamente concettuale Shadow die twice sembra avere tutte le carte in regola per far brillare sotto una nuova luce tutti gli ideali artistici e produttivi portati avanti dalla poetica sanguinaria di Miyazaki..

0 COMMENTI