Recensioni degli utenti 3 min

Fall Guys: Ultimate Knockout

Il Minotauro di Chieti

Correva l’anno 1986 quando in Giappone venne trasmesso per la prima volta Takeshi’s Castle, un game show in cui i concorrenti si sfidavano in una serie di sfide ad eliminazione, basate su resistenza, tempismo ed abilità: solo il più abile e fortunato sarebbe riuscito ad arrivare all’ultima sfida, il castello di Takeshi, per tentare di reclamare il ricco premio economico in palio. Destinato a diventare un vero e proprio cult in tutto il mondo , la serie trovò fama in Italia ad inizio anni 90 grazie alla Gialappa’s Band che, con il suo format “Mai dire Banzai”, commentava sarcasticamente le imprese improbabili di sfortunatissimi concorrenti giapponesi. Negli anni successivi, Takeshi’s Castle continuò ad essere riproposto, con nuovi commentatori e nuovi format televisivi, lasciando però sempre inalterata la sua iconicità ed il suo intrinseco divertimento.

Corre l’anno 2020 e Mediatonic riesce, dopo anni di difficoltà nella ricerca di un publisher, a portare sugli scaffali virtuali (PSN/Steam) un omaggio video-ludico al programma giapponese di oltre 30 anni fa. Grazie a Devolver Digital, arriva dunque finalmente il momento di Fall Guys: Ultimate Knockout, un esilarante battle royale in cui 60 giocatori si danno battaglia attraverso una serie di prove ad eliminazione diretta, per cercare di agguantare il premio di Fall Guy superstite.

Fall Guys riprende in maniera evidente la tradizione di Takeshi’s Castle: i giocatori si troveranno dunque ad affrontare gare di velocità, percorsi ad ostacoli, prove di memoria, giochi di gruppo, in cui solo i player più abili, veloci e fortunati troveranno la qualifica alla fase successiva. Le prove a disposizione, molteplici e varie, vengono selezionate casualmente in base al numero dei partecipanti residui: dopo 3 o 4 fasi di eliminatorie, si giungerà alla finale, anch’essa selezionata random tra una serie di alternative, in cui i player superstiti tenteranno di reclamare la corona di vincitore. Troveremo quindi una moltitudine di prove tra cui: raggiungere il traguardo correndo a perdifiato evitando porte chiuse o piattaforme rotanti, arrivare alla cima di una scalata evitando di cadere nella melma sottostante, vincere una sfida di calcio sul modello di Rocket League, spingere biglie giganti alla fine di un percorso prima degli avversari e molto altro. La follia dilagante del titolo trova inoltre un necessario elemento nella fisica implementata, che risulta volutamente estremamente approssimativa e caricaturale: capiterà dunque di cadere addosso ad altri player generando cadute collettive, di essere colpiti dagli ostacoli mobili e finire a metri di distanza, di trattenere altri player per farli inciampare rovinosamente compromettendo la possibilità di qualificazione.

Il design generale è molto colorato, risultando fresco, brillante e distensivo.

Il design generale, artistico e non solo, è ispirato ai colori, suoni e forme geometriche tipiche dei luna park e dei giochi a premi, risultando molto fresco, brillante e distensivo. I Fall Guys, un mix evidente tra i Minions di Cattivissimo Me ed il Baymax di Big Hero 6, son esseri goffi e particolarmente buffi sia nelle movenze sia nei loro versi: grazie alle ricompense ottenute dalla vittoria dei mini-giochi, sarà possibile investire la moneta in-game, i Kudos, oltre che barattare le corone della vittoria, con elementi di personalizzazione con i quali cambiare aspetto, colori, pattern ed animazioni del nostro alter ego virtuale. Anche le musiche non si sottraggono al mood generale della produzione, accompagnando allegramente l’azione a schermo.

Concettualmente estremamente lineare, il titolo ha trovato una fortuna istantanea e clamorosa (grazie anche al suo essere gratuito per gli utenti PS Plus per il mese di Agosto), balzando in cima ai titoli più streamati dalle piattaforme di condivisione: divertentissimo da giocare ed altrettanto da vedere, il titolo Mediatonic offre il meglio di sé con partite tra amici, in cui tirar fuori tutto il proprio animo competitivo, per una volta in un titolo che non prevede la ricerca della kill o del miglior equipaggiamento, ma esclusivamente la prova di abilità e fortuna in una riproposizione video-ludica di un game show giapponese.

La longevità del titolo attualmente poggia quasi esclusivamente sulla voglia di migliorarsi, per la gloria personale e per sbloccare quante più personalizzazioni possibili legate alla stagione in corso: non esiste infatti una leaderboard online o una pagina con statistiche personali e non vi sono altri obiettivi di lungo termine (salvo i trofei/obiettivi, che ospitano anche il quasi impossibile “vinci 5 gare in fila”… auguri) o modalità alternative , il che potrebbe scoraggiare molti player, non solo all’acquisto del titolo (19,99 euro) ma anche ad incrementare il playtime. Mediatonic a tale riguardo ha promesso un supporto costante e duraturo al proprio battle royale ed è già disponibile un primo sneak peak sulla seconda season, a tema fantasy fantasy medievale, in cui ci saranno nuovi mini-giochi con nuove meccaniche, oltre al rilascio di una nuova serie di personalizzazioni per i Fall Guys ed introduzione di nuove funzionalità richieste. Sarà dunque solo il tempo a dire se Fall Guys potrà essere un instan classic del mondo battle royale o un fuoco di paglia destinato a consumarsi nel giro di pochi mesi.

VOTO: 7,5

Piattaforme: pc, ps4
Fall Guys: Ultimate Knockout è un piccolo titolo folle che incarna i sogni di quanti hanno sempre desiderato (masochisticamente?) di partecipare ad una puntata di Takeshi’s Castle. Clamorosamente divertente e delirante, il titolo Mediatonic offre un’esperienza ludica alternativa e fresca, che ha trovato un immediato ed enorme successo nel pubblico, anche grazie ad una coraggiosa iniziativa di distribuzione iniziale. Solo il tempo ci dirà se il titolo avrà un roseo e duraturo futuro oppure rimarrà un dolce ricordo: nel frattempo, dategli una possibilità, soprattutto se avete amici con i quali affrontare la corsa alla corona.

Pro

  • Una ventata di novità nel panorama dei battle royale
  • Design funzionale ed accattivante
  • Esilarante da vedere ed assuefante da giocare

Contro

  • Poco mordente sulla distanza
  • Senza amici con i quali giocare, perde parte della sua carica vitale
  • Potrebbe far uscire la parte malvagia insita in ogni player