Recensioni degli utenti 2 min

Evergate

The soul still burns

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Nato grazie ad una campagna Kickstarter, Evergate è un puzzle platformer sviluppato da Stone Lantern Games e pubblicato da PQube il 18 agosto 2020, contestualmente al suo annuncio avvenuto al Nintendo Indie World Showcase. Sebbene possa sembrare a prima vista un titolo con ampie ispirazioni alla serie di Ori sviluppata da Moon Studios, la sensazione cede ben presto il passo alla consapevolezza di trovarsi di fronte un titolo coraggioso con una propria identità, forte e distinta.

Evergate stupisce fin dalle prime fasi della componente narrativa. Protagonista è una piccola anima di nome Ki, che si risveglia nel mondo dell’Aldilà: in procinto di reincarnarsi, il portale magico che conduce nuovamente alla Terra, l’Evergate, inizierà a mostrare segni di un deterioramento dovuto ad un male sconosciuto e misterioso. Ki inizierà dunque un viaggio attraverso il tempo e lo spazio dei ricordi di vite passate, per sventare la minaccia che incombe sull’intero Aldilà. La trama viene narrata simbolicamente attraverso uno stile minimale ed emotivo, che va a toccare tematiche profonde con grazia e delicatezza, attraverso colpi di scena continui fino ad un finale memorabile e commovente.

Il titolo di Stone Lantern Games scandisce la propria personalità anche sul fronte del gameplay, proponendo una originale interpretazione a metà strada tra il platform 2D ed il puzzle game. Nell’affrontare gli 85 livelli di cui è composto il titolo, Ki dovrà padroneggiare la Fiamma dell’Anima, una manifestazione rettilinea del proprio potere. Calibrandone l’uso ed interagendo costantemente con lo scenario con essa, Ki sarà in grado di attraversare i pericoli posti sul proprio cammino: gli elementi interattivi permetteranno, ad esempio, di ricevere uno slancio per superare un baratro, di creare una piattaforma da sfruttare, di teletrasportarsi a distanze inconcepibili e molto altro ancora. L’incredibile varietà di interazioni possibili si lega con la crescente complessità ed eterogeneità dei tantissimi livelli disponibili, regalando al gameplay una freschezza costante nonché un grado di sfida da non sottovalutare. La difficoltà del titolo infatti è strettamente connessa alla grande precisione richiesta al player nella lettura degli enigmi ambientali e nel tempismo della propria manualità: il ciclo try & error sarà un elemento ricorrente nel proseguimento dell’avventura, anche a causa di un sistema di controllo puntuale ma al contempo non sempre perfettamente responsivo in relazione alle severe esigenze richieste.

Per procedere nei tanti livelli, Ki dovrà padroneggiare la Fiamma dell’Anima, una manifestazione rettilinea del proprio potere

La direzione artistica sposa lo stile minimale della narrazione, abbracciando un impatto visivo dolce ed al contempo solenne: è un peccato tuttavia che le ambientazioni riservino qualche acerbità di troppo, non solo di natura tecnica. Impeccabile è invece l’evocativa colonna sonora la quale, composta da brani splendidi ed emozionanti che scandiscono ed accompagnano le vicende di Ki, costituisce un incredibile valore aggiunto alla produzione.

La longevità del titolo si presta ad un’analisi trasversale. Sebbene i titoli di coda possano essere raggiunti in circa 6 ore, il dato può scendere laddove si riesca a risolvere rapidamente gli enigmi o, viceversa, la longevità può incrementare in caso siano necessari più tentativi per venire a capo dei livelli più articolati. Accanto a questa osservazione, il titolo pone al giocatore una moltitudine di collezionabili da raccogliere in ogni livello, che sbloccano l’accesso a perk esclusivi con i quali poter incrementare o alterare la abilità di Ki. Per raccoglierli tutti sarà necessario non solo terminare i livelli sfruttando in un preciso ordine ogni risorsa ed interazione ambientale disponibile, ma anche affrontarli e concluderli in un tempo limite.

VOTO: 8

Evergate è una piccola perla del mondo indie: nonostante mere somiglianze estetiche con la blasonata IP di Moon Studios, il titolo Stone Lantern Games splende di luce propria. Un gameplay impegnativo ed appagante si unisce elegantemente con una storia emozionante e delicata, sorretta da una colonna sonora memorabile. Nonostante alcune piccole sbavature di game design e una direzione artistica solenne che tuttavia presta il fianco a qualche eccessiva asprezza, Evergate è un titolo imperdibile per tutti gli amanti dei platform/puzzle game impegnativi e gratificanti nonché per chi vuole ascoltare una storia che scalda il cuore.

Pro

  • Puzzle game impegnativo, longevo e gratificante
  • Trama profonda e toccante
  • Colonna sonora splendida

Contro

  • Il sistema di controllo a volte non è preciso tanto quanto richiesto dalle situazioni
  • Acerbo tecnicamente e in alcune ambientazioni
  • I perk sono molti ma non sempre bilanciati correttamente