Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

FUT World CUP 2018 - Le Icon che vorremmo

Lo spazio che meritano i grandi

Speciale
A cura di del
Solo pochi giorni fa è stato annunciato l’update gratuito di FIFA 18 dedicato al più grande evento calcistico esistente, i Mondiali, quest’anno di scena in Russia. Se la cosa non vi gasa, beh, siete italiani, è normale, probabilmente nessuno vuole sentir parlare di nazionali che giocheranno per il trofeo più ambito mentre noi saremo ancora con la testa a quel fatale 13 novembre…ma c’è sempre FIFA dai!

Come di sovente accade, infatti, EA ha deciso di sfruttare appieno la licenza FIFA World Cup, e dal 29 maggio verranno inserite tante nuove modalità a tema Mondiali, dalle più classiche come il torneo basato su quello reale, il torneo personalizzato (per portare in Russia la nostra Italia magari) e soprattutto la più attesa, una versione di Ultimate Team per le nazionali qualificate.

Senza stare troppo a snocciolare le differenze rispetto al FUT classico, che potete trovare nella nostra notizia, vorremmo porre l’accento su un’aggiunta in particolare, ovvero le nuove Icon che popoleranno la modalità, carte esclusive di giocatori che hanno fatto la storia della Coppa del Mondo.

A oggi ancora non sono stati annunciati, quindi vogliamo divertirci un po’ con voi, cercando di scoprire quali saranno anche basandoci sulle nostre e vostre preferenze, oltre ai rumor che da qualche tempo circolano sul web: partiamo dai nostri eroi nazionali!

FUT World CUP 2018 - Le Icon che vorremmo

Fabio Cannavaro - Il leggendario capitano della vittoria del 2006, l’ultima e l’unica che la maggior parte di noi ha vissuto, con la sua esplosività e l’invalicabile difesa sarebbe una carta devastante nelle difese di qualunque team, chi non lo vorrebbe?

Christian Vieri -Il grande Bobo, uno dei 23 nella sfortunata spedizione in Corea nel 2002, quella dell’arbitro Moreno, per chi non ricordasse. Con la sua fisicità e il mancino esplosivo sarebbe una prima punta di livello assoluto!

FUT World CUP 2018 - Le Icon che vorremmo

Franco Baresi - Capitano del Milan per 15 stagioni, non ha avuto una grandissima carriera in Nazionale, nonostante figuri nella lista dei vincitori della Coppa del Mondo 1982. Ma davvero vogliamo dimenticare le prestazioni (da capitano) nelle successive edizioni, culminate purtroppo col rigore sbagliato in finale nel 1994? Difensore tra i migliori di sempre, lo pretendiamo!

Francesco Totti - Lo sappiamo, si è ritirato da meno di un anno, eppure ci sembra già il caso di omaggiare un giocatore che ha fatto la storia del gioco e della nazionale. Senz’altro verrà aggiunto nei prossimi FIFA, ma perché non anticipare?

FUT World CUP 2018 - Le Icon che vorremmo

Luis Figo - Passato storico tra squadre del calibro di Barcellona, Real Madrid, Inter, nonché Pallone d’Oro nel 2000 e 127 presenze con la nazionale portoghese: serve altro per inserire questa leggenda in FUT?

George Weah - Il liberiano magico, ora Presidente della Repubblica, ha collezionato premi di ogni tipo, sia individuali che di squadra: Pallone d’Oro, FIFA World Player e campionati col Milan. Purtroppo giocando in una nazionale debole non ha mai partecipato ai mondiali, arrivando a un solo punto dalla qualificazione nel 2002. Una curiosità? In nazionale, il buon Weah giocava nel ruolo di libero!

FUT World CUP 2018 - Le Icon che vorremmo

Pavel Nedvěd - Conosciuto in Italia per aver fatto la storia di Lazio e Juventus, il biondo esterno sinistro aveva un mancino fatato, capace di creare traiettorie al bacio. Pallone d’Oro nel 2003, un giocatore che senz’ombra di dubbio sarebbe un piacere utilizzare in FUT.

Paul Scholes - Ecco un altro centrocampista totale, il “Silent Hero”, bandiera del Manchester United con cui ha giocato pure tutta la carriera, vincendo veramente ogni tipo di trofeo possibile. Con la nazionale purtroppo ha raccolto meno di quanto probabilmente meritasse, insieme al resto della generazione d’oro inglese, ma un giocatore del genere merita assolutamente la sua carta Icon.

George Best - Arriviamo a una leggenda, una leggenda che purtroppo non ha mai partecipato ai Mondiali con la sua Irlanda del Nord, ma che ha saputo dispensare calcio come pochi altri nella storia, seppur per poco tempo. Un giocatore come George Best non può assolutamente mancare tra le Icon, e sapete perché? Perché Maradona good, Pelè better, George Best.

Dopo questa carrellata di fenomeni nostalgici, è arrivato il vostro momento: quale Icon vorreste nell’espansione dedicata ai Mondiali di FIFA 18 in arrivo il 29 maggio? Fatecelo sapere!

0 COMMENTI