Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella cookie policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK

Polemica su Sarahah: l'app ruba i contatti della vostra rubrica, lo sviluppatore spiega perché

L'applicazione ha avuto un boom di popolarità nelle ultime settimane

Sarahah
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 29/08/2017
Se siete abitanti del Web, avete sicuramente sentito parlare di Sarahah, l'applicazione diventata estremamente popolare nelle ultime settimane, che consente di ricevere commenti e domande in anonimo dai propri contatti e di condividerli sui social. Qualcuno lo aveva definito un esperimento sociale, qualcun altro ha trovato sgradevole il fatto che l'anonimato consenta alle persone di esprimersi nel peggiore dei modi, ma nel complesso l'applicazione ha riscosso un boom di popolarità in tutto il pianeta. Questo, almeno, prima che si scoprisse che si appropria dei contatti della vostra rubrica per caricarli online e metterli a disposizione degli sviluppatori.

Sarahah si appropria dei contatti: ma perché?


Ce lo siamo chiesto tutti: perché Sarahah si sta giocando la sua popolarità per appropriarsi dei contatti? A rispondere, come riportato da The Verge, è stato direttamente l'autore, Zain al-Abidin Tawfiq, che ha spiegato che l'accesso alla rubrica viene richiesto per una feature che consentirà di trovare i propri amici. Al momento, però, a causa di un problema tecnico, si tratta di un'opzione ancora non implementata, che arriverà solo in futuro.

Sarahah
Da segnalare anche che l'applicazione non "ruba" propriamente i contatti, dal momento che viene mostrata all'utente la notifica in pop-up che chiede di consentire l'accesso alla rubrica. In caso si neghi il consenso, l'applicazione continuerà a funzionare senza appropriarsi dei numeri dei vostri cari.

Vedremo se le dichiarazioni di al-Abidin Tawfiq basteranno a spegnere le polemiche che stanno circondando Sarahah, che ha vissuto in pochissimo tempo il suo momento top e quello flop.

Fonte: The Verge
0 COMMENTI