Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Ni No Kuni 2, anteprima del JRPG Level 5

La varietà di chi non si accontenta

Provato
A cura di del
Aspettavamo Ni No Kuni II dopo il ritorno dalle feste, per riempire quella calma prima della tempesta che di solito anticipa l'inverno videoludico, tra marzo e febbraio, ricco di tante e importanti novità. Purtroppo l'annuncio del rinvio di qualche giorno fa ha dato uno scossone ai nostri piani e dovremo attendere il 22 marzo prima di poter mettere alla prova definitivamente questo seguito. Nel frattempo, all'evento LevelUp di Bandai Namco, abbiamo avuto di provare (presumibilmente per l'ultima volta) il JRPG di Level 5, che ci è sembrato decisamente in forma. Andiamo a riscoprirlo.

Ni No Kuni 2, anteprima del JRPG Level 5

Le premesse

A disposizione avevamo ben quattro sezioni, ognuna indipendente, ma soprattutto ognuna dedicata a mostrare una determinata porzione di gioco dimostrativa di fasi differenti del gameplay. Questo perchè Ni No Kuni 2 può vantare una varietà invidiabile, che lo porta a ibridare non solo diversi stili artistici, ma anche diversi generi. Nei panni di Evan Pettiwhisker Tildrum, un ragazzo-gatto usurpato del proprio trono, dovremo cercare di tornare al potere aiutati da Roland e Tani.

Ni No Kuni 2, anteprima del JRPG Level 5

La prima di queste situazioni ci ha portato a scoprire l'aspetto strategico del gioco, ovvero quello tramite cui dovremo affrontare le battaglie tra eserciti, rappresentati da poche unità da guidare in tempo reale contro gli quelle nemiche. I vari battaglioni possono essere dediti agli attacchi ravvicinati o dalla distanza, e a seconda dell'arma utilizzata possono essere forti contro diverse tipologie di altri soldati. A ciò si presta bene l'art design chibi dei personaggi all'interno della mappa, che nella sua essenzialità lascia che tutto sia chiaro e che non ci siano elementi di disturbo a schermo.

Ni No Kuni 2, anteprima del JRPG Level 5

Una grande varietà

Poi ci siamo addentrati nei meccanismi di combattimento classici, con piccoli scontri durante una mini-quest dedita alla ricerca di un nido di viverne. Il combattimento è in tempo reale, seppur istanziato rispetto all'eplorazione, con abilità da attivare mentre ci si muove per la zona della mappa accessibile, cercando di evitare i colpi nemici: queste sono legate ai tasti classici, previa pressione del tasto R2. 
Ad approfondire questo sistema di combattimento ci sono i piccoli minion, di nome Higgledies, che legati a elementi come fuoco, vento, oscurati ci danno la possibilità di attivare dei poteri, comprensivi di buff/debuffs e attacchi speciali. Questi in combattimento possono essere al massimo 4, ma non sappiamo ancora nel dettaglio come funzioni la meccanica di cattura, o comunque di affiliazione.
 Nel combat-system c’è anche spazio per le magie, che partendo dallo scettro del re, possono essere caricate per aumentare l’intensità e il numero di colpi con cui vengono scagliate.

Ciò è stato ancora più facile da sperimentare durante il combattimento contro un boss chiamato LongFang, che con le sue mosse di fuoco ci avrebbe letteralmente bruciacchiato se non fossimo ricorsi agli Higgledies dello stesso tipo in grado di fornirci la protezione necessaria per contrastarle.
 Infine abbiamo potuto fare conoscenza del sistema di esplorazione, di stampo classico, ma sicuramente un ulteriore tassello della varietà che articola le diverse fasi di gioco.
 
Tutto ciò contribuisce a un miglioramento della giocabilità rispetto al precedente capitolo, tangibile soprattutto nella maggiore capacità di controllare le variabili messe a disposizione dal gioco ed è probabilmente dovuto al riavvicinamento del sistema a meccaniche più classiche e quindi più rodate.

Ni No Kuni 2, anteprima del JRPG Level 5


Di Ni No Kuni 2, per concludere, non possiamo che elogiare la direzione artistica figlia di quello studio Ghibli, in larga parte inglobato nella società Level 5, che continua a dare un segno distintivo al lato visivo della produzione. Abbiamo apprezzato la resa visiva dei personaggi chibi, ma anche quella classica, anche se non possiamo ancora dirvi quanto il continuo passaggio tra l’una e l’altra possa alla lunga risultare piacevole alla vista.

Le premesse di un ottimo gioco per Ni No Kuni 2 si sono confermate anche in occasione del levelup europeo di Bandai Namco. Al di là dell'aspetto narrativo, ancora tutto da scoprire, sul gameplay abbiamo ritrovato una varietà invidiabili di generi mescolata in un unico titolo, senza snaturare o ibridare eccessivamente tutto ciò. La fase esplorativa, quella strategia e infine quella del combattimento classico ci hanno convinto e hanno messo in mostra le frecce che Ni No Kuni 2 ha al suo arco.

0 COMMENTI