Death Stranding avrà una storia all’altezza di Metal Gear, per Kojima

Hideo Kojima spiega alcuni degli aspetti di Death Stranding mostrati durante il Tokyo Game Show

NEWS
A cura di Stefania Tahva Sperandio - 15 Settembre 2019 - 11:53

Hideo Kojima, come aveva promesso, ha mostrato da vicino le meccaniche di gameplay del suo Death Stranding nel corso del Tokyo Game Show 2019, consentendo in un primo video gameplay di scoprire fasi di esplorazione e combattimento, mentre in un secondo abbiamo appreso che, rientrato in una Safe House, il protagonista Sam Porter Bridges potrà ingannare un po’ il tempo con attività più “leggere”, che comprendono perfino fare smorfie davanti allo specchio o interagire con la telecamera (soprattutto se andrete a indugiare, con l’inquadratura, sui suoi gioielli di famiglia).

Death Stranding avrà una storia all’altezza di Metal Gear, per Kojima

Il game designer ha voluto spiegare, sui social, la scelta di inserire questa stanza privata di Sam all’interno del gioco, ritenendola necessaria per alleggerire le atmosfere:

Death Stranding è un gioco che, mentre lo si gioca, ti fa sentire molto solo. La natura ti circonda, è molto bella ma è anche aspramente dura, il dover fare delle consegne ti costringe a tenere alte tensione e paura, e le Creature Arenarie sono così oscure e spaventose, è una cosa che ti stressa.  Ecco perché era necessaria la stanza privata.

Sempre su Twitter, Kojima ne ha anche approfittato per fornire dettagli sui toni della storia di Death Stranding, anticipando che sarà simile a quella «di altri miei giochi, come Metal Gear Solid»:

Ho introdotto le meccaniche di gameplay al Tokyo Game Show. In ogni caso, la storia e il mondo stesso di Death Stranding sono seri e hanno un tono oscuro, ma ci sarà una storyline toccante come nei miei altri titoli, come ad esempio Metal Gear Solid.

In merito all’open world, Kojima ha approfittato di un tweet della sua assistente, Ayako, che ha raccontato il suo approccio con il gioco e che già nei giorni scorsi aveva affermato di essere riuscita a finire Death Stranding grazie ai livelli di difficoltà proposti da Kojima. Nel suo cinguettio, Ayako ha spiegato:

Quando mi ci sono abituata, mi sono divertita a leggere i miei documenti preferiti nella stanza privata, con la mia musica preferita, prima di continuare. Puoi scegliere liberamente che percorso seguire per raggiungere la tua destinazione, così ho evitato intenzionalmente tutte le aree di battaglia. Mi sono comunque portata tutti gli equipaggiamenti, perché non si sa mai.

In merito, Kojima ha voluto spiegare:

Immaginiamo che ci siano della Creature Arenarie vicino. Se sei abbastanza sicuro di te di riuscire a superarle senza sfidarle, o se vuoi sfidarle, allora ti porterai delle armi che possano affrontarle. Se invece non vuoi, allora puoi scegliere di passare per la montagna impervia, dove le CA non ci sono, ma dovrai portarti equipaggiamenti da scalata. Hai scelte di questo tipo, è un nuovo gioco open world.

Questo il tweet in inglese:

Vi ricordiamo che Death Stranding è atteso su PS4 per il prossimo 8 novembre. Che aspettative avete per questo gioco?




TAG: death stranding, kojima productions

OffertaBestseller No. 1