Questo sito utilizza cookie anche di terze parti necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra cookie policy.
Cliccando sul tasto ACCETTA dai il consenso all’utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto. 

No Man's Sky, Peter Molyneux ha fatto visita a Sean Murray dopo il lancio

Per scambiare due chiacchiere sulle durissime critiche

No Man's Sky
A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 04/09/2017
Da padre nobile dello sviluppo di videogiochi in Gran Bretagna, Peter Molyneux ha fatto visita a Sean Murray di Hello Games dopo il caso scoppiato subito dopo il lancio di No Man's Sky, accusato dai videogiocatori di essere incompleto.

Molyneux - tristemente noto come uno sviluppatore che non mantiene quanto promesso in fase di presentazione dei propri titoli - ha prima definito il suo stesso (supposto) silenzio stampa "stupido e infantile", per poi spiegare di ritrovarsi in un mondo molto diverso da com'era agli inizi della sua carriera, con troppi fan "frustrati" e desiderosi di scatenare la propria ira sui creatori.

"Per noi, per me e Sean e chiunque altro, noi lavoriamo col cuore, facciamo questi giochi perché ci piace farlo e perché vogliamo che la gente ami giocare i titoli che noi creiamo. Posso assicurare che io e Sean e tante altre persone che conosco non lo fanno per rubare soldi alla gente, non siamo nel settore per essere malvagi", ha commentato il padre di Fable.

"Lo facciamo per provare a creare cose che intrattengano la gente e ci rendano orgogliosi".

Fonte: PCGamer
0 COMMENTI