Recensioni degli utenti 4 min

Heroes of Hammerwatch Ultimate Edition

Avventure nelle miniere di Outlook

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Dopo l’uscita di The Binding Of Isaac, i roguelike/lite sono diventati sempre più popolari, fino a diventare probabilmente il genere più in voga degli ultimi anni, specialmente nell’ormai enorme panorama indie. I ragazzi di Crackshell, hanno deciso di cimentarsi anche loro in questo genere e per l’occasione hanno trasformato Hammerwatch, un loro hack and slash uscito anni fa, in un vero e proprio roguelite avente sempre lo stesso setting e pronto a mettere alla prova i giocatori più tenaci: Heroes of Hammerwatch.

Benvenuto ad Outlook!

La prima scelta da fare riguarderà la classe del vostro personaggio, avrete quindi a disposizione quattro classi iniziali come ad esempio: il Paladino, un classico guerriero armato di spada e scudo per chi predilige combattere con attacchi corpo a corpo o il Ranger e lo Stregone, due classi che utilizzano rispettivamente arco e magie per combattere a distanza i nemici. Andando avanti con il gioco avrete modo anche di sbloccare altre quattro classi come il Ladro, il più agile tra tutti e armato di due pugnali e coltelli da lancio. Una volta scelta la classe, il nome e personalizzato velocemente il vostro personaggio con un semplice editor, il gioco vi catapulterà senza troppi fronzoli ad Outlook, la vostra città, che imparerete a conoscere essendo l’hub centrale di tutto il gioco. La situazione iniziale è abbastanza disastrosa: buona parte degli edifici cade a pezzi o già completamente distrutta, molti cittadini sono sull’orlo della povertà e senza avere nessun fondo per poter lavorare. A chi toccherà quindi spaccarsi la schiena e rischiare la pelle per risanare l’economia della città? La risposta è facilmente immaginabile. Senza troppi giri di parole, il Re e capo della città, ci ordinerà di esplorare la pericolosa e misteriosa miniera nei paraggi per cercare di ricavare più oro possibile e riportare la città al suo vecchio splendore.

Esplora, spedisci, muori, ripeti.

Il gameplay è abbastanza semplice, dovrete avventurarvi in dungeon sempre più intricati e che brulicano di trappole e nemici pronti a farvi la pelle, alla ricerca di oro, diamanti e altri preziosi manufatti utili per la ristrutturazione della vostra città. Come vuole la regola base di questo genere, bisognerà stare attenti a non morire perché la morte, implica perdere tutto ciò che avete faticosamente raccolto (tranne i punti esperienza) fino a quel momento e ricominciare tutto da capo. C’è però una piccola differenza rispetto a molti altri titoli: in ogni piano che esplorerete, ci sarà sempre un carrello a vostra disposizione che vi permetterà di mandare in superficie, ad Outlook, le monete che avrete raccolto fino a quel momento in modo da metterle a sicuro (sottraendo giusto una piccola percentuale dal totale). Starà quindi a voi scegliere se rischiare andando avanti cercando di guadagnare il più possibile, oppure andarci più cauti e cercare di mettere da parte più monete possibile.

Una volta che il vostro gruzzolo comincerà ad avere numeri abbastanza importanti, potrete cominciare quindi a investire i vostri guadagni nel restauro e miglioramento di Outlook. Potrete quindi decidere di riparare la chiesa magari, in modo da sbloccare una classe iniziale, oppure di spendere i soldi per migliorare il vostro equipaggiamento iniziale o addirittura, pagare dei veri e propri “maestri” per imparare nuove abilità. Un’altra interessante opzione da sbloccare, è la fontana che avrete modo di riparare in modo da sbloccare la possibilità di applicare diversi malus o bonus per aggiungere un pizzico di varietà alle vostre avventure. Il gioco propone davvero un elevato numero di potenziamenti e sbloccabili che aumentano a dismisura la ottima longevità del titolo: serviranno davvero tante ore per arrivare a vedere tutto ciò che ha da offrire il mondo di Hammerwatch, specialmente in questa edizione che contiene anche nuove zone da esplorare (assolutamente da fare una volta potenziati per bene, vista la difficoltà elevata) e nuovi nemici da affrontare.

Il titolo da il meglio di sé giocato con altri giocatori

E qua arriviamo al punto più importante: come si combatte? Avrete a disposizione l’attacco principale che cambia a seconda della classe scelta, magari un colpo di spada o una freccia scoccata, e un attacco secondario, come ad esempio il lancio di tre coltelli per il Ladro, che consumerà una barra apposita ad ogni utilizzo. Oltre a questi attacchi iniziali, che saranno potenziabili con il passare del tempo, avrete la possibilità di sbloccare nuove e utili abilità pronte ad aiutarvi in ogni situazione. I combattimenti si rivelano sempre abbastanza rapidi e spesso l’azione su schermo, sfocerà in un vero e proprio delirio visivo degno dei migliori bullet hell che metterà alla prova i vostri riflessi. Il tutto, servirà a far mantenere al titolo un ritmo sempre fluido che vi darà ben pochi momenti di respiro, infatti oltre ai nemici e boss dovrete fare attenzione anche alle varie trappole disseminate per i livelli che, alla minima disattenzione, potrebbero costarvi facilmente la partita causando l’inesorabile game over.

Chi fa da sé… gode solo a metà

La vera punta di diamante del titolo però, risiede nell’interessante modalità cooperativa fino a 3 giocatori (purtroppo solo online), in grado di regalare ancora più divertimento per molte altre ore. I vostri eventuali compagni di avventura, potranno unirsi alla vostra partita in ogni momento e ognuno avrà modo di salvare i propri progressi quando arriverà il momento di salutarsi e tornare alla propria avventura. Per quanto giocare da soli abbia il suo fascino, non si può certo negare che solo giocando Heroes of the Hammerwatch con altri giocatori riuscirete ad assaporare il vero potenziale del titolo.

Graficamente il titolo, eguagliando il suo predecessore, opta per il classico stile pixel art che per quanto faccia il suo dovere, potrebbe non piacere a tutti, specialmente per chi è (giustamente) saturo di uno stile grafico ormai abusato nel panorama indie. Sullo stesso livello il comparto audio, con musiche che fanno il loro dovere senza però mai riuscire davvero a rimanere impresse nelle vostre orecchie.

VOTO: 8,5

Heroes Of The Hammerwatch è un buonissimo rogue-lite con tonnellate di cose da fare e sbloccare, in grado di intrattenervi per svariate ore a patto di avere la giusta pazienza nell'apprendere le meccaniche del gioco e riuscire a padroneggiare ogni singola abilità a vostra disposizione. Il titolo non si farà scrupoli, soprattutto durante le vostre prime ore, e vi butterà subito nella mischia, senza darvi neanche un minimo di aiuto. Se quindi siete in cerca di nuove sfide e magari avete dei compagni pronti ad accompagnarvi, avrete pane per i vostri denti.

Pro

  • Longevità di altissimo livello (anche grazie ai DLC inclusi)
  • Classi ben diversificate e gameplay soddisfacente
  • In compagnia è ancora più divertente!

Contro

  • Graficamente non eccelso
  • Da soli perde un po' il suo fascino