Recensioni degli utenti 2 min

Flowers by POWGI

Parole petalose

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Continua senza sosta l’avventura di Lightwood Games nel campo dell’enigmistica per console. Lo sviluppatore inglese, sempre attivo e ricco di fantasia come sa chiunque segua da un po’ Chris Newman, torna su PlayStation con una nuova interpretazione della corrente videoludica “by POWGI”. Si tratta, in breve, del ramo enigmistico più legato ai giochi di parole, che ha già visto annoverare tra le sue fila molti e svariati esperimenti, alcuni più riusciti e coinvolgenti e altri meno.

Flowers by POWGI si inserisce nel solco della sua “tradizione” proponendo un passatempo basato sul completamento di parole. Nello specifico, dovremo fare ricorso a tutte le nostre conoscenze di inglese (o ai tentativi casuali, s’intende, anche se con meno divertimento), per individuare termini che condividono lo stesso numero di lettere e la stessa sequenza di lettere centrali.

A livello visivo, il gioco sceglie di impostare gli schemi dando loro la forma di fiori, e da qui deriva il titolo del gioco. Il “polline” contiene le lettere centrali condivise e i petali sono rettangoli vuoti pronti a ospitare sillabe di due o tre lettere in base al livello di difficoltà. Va da sé che non è lasciato tutto al nostro ragionamento, anche perché i giochi di Lightwood Games sono notoriamente giochi per tutti. Le sillabe, infatti, sono elencate nella parte destra dello schermo e da qui dovremo selezionarle per ricostruire le parole.

A livello pratico, il tutto funziona come segue. Ci troviamo davanti al fiore stilizzato che mostra solo le lettere centrali condivise. Selezionando uno dei riquadri-petalo possiamo inserire una sillaba a scelta tra quelle presenti. A questo punto il cursore si sposta nel riquadro consecutivo a quello appena riempito, consentendoci di completare la parola. Il tutto va ripetuto fino al completamento dell’intero schema.

Flowers by POWGI presenta oltre duecento livelli, a complessità crescente, nel senso che si passa gradualmente a fiori con più petali e a sillabe da tre lettere invece di due. La complessità non va necessariamente di pari passo con la difficoltà, anche se molto dipende dal livello di inglese di ognuno e dal lessico che per un motivo o per l’altro porterà alcuni giocatori a individuare determinate parole invece di altre.

Come sempre, il titolo mette a disposizione un comodo ed efficace sistema di aiuti. Premendo in qualunque momento una combinazione di tasti è possibile ricevere un avviso che indica quanti errori sono presenti nel nostro schema e che consente di correggerli automaticamente, lasciando solo le sillabe giuste. In questo modo possiamo aggirare l’eventuale frustrazione e raggiungere in scioltezza la risoluzione dell’enigma, con la conseguente soddisfazione e l’immancabile freddura riportata dal cagnolino reso famoso dalla serie POWGI.

Nel complesso, Flowers by POWGI si inserisce senza infamia e senza lode nel catalogo di Lightwood Games, con punti di forza rappresentati dall’accessibilità e dalla mole di schemi presenti. In questo caso manca un po’ di mordente, per quella che, rispetto ad altri giochi, si configura come un’esperienza abbastanza piatta e incolore, non solo a livello grafico. Va da sé che gli amanti dell’enigmistica e dei platini facili troveranno quello che cercano senza il problema di farsi troppe domande.

VOTO: 6,0

Flowers by POWGI è un altro esperimento enigmistico-videoludico di Lightwood Games che procede in modo abbastanza lineare e insapore. Rispetto ad altri giochi manca qualcosa capace di stimolare a fondo la volontà di arrivare al completamento degli schemi, a meno che non si proceda all'acquisto solo per avere un platino facile.

Pro

  • La grande quantità di schemi rende il gioco molto longevo
  • Il sistema di aiuti rende il gioco accessibile a tutti

Contro

  • Esperienza piuttosto piatta e ripetitiva
  • Chi non mastica l'inglese deve procedere a tentativi