Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella cookie policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK

Obsidian svela: abbiamo rifiutato di realizzare un videogioco di Game of Thrones

La celebre software house spiega i motivi del suo no

Game of Thrones
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 30/08/2017
Ora che Game of Thrones è sulla bocca di tutti, con il season finale della stagione 7 e la popolarità enorme della serie HBO, potrebbe suonare difficile credere che qualcuno possa rifiutare di realizzare un videogioco dedicato ai fantasy di George R. R. Martin. Obsidian, però, lo ha fatto e ne spiega i motivi, anche se è accaduto nel 2005, quando i romanzi erano già abbastanza popolari ma non quanto oggi, con la serie TV.

«La mia sensazione, comprendendo la proprietà intellettuale in quell'epoca, è che si trattasse di qualcosa concentrato sugli intrighi politici, sulle connessioni tra i personaggi: è così che sono stati scritti questi libri, ogni capitolo è incentrato su una persona e ti racconta cosa le sta succedendo» ha dichiarato Feargus Urquhart, co-fondatore di Obsidian, ai microfoni dei colleghi britannici del sito Eurogamer.net. «A parte ciò che succede al di là della Barriera, e la questione draghi con qualche accenno ad elementi fantasy e alla magia, non ci sono dei veri utilizzatori della magia, non ci sono chierici, non ci sono ladri. In pratica ci sono delle persone armate di spade e armature e un po' di misticismo qua e là, ma all'interno dei Sette Regni non ci sono cose come goblin, come kobold.»

Game of Thrones
«Che panni potrebbero vestire i giocatori, ad eccezione di quelli di un soldato? Contro cosa combatterebbero? A quell'epoca, non è che si sapesse molto di cosa si nascondeva oltre la Barriera. Tutto era incentrato sulle relazioni tra i diversi personaggi chiave, in "A Song of Ice and Fire".»

Anche Chris Parker, vice presidente per lo sviluppo di Obsidian, ha detto la sua: «all'interno di questo mondo, è impossibile dare al giocatore i panni di un personaggio importante, perché tutti quelli importanti sono già manifesti e raccontati nei libri, è anche difficile averci un dialogo.»

Chissà se, ad oggi, Obsidian cambierebbe idea. Qualche giorno fa, vi ricordiamo, sono emersi dei rumor che vedrebbero Bethesda, autrice delle serie The Elder Scrolls e Fallout, essere al lavoro su un videogioco dedicato a Jon Snow, Daenerys e compagni. Siamo però in attesa di eventuali conferme o smentite ufficiali.

Fonte: Eurogamer.net
0 COMMENTI