Recensioni degli utenti 2 min

Beach Bounce Remastered

Lavoretto estivo

Questo è un contenuto creato dalla community degli utenti del forum di SpazioGames.it e pertanto non è rappresentativo della testata giornalistica SpazioGames.it, né della sua redazione.

Nel lontano 2007, la “famosa” casa di produzione Crossnet-Pie rilasciava sul mercato giapponese Resort Boin, una visual novel destinata a rimanere nel cuore degli appassionati per i suoi bellissimi artwork, per l’atmosfera estiva e spensierata, per i dialoghi frizzanti e divertenti… e soprattutto per un contenuto erotico sopra le righe e sempre on point. Scusate, stavamo parlando di un classico dell’hentai, non l’avevamo detto? La trama, senza troppi fronzoli e senza troppi orpelli, vedeva un povero ragazzo di città catapultato su un’isola tropicale per gestire la pensioncina che fu della nonna… solo per poi ritrovarsi invischiato in un torbido gioco di sesso e potere con le molte ragazze presenti.

Ecco, le premesse di Beach Bounce Remastered (la versione originale è uscita nel 2015 su PC) sono le stesse, identiche. Un ragazzo di città, Tomoyo, viene mandato dalla nonna che si trova in ospedale a gestire il suo resort, su un’isola tropicale. E dove, casualmente, tutte le dipendenti sono ragazze avvenenti, formose e promiscue. Niente di più e niente di meno.

Beach Bounce Remastered è una visual novel banale e scritta male

Il gioco si snoda vorticoso tra situazioni peperine che possono solleticare le fantasie di chiunque, dalla classica scenetta alle terme ai momenti piccanti in spiaggia, senza dimenticarsi del cliché “manutentore in camera”. Peccato che si resti giusto solleticati, visto che il gioco su Switch è tagliato nei contenuti più espliciti. Non sono rari i casi in cui si arriva a “la ragazza si avvicinò a voi togliendosi il reggiseno” solo per poi vedersi diventare lo schermo nero con un cambio di scena repentino. Giustissimo lasciare qualcosa all’immaginazione ma così è troppo. Anche perché poi al gioco cosa rimane? Nulla. Una visual novel banale, scritta male, con disegni grossolani e un retrogusto di déjà-vu mica da ridere.

Certo, direte voi, rimangono sempre ore e ore di dialoghi sbarazzini con Sakura, Mineko o Yuuki. Sicuramente ci saranno estimatori di “generic anime girl” che non vedranno l’ora di battibeccare con la tsundere, la maschiaccia o la timidina-fuori-maialona-dentro, ne sono sicuro. Per tutti gli altri, però, potrebbe rivelarsi una pratica al limite della perdita di tempo.

VOTO: 2

Beach Bounce Remastered, in definitiva, è un gioco da evitare assolutamente su Switch. Già su PC non avrebbe troppo senso di esistere visto che è un mero clone di un altro titolo più famoso e prende a piene mani dagli stereotipi più laidi del genere, ma sulla console Nintendo è ancora più sbagliato, visto che mancano le scene che danno senso di esistere al titolo. Da evitare completamente.

Pro

  • I completisti potrebbero azzardare una seconda (o terza, o quarta) run per sbloccare tutti i finali disponibili

Contro

  • Disegni e fondali poco curati e con uno stile generico
  • Nessun motivo reale di comprare un nukige su Switch