Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Nessun errore: il riferimento a Spyro nel codice di Crash N. Sane Trilogy sarebbe intenzionale

Lo afferma l'utente che ha eseguito il datamining

Spyro The Dragon
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 07/03/2018
Gli indizi che puntano verso un'uscita di una Spyro Trilogy revisionata come già fu per Crash Bandicoot N. Sane Trilogy cominciano a farsi numerosi. Dopo le certezze della testata Kotaku—storicamente informatissima, quando si tratta di indiscrezioni—un dataminer ha anche scoperto un riferimento ad una possibile demo dello stesso Spyro nel codice di N. Sane Trilogy.

Qualcuno aveva pensato potesse trattarsi di un errore, ma dopo aver sviscerato il codice del gioco, il dataminer conosciuto con il nickname di BetaM su Twitter fa sapere che «l'inserimento della demo di Spyro nel codice del gioco è stato intenzionale. Per essere chiaro: non so se confermi o no che è in arrivo una demo o che sarà aggiunta ma, come detto, ritengo che confermi che il codice per questo tasto sia stato aggiunto intenzionalmente, al contrario di ciò che alcune persone pensavano, ritenendo potesse trattarsi di un bug.»

In passato, Activision si è detta sorpresa e molto soddisfatta dai risultati commerciali di Crash Bandicoot N. Sane Trilogy, motivo per cui è lecito per il pubblico attendersi altri ritorni delle sue proprietà intellettuali rimaste indelebilmente nell'immaginario dei videogiocatori. Pochi giorni fa, lo stesso publisher statunitense ha stilato i suoi piani per il 2018, parlando dichiaratamente della "pubblicazione di rimasterizzazioni di giochi che fanno parte della nostra libreria di IP".
La strada verso un ritorno di Spyro sembra sempre più tracciata.

Spyro The Dragon

Fonte: Twitter
0 COMMENTI