Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

The Last of Us Part II, la violenza non sarà 'sexy'

Sarà realistica e spiacevole

The Last of Us: Part II
A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 13/07/2018
Parlando ai microfoni di Buzzfeed, Neil Druckmann di Naughty Dog ha spiegato il suo approccio alla violenza dopo alcuni trailer piuttosto discussi sotto questo profilo di The Last of Us Part II.

"Il nostro approccio estetico alla violenza è renderla quanto più consistente e reale possibile, e noi guardiamo - e a volte non ci piace - tanti video dal mondo, ok?, il mondo che conosciamo, e stiamo provando a dire ok, non vogliamo renderla sexy", ha spiegato il creative director.

"Come la rendiamo reale? Come la rendiamo spiacevole, perché a volte l'arte dev'essere spiacevole? Con la storia che stiamo provando a raccontare, a volte dovrebbe essere spiacevole per voi andare avanti, eppure siete così appassionati ai personaggi che andate avanti lo stesso, e speriamo che rifletterete sulle azioni a cui parteciperete".

In occasione dell'E3 e del post, tanti dettagli in merito ad un gioco finora nebuloso stanno emergendo. Ad esempio, avete letto che Ellie avrà un partner NPC simile a quello che lei stessa rappresentava nel primo capitolo?

The Last of Us: Part II
0 COMMENTI