Recensioni degli utenti 2 min

Escape from Life Inc

Tre is megl che uan

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Un adolescente, da solo, ha realizzato Escape from Life Inc. Ho scoperto tale straordinaria paternità dopo aver terminato il gioco sicché il mio giudizio non ne è stato influenzato.

Escape from Life Inc è un adventure con elementi platform il cui dato caratteristico è la cooperazione fra i tre protagonisti controllati dal giocatore: un’aquila (ovviamente capace di volare), un pesciolino cui sono state applicate delle zampe (il pesciolino nuota anche, certo, oltre a zampettare) e un cervo, che usa le corna per distruggere elementi ambientali e per attaccare nemici. Il giocatore sceglie al volo quale dei tre protagonisti controllare in modo diretto mentre gli altri due possono essere tenuti a riposo oppure possono seguire automaticamente il capofila temporaneamente selezionato. Ciascuno dei tre acquisirà dei power-up capaci di svincolare lo sviluppo della storia al momento opportuno. L’interazione fra le diverse capacità degli animali risolve puzzle ambientali molto ben congegnati e con un’adeguata progressione della complessità. Level design intelligente, hai capito l’adolescente!

Colpisce da subito l’umorismo discretamente cinico (a tratti è proprio humour noir) di Escape from Life Inc, che si manifesta attraverso i dialoghi, la trama, il design stesso dei personaggi, il contesto. Gli animali si ritrovano rapiti e intrappolati da entità aliene all’interno di un enorme stabilimento di ricerca pseudo-scientifica all’interno del quale vengono modificati, manipolati, sacrificati. L’unico modo per fuggire in tempo è legato alla collaborazione, estesa all’intera comunità di animali presente presso lo stabilimento e popolata da attivisti, rassegnati, passivi, tutti strambi almeno un po’ e tutti capaci di ravvivare l’atmosfera attraverso linee di dialogo mai banali.

La grafica è molto minimalista, ma dietro di essa c'è un gioco molto ben fatto

Escape from Life Inc dà l’impressione di essere vicino ai classici del passato, ma in modo non citazionistico bensì naturalmente derivativo. Il che sorprende ancora pensando all’età del realizzatore (che risponde al nick di PowerBurger).

All’interno della struttura della Life Inc. si gode di una buona libertà di movimento che evita la sensazione di linearità del progresso. La scelta della giusta combinazione fra le abilità dei protagonisti in ciascun quadro non è difficile ma soddisfa abbastanza: leve, pulsanti, switch, attrezzature mobili crescono di numero e articolazione andando avanti con la storia e chiedono un impegno moderato ma mai assente.

L’esplorazione è discretamente incoraggiata da parecchi collezionabili e piccoli segreti, tuttavia non necessari alla realizzazione della fuga né utili per agevolarla: la scelta se scavare nell’avventura o se solo attraversarla rimane libera.

VOTO: 7

In definitiva, Escape from Life Inc si dimostra un gioco intelligente ed equilibrato. Il tocco surreale un po’ naive è certamente voluto dall’autore e non un segno della sua immaturità, anagrafica o tecnica. Con garbo tiene compagnia per qualche ora e provoca diversi sorrisi compiaciuti. Niente di eclatante ma un’opera valida e con una spiccata personalità.

Pro

  • Buon bilanciamento
  • Contesto accattivante
  • Dialoghi attenti

Contro

  • La gradevole battaglia contro il boss finale (unica nel gioco) lascia il rimpianto di non averne avute di più