Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Final Fantasy XV Windows Edition, le copie pirata girano meglio che su Steam

Lo prova un nuovo test

Final Fantasy XV
A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 12/03/2018
Stando ad un'analisi di DSOGaming, che trovate nel video in basso, le copie pirata di Final Fantasy XV Windows Edition girano meglio che su Steam.

In particolare, sulla configurazione adoperata dal portale (i7 4930K con overclock a 4.2Ghz, 8GB RAM, GTX980Ti), sono i tempi di caricamento a finire nell'occhio del ciclone.

Il primo avvio richiede 30 secondi su Steam, mentre nelle copie pirata avviene in appena 3 secondi. Il secondo lancio (uscendo dal gioco e rilanciandolo subito) richiede 8 secondi su Steam e sempre 3 sulle copie craccate.

Similmente, le copie pirata caricano più rapidamente le mappe nel gioco, battendo quelle digitali originali di Steam di quasi un minuto (58 secondi contro 1 minuto e 40 secondi).

Come se non bastasse, il titolo originale ha problemi di stutter dovuti al fatto che legge continuamente i dati dal disco rigido del PC: qualcosa che già in passato era stato ricollegato all'uso del DRM Denuvo.

In generale, non si può dire ancora se sia nuovamente un insieme di problematiche apparse per via del DRM oppure ci sia dell'ottimizzazione da fare in futuro tramite aggiornamenti.

La prima patch di Final Fantasy XV Windows Edition è intanto disponibile, ma non è incentrata su questi problemi.

0 COMMENTI