In attesa di Game of Thrones 8×03: parla lo sceneggiatore

L'episodio di svolta di Game of Thrones 8 è a poche ore di distanza: vediamo cosa ci dice lo sceneggiatore

NEWS SERIE TV
A cura di Stefania Tahva Sperandio - 28 Aprile 2019 - 13:53

Nelle scorse settimane, sono andate in onda i primi due episodi di Game of Thrones 8, dei quali alcuni fan si sono lamentati per i toni attendisti, che sembrano preparare la grande svolta che dovrebbe concretizzarsi proprio nel terzo appuntamento, atteso per lunedì 29 aprile alle ore 3.00 italiane.

In vista dell’episodio, il co-produttore e sceneggiatore Bryan Cogman ha parlato di quello che possiamo aspettarci, senza entrare eccessivamente nello specifico.

Attenzione! L’articolo che segue contiene anticipazioni dalla stagione 8 di Game of Thrones. Vi sconsigliamo di proseguire con la lettura se non avete visto i precedenti episodi.

game of thrones 8 jon snow 2

SPOILER

Se il primo episodio di Game of Thrones 8 ci ha portati a vedere il ritrovarsi di molti personaggi che sono diventati colonne portanti della serie, il secondo è stato una vera e propria preparazione all’arrivo del Re della Notte e del suo esercito, che dopo aver abbattuto parte della Barriera e aver preso Ultimo Focolare, si prepara ad assaltare Grande Inverno.

La battaglia si promette epocale, al punto che HBO ha parlato della più grande battaglia mai girata per qualsiasi media e ha rimarcato anche che si tratta, a tutti gli effetti, dei vivi che lottano faccia a faccia con la morte personificata. Un concetto che anche Cogman ha voluto approfondire:

Non voglio fare degli spoiler, ma parliamo letteralmente del terrore che viene a bussare alla porta di casa tua. Gli Estranei e il Re della Notte sono la fine personificata. Qualsiasi cosa questo significhi per te, è ciò che vedrete nel prossimo episodio.

Come dobbiamo interpretare il fatto che il Re della Notte sia la fine personificata? Significa che molti dei nostri personaggi preferiti, principali o di spalla, sono destinati a cadere di fronte all’armata che sta portando l’inverno nel Nord?

Cogman non si è sbilanciato ulteriormente, ma ha assicurato che gli sceneggiatori hanno voluto concentrarsi soprattutto sullo scrivere l’opera così come volevano che fosse, piuttosto che su quale ritmo gli spettatori si aspettassero di trovare. La loro visione, insomma, è stata realizzata fino in fondo: ora rimane solo da scoprire quale sia, già a partire da questa notte.

Avete già letto il commento spiritoso di Maisie Williams sulla scena che l’ha vista coinvolta in Game of Thrones 8×02?

Fonte: The Hollywood Reporter




TAG: game of thrones, il trono di spade