Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

Blade Runner 2049 accusato di sessismo: il regista non ci sta

'Il film non parla del domani; parla di oggi'

Blade Runner 2049
A cura di Marcello “Pavo” Paolillo del 26/11/2017
Non solo il film è stato purtroppo un deciso flop al botteghino, ma ora Blade Runner 2049 è tornato a far parlare di sé per un motivo non propriamente nobile. A causa infatti di una particolare sequenza ritenuta troppo sensuale - che coinvolge il protagonista Ryan Gosling, una prostituta e l'ologramma interpretato da Ana de Armas - sono piovute addosso al film pesanti accuse di sessismo, in un momento particolarmente delicato per Hollywood a seguito del caso Weinstein.

"Sono molto sensibile a come ritraggo le donne nei film. Questo è il mio nono lungometraggio e sei tra questi hanno donne nel ruolo principale ", ha dichiarato il regista in un'intervista a Vanity Fair. Tra questi c'è "Arrival", con Amy Adams e "Sicario", con Emily Blunt.

"Il primo Blade Runner era piuttosto duro per le donne; si soffermava sull'essere un film noir estetico. Ho cercato di portare profondità a tutti i personaggi. Per Joi, il personaggio olografico, vedi come si evolve. È interessante, penso. [...] Il cinema è uno specchio della società. Blade Runner non parla del domani; parla di oggi. E mi dispiace, ma il mondo non è gentile con le donne."

Che ne pensate?

Se volete saperne di più vi basterà leggere la recensione di Blade Runner 2049 e lo speciale dedicato al film.

Blade Runner 2049

Fonte: Indiewire
0 COMMENTI