Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

The Last of Us Part II non sarà ambientato soltanto a Seattle

Lo rivela Neil Druckmann

The Last of Us: Part II
A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 12/07/2018
In una recente intervista concessa a Buzzfeed, Neil Druckmann, creative director, ha confermato che The Last of Us Part II avrà in Seattle una "location prominente" ma non sarà l'unica.

"Ellie va in diverse location, con Seattle che è prominente in questo gioco", ha spiegato Druckmann.

L'esplorazione sarà funzionale al conseguimento di risposte come "qual è la storia di questa città? Quando è stata una zona di quarantena? Quando è caduta? Mostriamo questa nuova fazione chiamata Serafiti, chi sono questi fondamentalisti religioni che esistono nella città? Qual è la loro storia? Da dove vengono? Come li hanno influenzati gli eventi dell'epidemia?".

Ci saranno altre domande e altre risposte, ha assicurato, sebbene non ne possa ancora parlare perché costituiscono degli spoiler.

The Last of Us Part II non ha ancora una data d'uscita ma stiamo progressivamente acquisendo nuovi particolari sul gameplay, come ad esempio il fatto che Ellie avrà un partner.

The Last of Us: Part II
0 COMMENTI